Funzionari statunitensi avvertono di un aumento delle malattie batteriche che potrebbero portare alla meningite e forse alla morte

Funzionari statunitensi avvertono di un aumento delle malattie batteriche che potrebbero portare alla meningite e forse alla morte




Mike Staub, Associated Press

Pubblicato venerdì 29 marzo 2024 alle 22:14 EST



Ultimo aggiornamento venerdì 29 marzo 2024 alle 22:16 EST

NEW YORK (AP) – I funzionari sanitari statunitensi avvertono di un aumento di malattie batteriche rare che possono portare alla meningite e alla possibile morte.

Giovedì i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno emesso un avviso ai medici statunitensi riguardo a un aumento dei casi di un tipo di malattia meningococcica invasiva, causata principalmente da uno specifico ceppo di batteri.

L’anno scorso, negli Stati Uniti sono stati segnalati 422 casi di malattia, il numero massimo dal 2014. Quest’anno sono già stati segnalati 143 casi, il che significa che le infezioni sembrano sulla buona strada per superare il 2023, ha affermato il CDC. La maggior parte dei casi dello scorso anno non erano legati alla meningite, anche se almeno 17 persone sono morte. I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno affermato che i casi erano sproporzionatamente più comuni tra gli adulti di età compresa tra 30 e 60 anni e tra i neri e le persone con HIV.

I batteri possono causare una grave infezione del cervello e del midollo spinale chiamata meningite, con sintomi che possono includere febbre, mal di testa, rigidità del collo, nausea e vomito. I batteri possono anche causare un’infezione nel flusso sanguigno con sintomi come brividi, affaticamento, mani e piedi freddi, respiro accelerato, diarrea o, negli stadi successivi, un’eruzione cutanea viola scuro.

L’infezione può essere trattata con antibiotici, ma è essenziale un trattamento tempestivo. Si stima che una percentuale compresa tra il 10% e il 15% delle persone infette muoia e i sopravvissuti a volte subiscano sordità o amputazione.

READ  Una foto straordinaria cattura l'epica collisione di tre galassie

Esistono anche vaccini contro la malattia meningococcica.

I funzionari raccomandano che tutti i bambini ricevano il vaccino contro il meningococco, che protegge dal crescente ceppo, nel periodo in cui entrano nella scuola media. Man mano che la protezione del vaccino svanisce, il CDC raccomanda anche una dose di richiamo all’età di 16 anni. L'iniezione è consigliata anche alle persone a rischio più elevato, come quelle che vivono in un luogo in cui si sta verificando un'epidemia o quelle affette da HIV o da determinate altre condizioni di salute.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x