Giorgia Meloni va in guerra con i re dell'auto italiani

Giorgia Meloni va in guerra con i re dell'auto italiani

Il 20 gennaio La Repubblica ha pubblicato un articolo esclusivo in prima pagina intitolato L'Italia in vendita, in cui si riferiva che il governo Meloni stava progettando di vendere quote di minoranza in diverse imprese statali, tra cui ENI e Sociedad Italiano. . Posta dell'ufficio postale.

Per un partito che si vanta delle proprie credenziali nazionaliste, la vendita dei beni italiani è in contrasto con la posizione politica della Meloni.

Sebbene difficilmente l'assetto proprietario possa incidere sulla linea editoriale del giornale, nei giorni successivi alla vicenda la Meloni intensifica i suoi attacchi agli Stellanti e, per procura, alla famiglia Agnelli.

Recentemente ha detto alla televisione italiana che non avrebbe ricevuto “una lezione” da un gruppo che “ha venduto la Fiat ai francesi”.

Leo Goretti, dell’Istituto per gli Affari Internazionali di Roma, afferma che l’attacco a Stellantis ha un buon senso politico e fornisce un modo per neutralizzare la narrativa secondo cui Stellantis non è pro-Italia.

“Si sta difendendo dalle accuse di svendita dell’Italia”, dice.

“Il punto che Meloni cerca di sottolineare è che il governo non va contro l'interesse nazionale dell'Italia mentre lì il problema è il gruppo Stellantis. È una questione politica e il governo sta rispondendo”.

Nelle ultime settimane, Elkann è stato costretto a negare che Stellantis stesse cercando di aumentare la sua influenza francese attraverso una fusione con Renault.

Ha detto che l'azienda è impegnata per l'Italia, e anche la Meloni lo spera.

READ  Il famoso negozio di formaggi di New York sta chiudendo dopo 130 anni di trasferimento programmato nel New Jersey

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x