“Giustizia derisa”: Rensei, in Cambogia, viene condannato a 25 anni di carcere | Notizie di politica

Un funzionario del tribunale ha detto che il leader dell’opposizione cambogiano in esilio Sam Rainsy è stato condannato a 25 anni di carcere in contumacia per un complotto per rovesciare il governo del primo ministro Hun Sen, provocando la condanna dell’opposizione e dei gruppi per i diritti umani.

Wai Rin, un portavoce del tribunale municipale di Phnom Penh, ha detto lunedì all’AFP che Rensei è stato condannato per “aver tentato un attacco in Cambogia nel 2019”, rifiutandosi di fornire ulteriori dettagli.

Il funzionario ha detto che il tribunale ha anche privato Rensei del diritto di votare e candidarsi alle elezioni.

“Ancora una volta, la magistratura cambogiana controllata politicamente prende in giro la giustizia piuttosto che la difende”, ha detto martedì in una dichiarazione Phil Robertson, vicedirettore per l’Asia di Human Rights Watch.

Ha aggiunto che il caso contro Rainsy era basato su “accuse fasulle e politicamente motivate fatte da uno stato monopartitico dittatoriale”.

Insieme a Rensei, anche i colleghi politici dell’opposizione Mu Suchua e l’ingegnere Chai Ying sono stati condannati a 22 anni di carcere, secondo il media governativo Fresh News.

Rainsy ha detto che il verdetto non può essere preso sul serio. “È semplicemente una dichiarazione politica per debolezza e paura”, ha scritto su Twitter.

Anche la moglie di Rensi, Teulung Somora, e altri cinque ex alti ufficiali del Cambodian National Rescue Party, bandito prima delle elezioni del 2018, sono stati condannati a 20 anni di carcere.

“In ognuno di questi processi farsa politici, la tentazione è di dire che la Cambogia non può essere immersa nella sua violazione dei diritti umani”, ha detto Robertson, “ma in qualche modo il Primo Ministro Hun Sen ei suoi colleghi trovano un modo per raggiungere un nuovo nadir”.

READ  Le forze filippine uccidono il leader di Abu Sayyaf e salvano gli ostaggi | Notizie sui gruppi armati

“Sembra che non ci siano limiti alle violazioni dei diritti umani che questo governo infliggerà al popolo cambogiano”.

“Mancata osservanza del giusto processo”

In una dichiarazione, l’ambasciatore statunitense in Cambogia, W. Patrick Murphy, ha affermato che Washington è stata “disturbata” dalle sentenze “a causa della mancanza di un giusto processo”.

“Esortiamo le autorità a riaprire lo spazio politico e consentire a tutte le voci di essere ascoltate e partecipare”.

Rensi vive in esilio in Francia dal 2015 per evitare pene detentive per diverse altre condanne che, secondo lui, sono politicamente motivate.

Nel 2019 ha cercato di tornare a casa in aereo via Malesia. Tuttavia, gli fu proibito di continuare il suo viaggio a Phnom Penh.

Nella sua dichiarazione, Rainsy ha detto che l’ultima condanna al carcere ha mostrato la paura di Hun Sen di qualsiasi opposizione.

Nel 2019, anche a Sam Rainsy è stato vietato il check-in su un volo da Parigi a Bangkok [File: Charles Platiau/Reuters]

“Il primo ministro cambogiano Hun Sen teme il rischio che io torni sulla scena politica cambogiana”, ha detto.

“Hun Sen teme la possibilità di elezioni libere ed eque che porterebbero inevitabilmente alla fine del suo attuale regime autoritario”.

Hun Sen è uno dei leader più longevi al mondo, mantenendo la sua presa sul potere per 36 anni con metodi che secondo i critici includono l’imprigionamento di oppositori politici e attivisti.

Ha detto di considerare il previsto ritorno di Rensei nel 2019 un “tentativo di colpo di stato”.

Dalle elezioni del luglio 2018, quando il partito di Hun Sen ha vinto tutti i seggi parlamentari in un voto senza un’opposizione credibile, le autorità cambogiane hanno intensificato l’arresto di ex membri del partito di opposizione sciolto, difensori dei diritti umani e voci dell’opposizione.

Quasi 150 esponenti dell’opposizione e attivisti sono stati portati a processo di massa con l’accusa di tradimento e istigazione, la maggior parte per aver pubblicato messaggi sulle piattaforme dei social media a sostegno dell’offerta di Renci di entrare nel Paese.

Mentre molti politici dell’opposizione sono fuggiti dalla Cambogia per paura di essere arrestati, il principale leader dell’opposizione del paese, Kim Sokha, deve affrontare un processo separato per tradimento, che è stato rinviato a tempo indeterminato nel marzo dello scorso anno.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x