Gli accademici dell’Università dell’East Anglia stanno studiando come frenare i comportamenti scorretti sul posto di lavoro

Inserito:
01:00 del 24 febbraio 2022



Uno studio condotto da accademici nell’East Anglia e in Italia ha esaminato il cattivo comportamento sul lavoro e come può essere ridotto.

Uno studio di Roberta Vida, Professore di Psicologia del Lavoro presso l’Università dell’East Anglia (UEA) e della sua controparte italiana, la dott.ssa Marinella Basilo dell’UniNettuno di Roma, ha esaminato come il disimpegno etico può portare i lavoratori su un percorso in cui il comportamento scorretto è normalizzato. al lavoro.

Hanno scoperto che le persone che erano in grado di riflettere su se stesse e frenare il proprio comportamento erano più brave a rimbalzare dopo il fallimento.

Il disimpegno morale è un concetto psicologico che aiuta a spiegare come la cattiva condotta, la violazione delle regole e l’errore possono diventare routine per alcune persone, senza sentirsi in colpa o vedere la necessità di una riforma.

Lo studio – pubblicato sulla rivista Group & Organization Management – ha esaminato come ridurre il potere del disimpegno morale.

Le persone con “autoefficacia morale” – o fiducia in se stesse – in cui una persona è in grado di riflettere sui fallimenti passati e si aspetta di fare meglio o di essere in grado di fare la cosa giusta quando è tentata di non farlo, possono evitare di cadere nel trappola morale che gli autori trovano disimpegnata.

“Sebbene gli individui autosufficienti siano generalmente più autoregolanti e motivati ​​ad agire in linea con i loro standard, ciò non significa che siano moralmente infallibili”, ha affermato il dottor Vida.

Tuttavia, dimostriamo che gli individui moralmente altamente competenti hanno maggiori probabilità di “riprendersi” dopo il fallimento, imparando dai propri errori, piuttosto che commettere comportamenti scorretti e deviare frequentemente dalla loro bussola morale. Al contrario, hanno le risorse per ripristinare la loro bussola morale, impegnarsi di nuovo moralmente consapevolmente e quindi è meno probabile che continuino a giustificare e ad impegnarsi in atti illeciti.

READ  Un ufficiale della marina italiana è stato arrestato mentre incontrava un agente russo

“Per gli individui con bassa autoefficacia morale, il disimpegno morale è così naturale che può essere fatto di routine con poca preoccupazione. Sono meno consapevoli delle forze interne e sociali che agiscono in modi interconnessi per disimpegnare i loro standard morali e aggirare il sistema di controllo morale. , rendendo difficile mitigare o interrompere il processo per prevenire la routine sconsiderata della loro cattiva condotta.

Lo studio ha coinvolto 359 lavoratori nel Regno Unito e 1.308 in Italia.

Il gruppo del Regno Unito aveva lavori che andavano da medici, infermieri, ingegneri, impiegati, manager, giovani professionisti e tecnici.

Il dottor Bachelo ha affermato che i risultati hanno ampliato la loro comprensione di come prevenire il ripetersi di illeciti sul lavoro aiutando le persone a sviluppare e rafforzare la loro autoefficacia etica.

“Le organizzazioni devono creare opportunità per riflettere sulle complessità del processo decisionale etico, sui meccanismi che spesso svolgono un ruolo nel giustificare le irregolarità e sulle capacità necessarie per controllare le sfide etiche”, ha affermato.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x