Giorgio B. Bush lancia la sua candidatura a procuratore generale del Texas

“Sono orgoglioso di annunciare che sono un candidato repubblicano per essere il prossimo procuratore generale dello stato del Texas”, ha detto ai sostenitori ad Austin.

Venendo fuori oscillando nella sua campagna pubblicitaria, Bush ha sparato a Paxton, che è attualmente accusato di frode sui titoli e, separatamente, deve affrontare un’indagine dell’FBI per abuso d’ufficio.

“Basta così, Ken”, disse Bush, “hai portato troppo scandalo e poca integrità in questo lavoro”. “è il momento di andare.”

Bush – figlio dell’ex governatore della Florida Jeb Bush, nipote dell’ex presidente George W. Bush e nipote del defunto presidente George Bush Sr. – è Lavora come sostenitore dell’ex presidente Donald Trump, nonostante il disaccordo a volte acuto tra Trump e la famiglia Bush.

Durante il calcio d’inizio della campagna al Backyard Bear Garden nel centro di Austin, i sostenitori hanno salutato Bush come il futuro del Partito Repubblicano del Texas e hanno evidenziato il suo sostegno a Trump come figura chiave.

“Penso che possiamo essere tutti d’accordo sul fatto che il presidente Trump è stata una delle cose migliori che siano successe a questo paese”, ha detto Karen Newton, ex presidente della Federazione delle donne repubblicane del Texas, sul palco come uno degli oratori di apertura prima di Bush.

Joachim Hernandez, vicepresidente della Texas Youth Republican Federation, ha affermato che Bush è in una posizione unica per unire il Partito Repubblicano. “Ha una comprovata esperienza di sostegno alle politiche del presidente Trump e America First, ma ha anche una comprovata esperienza di carattere e integrità”.

Come commissario per la terra dal 2015, Bush è stato a lungo visto dagli osservatori politici come una stella nascente nel Partito Repubblicano. Parla spagnolo e ha co-fondato il gruppo politico ispanico repubblicano del Texas. Era anche un ufficiale delle Riserve Navali ed ex uomo d’affari, laureato in legge presso la University of Texas Law School.

READ  Migranti, 3mila congelati in Bosnia. UNHCR: "Le vite umane sono in pericolo". Di Maio: "L'Unione Europea si attiva, corridoi umanitari o ridistribuzione"

Nel frattempo, Paxton è stato procuratore generale dal 2015 dopo aver prestato servizio nella legislatura del Texas per oltre un decennio come rappresentante statale e senatore. È stato molto attivo nel portare avanti azioni legali federali durante l’amministrazione Obama – in particolare, ha condotto una sfida di 20 stati contro l’Affordable Care Act – e ha intentato molteplici azioni legali contro l’amministrazione Biden su una serie di questioni dall’immigrazione a Medicaid.

Paxton, un fedele alleato di Trump, ha condotto la causa per contestare i risultati elettorali in quattro stati che Trump ha perso a novembre. La Corte Suprema ha respinto la causa.

paxton In precedenza ha detto in un’intervista ai media È in corsa per la rielezione. Il suo portavoce della campagna, Ian Pryor, ha risposto all’annuncio di Bush mercoledì, definendo Paxton una “punta di lancia” nella difesa delle politiche di Trump.

“Il Texas conosce il forte passato conservatore del procuratore generale Paxton”, ha detto Pryor in una nota. “Dalla sconfitta del pericoloso ordine esecutivo di Joe Biden che blocca le deportazioni di stranieri illegali, alla sua volontà di difendere un’elezione sicura, Ken Paxton è stato e continuerà a guidare la protezione dei principi America First del presidente Trump”.

Clauding Paxton per la rielezione sarà l’indagine dell’FBI e un atto d’accusa separato. Paxton nega fermamente le accuse e le accuse.

Bush ha chiarito mercoledì sera che non avrebbe esitato a perseguire i casi legali di Paxton.

“Abbiamo una rete di corruzione e menzogne ​​che influenza una delle posizioni più alte della nostra terra, ed è ora di cambiare”, ha detto Bush.

READ  Trump ha posto il veto alla legge sulla spesa per la difesa, che il Congresso ha già approvato a larga maggioranza

Trump, che rimane molto popolare in Texas e un influencer nelle primarie repubblicane, ha indicato che ha intenzione di vincere il sostegno nella corsa. Entrambi gli uomini hanno cercato il sostegno di Trump e non è ancora chiaro chi otterrà il gesto richiesto.

Mentre la famiglia Bush e Trump si sono scontrate nel corso degli anni, in particolare quando Trump e Jeb Bush hanno combattuto nelle primarie presidenziali del 2016, George B. Bush ha sostenuto l’ex presidente. Vota Trump nella corsa 2016 contro Hillary Clinton e appoggialo di nuovo nel 2020.

“Mi piacciono molto”, ha detto Trump. La dichiarazione della scorsa settimana alla CNN. “Approverò e raccomanderò le grandi persone del Texas in un futuro non troppo lontano”.

Parlando con i giornalisti dopo il suo discorso di mercoledì sera, Bush ha detto di aver chiesto a Trump la sua approvazione e “vorrebbe avere il suo sostegno”.

Interrogato dalla CNN sugli attacchi di Trump alla sua famiglia, Bush ha riconosciuto che “la politica è uno sport di comunicazione”.

“Siamo a un punto nel nostro stato in cui, sai, non possiamo lasciare che un tweet meschino ostacoli il modo di fare la cosa giusta”, ha detto.

Bush aveva fatto della frase “onore e integrità” l’argomento del suo discorso di annuncio, riecheggiando un ritornello spesso usato da suo zio. Alla domanda se pensava che questo messaggio avrebbe funzionato per la sua campagna, ha detto: “Certo, posso accettare tutti i consigli che posso ottenere, che si tratti di W o Trump”.

Per quanto riguarda i suoi attacchi a Paxton, Bush ha detto che non pensa che molti repubblicani del Texas “conoscano il suo comportamento” e che ci sarebbero “molte opportunità” per parlarne durante la campagna.

READ  La Corte Suprema degli Stati Uniti apre la strada all'estradizione di coloro che sono accusati di complotto contro Ghosn | Notizie sui tribunali

Ha detto che i suoi familiari si sarebbero messi in viaggio per lui “ad un certo punto”.

Bush farà del Texas del sud, dove Trump ha ottenuto grandi risultati a novembre, una parte fondamentale della sua strategia, pianificando giovedì il suo primo viaggio ufficiale della campagna nella valle del Rio Grande.

Dati i suoi legami politici e i problemi legali di Paxton, Bush dovrebbe raccogliere fondi significativi per la gara.

Matt McCoviak, un veterano stratega del Partito Repubblicano del Texas, ha affermato che la gara è insolita dato che due importanti funzionari statali partecipano alle primarie.

“Penso che George B. Bush veda un’opportunità e pensi di poter essere un procuratore generale più efficace, e questo è il caso che presenterà agli elettori”, ha detto. “Penso che la sfida sia che Paxton è un forte conservatore e gli elettori delle primarie repubblicane dovrebbero essere convinti che non lo sia”.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori sviluppi mercoledì.

Michael Warren della CNN ha contribuito a questo rapporto.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x