Georgia Park with Giant Confederate Sculpture approva le modifiche

Questo articolo è stato ripubblicato qui con il permesso di Associated Press. Questo contenuto è condiviso qui perché l’argomento potrebbe interessare i lettori di Snopes; Tuttavia, non rappresenta il lavoro dei verificatori o dei redattori di Snopes.

MONTAGNA DI PIETRA, Ga. (AP) – Il consiglio di amministrazione che sovrintende a un parco di montagna vicino ad Atlanta ha votato lunedì con una gigantesca scultura di leader confederati per spostare le bandiere confederate da un percorso pedonale e creare una mostra museale che riconosca il collegamento del sito al Ku Klux Klan.

Le mosse facevano parte di uno sforzo da parte della Stone Mountain Memorial Association per contrastare le critiche all’eredità della Confederazione nel parco e sostenere le sue finanze. Il presidente del sindacato ha promesso di apportare ulteriori modifiche.

“Abbiamo appena fatto il nostro primo passo oggi verso dove dobbiamo andare”, ha detto il reverendo Abraham Mosley in una conferenza stampa dopo il voto. Moseley, nominato il mese scorso dal governatore Brian Kemp, è il primo presidente afroamericano del consiglio di amministrazione.

Il consiglio non ha toccato la scultura durante la riunione del lunedì, ma Moseley non ha escluso di apportare modifiche in futuro. I critici hanno chiesto al consiglio di rimuovere la colossale statua del generale Robert E. Lee, del presidente confederato Jefferson Davis e del generale Thomas J “Stonewall” Jackson dalla parete nord della montagna. Completato nel 1972, è largo 190 piedi (58 metri) e lungo 90 piedi (27 metri). È il più grande monumento confederato mai creato e ha protezioni speciali previste dalla legge della Georgia.

READ  Il Consiglio dei Ministri sudanese vota per abolire la legge israeliana sul boicottaggio Notizie di politica

Le modifiche approvate lunedì sono arrivate in mezzo a un resoconto nazionale sulla razza che ha fatto cadere dozzine di artefatti confederati lo scorso anno. Molti dei monumenti confederati che sono ora controversi furono eretti all’inizio del XX secolo da gruppi composti da donne e veterani. Alcuni generali d’onore o soldati. Altri portano iscrizioni che secondo i critici ignorano la schiavitù come causa della guerra civile o descrivono la causa della Confederazione come nobile.

I lavori di scultura in pietra di montagna si indebolirono fino a quando lo stato non acquistò la montagna e il terreno circostante nel 1958 per creare un parco pubblico. Il completamento del monumento ha acquisito rinnovata urgenza tra la resistenza della Georgia e altri stati del sud al movimento per i diritti civili e gli sforzi per porre fine all’apartheid.

Oggi, il parco a 15 miglia (25 chilometri) a nord-est del centro di Atlanta si propone come un parco a tema per famiglie piuttosto che come un monumento confederato. Attrae un gran numero di turisti e altri visitatori interessati a fare escursioni in cima a una montagna o fare escursioni nei terreni. Tuttavia, è pieno di immagini confederate.

John Evans, ex presidente NAACP della contea di DeKalb, ha detto al consiglio di amministrazione di Stone Mountain prima del voto che dovevano fare di più.

“Dobbiamo togliere le bandiere. Dobbiamo cambiare tutti i nomi delle strade e fare quello che avevamo detto che avremmo fatto: eliminare la Confederazione dallo Stone Mountain Park”, ha detto.

Un membro dei veterani confederati che ha parlato in una riunione lunedì ha detto che la conservazione della scultura della montagna di pietra non è razzista ma un modo per onorare i soldati che hanno combattuto per la Confederazione. Eric Cleveland ha detto di non avere un grosso problema con le modifiche approvate dal consiglio, definendole un “compromesso”, ma ha detto che avrebbero incoraggiato i critici.

READ  Processo a un giornalista americano arrestato mentre copriva la protesta del BLM | Le vite dei neri contano per le notizie

“Queste persone non si fermeranno finché tutta la nostra storia non sarà cancellata”, ha detto.

Bill Stevens, CEO della Stone Mountain Memorial Association, ha affermato che la mostra del museo approvata dal consiglio collegherà la storia della scultura, comprese le sue radici negli sforzi per preservare il capitolo. Rifletterà anche il ruolo del sito nella rinascita del Ku Klux Klan. Il gruppo ha celebrato il loro ritorno con una croce illuminata sulla montagna la vigilia del Ringraziamento 1915.

Il consiglio ha anche votato per cambiare il parco a tema, che attualmente presenta sculture confederate, e cercare il riconoscimento federale per il ponte costruito da un eminente afroamericano.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x