Gli abitanti di un villaggio indiano protestano mentre l’esercito uccide 15 persone per paura dei ribelli

Wesber Hussain, The Associated Press

Inviato domenica 5 dicembre 2021 06:41 EST

Abitanti del villaggio arrabbiati hanno bruciato veicoli militari per protestare contro l’uccisione di più di una dozzina di persone da parte di soldati che credevano erroneamente che alcuni fossero armati in una remota area dell’India nordorientale lungo il confine con il Myanmar, hanno detto i funzionari domenica.

Nebiu Rio, il più alto funzionario eletto nello stato del Nagaland, ha ordinato un’indagine sugli omicidi di sabato. “Lo sfortunato incidente che ha portato alla morte di civili a Otting è profondamente condannato”, ha scritto su Twitter.

Un ufficiale dell’esercito ha detto che i soldati hanno sparato a un camion dopo aver ricevuto informazioni sul movimento dei militanti nella zona e hanno ucciso sei persone. L’ufficiale, che ha chiesto di non essere identificato, ha detto di non essere autorizzato a parlare con i giornalisti, quando gli abitanti del villaggio arrabbiati hanno bruciato due veicoli militari, che i soldati hanno sparato, uccidendo altre nove persone.

Ha detto che anche un soldato è stato ucciso nello scontro con i manifestanti.

Una dichiarazione dell’esercito indiano ha affermato che “si rammarica profondamente” dell’incidente e delle sue conseguenze, aggiungendo che “la causa della sfortunata perdita di vite umane è oggetto di indagine ai massimi livelli e verranno prese le misure appropriate secondo il corso della legge”.

“Le forze di sicurezza sono rimaste gravemente ferite nell’incidente, compreso un soldato che è morto per le ferite”, ha aggiunto.

La dichiarazione afferma che “un’intelligence credibile” sui movimenti ribelli indica che “è stata pianificata un’operazione specifica” nel distretto di Mon del Nagaland.

READ  A pochi mesi dalle elezioni presidenziali, un'escalation di estrema destra scuote la Francia | Notizie elettorali

I ribelli attraversano spesso il confine con il Myanmar dopo aver attaccato le forze governative indiane in una zona remota.

Nyamtu Koniak, un leader locale, ha detto che i morti erano minatori di carbone.

Il ministro dell’Interno indiano Amit Shah ha espresso preoccupazione per lo “sfortunato incidente” e ha affermato che il governo statale indagherà sugli omicidi.

L’ufficiale dell’esercito ha detto che i soldati hanno organizzato un’imboscata di una settimana dopo l’intelligence secondo cui i militanti stavano pianificando di attaccare i soldati nella zona, a 400 chilometri (250 miglia) a est di Guwahati, la capitale dello stato di Assam.

Le forze governative stanno combattendo decine di gruppi etnici ribelli nella remota India nord-orientale le cui richieste vanno dalle patrie indipendenti alla massima autonomia all’interno dell’India.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x