Giuliani dice all’avvocato dell’Assemblea nazionale congolese di dimettersi per le accuse di elezione di Trump: libro

  • Lo scorso novembre, Rudy Giuliani ha chiesto al massimo consigliere del PCC di dimettersi, secondo un nuovo libro di Michael Wolff.
  • Giuliani era sconvolto da quello che vedeva come l’interrogatorio di Reimer sulle accuse di brogli elettorali di Trump.
  • Un portavoce della RNC ha detto a Insider che la storia nel libro di Wolff era “semplicemente sbagliata”.
  • Iscriviti alla nostra newsletter quotidiana di 10 cose in politica.

Lo scorso novembre, l’avvocato della campagna di Trump Gina Ellis ha ricevuto un’e-mail che inoltrava una lettera da Justin Rimmer, un consigliere anziano del Comitato nazionale repubblicano (RNC), con un funzionario del GOP che metteva in dubbio le accuse elettorali dell’ex presidente, secondo un libro che sarà pubblicato da Michael Wolff.

Nella nota, secondo quanto riferito, Reemer ha scritto ai colleghi del Consiglio nazionale federale chiedendo loro perché sostenessero le accuse infondate di Trump di frode elettorale, esprimendo anche che l’organizzazione ha raccolto più denaro nelle battaglie dei democratici rispetto ai risultati elettorali contestati.

Ellis, che stava cenando con Rudy Giuliani e l’ex commissario di polizia di New York Bernie Kerik, ha passato il suo telefono affinché tutti potessero vedere il messaggio, che si dice li abbia lasciati “storditi”.

Secondo il gruppo riunito, questo era solo un altro esempio di Trump che doveva combattere l’establishment del Partito Repubblicano, che Wolff ha citato in “Landslide: The Final Days of the Trump Presidency”, di cui Insider ha ottenuto una prima copia.

Leggi di più: Joe Biden ha appena licenziato Trump con un lavoro di alto livello nell’amministrazione della sicurezza sociale, ma questi altri sette funzionari dell’era Trump ricoprono ancora posizioni di governo di alto livello

Secondo il libro, Giuliani, che all’epoca era l’avvocato personale di Trump, era arrabbiato per l’e-mail di Rimmer.

READ  Intervista a Harry e Meghan: perché Archie non ha un titolo reale?

“Riesci a credere a questo re?” disse. “Si stanno nascondendo da noi… stanno facendo tutto il possibile per non aiutarci.”

Secondo quanto riferito, Kerek ha affermato che il memo era simile a dire “Trump” e “Giuliani”.

Wolf continua a descrivere come Giuliani abbia chiamato con rabbia Bremer e abbia minacciato il suo lavoro all’RNC.

Il sindaco, seduto al ristorante ma in piena modalità battaglia (e con qualche drink dentro), beh Rimmer si è fatto parlare al telefono: ‘Chi ti credi di essere? Come puoi essere? Andare contro il presidente? … Devi dimetterti e dimetterti stanotte … perché sarai licenziato. “

Secondo quanto riferito, Giuliani ha quindi chiamato il presidente del RNC Rona McDaniel per assicurarsi che il cambio di personale fosse effettuato.

Tuttavia, Rimmer continua a servire come consigliere principale dell’RNC.

Un portavoce dell’RNC ha negato i rapporti di Wolff in una dichiarazione a Insider dopo che questa storia è stata pubblicata.

“Come è tipico della maggior parte delle cose scritte da Michael Wolff, questa storia è semplicemente falsa”, afferma la dichiarazione. “Il team legale del GNC ha lottato duramente per gli sforzi di integrità elettorale per tutto il 2020, e questo continua ancora oggi”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x