Frank Williams, il manager dominante della Formula 1, è morto all’età di 79 anni

Sua madre alla fine lo mandò in un collegio cattolico in Scozia, dove trovò il suo amore per le auto e la velocità, soprattutto dopo aver guidato per la Jaguar del suo amico.

Sebbene eccellesse nelle lingue – parlava fluentemente diverse lingue, incluso l’italiano – e superava gli esami di ammissione all’università, saltò l’università per andare alle gare. Si è mantenuto con una serie di lavori quotidiani, incluso come rappresentante dello Yorkshire per Campbell Soup.

Tra un lavoro e l’altro, ha viaggiato in tutta Europa, lavorando come meccanico non pagato in squadre di perforazione in alcuni dei circuiti più piccoli del continente. Ha anche corso, a volte, ma con scarso successo.

Invece, ha scoperto di avere un talento per il lato commerciale dello sport. Durante i suoi viaggi in Europa, ha comprato e venduto parti, ha mediato il flusso di candele e pneumatici tra dozzine di squadre da corsa e ha fatto una piccola somma di denaro per avviare la sua squadra.

Fondata da Frank Williams Racing Cars nel 1966, con Pierce Courage come pilota, ha gareggiato nelle gare di Formula 2. Tre anni dopo, sono passati alla Formula 1, il livello d’élite degli sport motoristici, e Mr. Courage, ricco ed erede di una fortuna , divenne improvvisamente uno dei più famosi sportivi in ​​Gran Bretagna.

Sebbene il signor Williams abbia affermato di non aver mai pensato di lasciare lo sport sulla scia della morte del suo amico, ha chiaramente avuto un impatto su di lui e sulla sua squadra. Incapace di trovare un pilota vincente, è stato rapidamente impantanato nei debiti, ha eluso gli esattori e ha lavorato in una cabina telefonica dopo aver smesso di pagare le bollette del telefono.

READ  Xavi nominato allenatore del Barcellona, ​​Howe "allenatore del Newcastle da annunciare", il Tottenham vince sulla reazione del Vitesse, notizie di trasferimento del Chelsea

Sua moglie, Virginia, che sposò nel 1974, lo tenne a galla, prestandogli i soldi che i suoi genitori le mandavano. Lo spendeva liberamente nella sua ossessione; Una volta, quando lei gli diede otto sterline per la spesa, lui le spese invece per le candele.

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x