Gli adolescenti namibiani hanno scatenato nuove polemiche sul testosterone olimpico

Due velociste namibiane di 18 anni hanno rimesso sotto i riflettori olimpici la controversa questione del testosterone nell’atletica leggera, quando hanno raggiunto la finale dei 200 m femminili a Tokyo poche settimane dopo essere state squalificate dai 400 m.

Una di loro, Christine Mboma, ha battuto due volte il record del mondo under 20 su una distanza di circa otto ore sul campo olimpico mentre si dirigeva verso la finale dei 200.

Ha anche superato l’americana Gabe Thomas, che all’inizio di quest’anno è diventata la seconda donna più veloce di sempre a sprintare sui 200 metri, lungo il terreno nelle semifinali per finire seconda dietro la detentrice del titolo olimpico Elaine Thompson-Hera.

La Mpuma e la compagna di squadra Beatrice Maselenge non sono autorizzate a correre i 400 – il loro evento preferito – dopo che i test ordinati da World Athletics hanno scoperto che avevano alti livelli di testosterone naturale. Ciò significa che erano soggetti alle stesse regole che hanno bandito il due volte campione olimpico Caster Semenya del Sud Africa negli 800 metri.

Mentre dormivi: il Canada sconfigge gli Stati Uniti nel calcio femminile Simone Biles è tornata:

Per la prima volta in 20 anni, la squadra di calcio femminile canadese ha sconfitto gli Stati Uniti. Simone Biles ha annunciato che avrebbe gareggiato in finale e il palcoscenico era pronto per i giocatori di beach volley canadesi. 3:36

Ma le regole del testosterone si applicano solo alle gare tra 400 e Maseleng, consentendo a Mpuma e Maslingi una possibilità ai 200 a Tokyo.

“Sono contento del mio tempo, ho battuto il record junior”, ha detto Mboma. “L’ho rotto al mattino e l’ho rotto di nuovo qui. Sono davvero felice. È pazzesco”.

Quando gli è stato chiesto di essere stato bandito dai 400 metri, Mboma ha risposto: “Non ho commenti in merito”.

Relativamente sconosciuti sulla pista internazionale prima di quest’anno, Mboma e Maselenge faranno ora parte di una squadra costellata di stelle per la finale di martedì. Comprenderà Thompson-Hera e un’altra giamaicana, Shelley Ann Fraser-Pryce, che ha incoronato oro e argento nei 100 metri. Sarà presente Shauna Miller Uibo, che cercherà di aggiungere i 200 ai 400 titoli vinti a Rio. Anche Thomas si è qualificata, anche se ha dovuto aspettare un punto jolly dopo che Mboma l’ha battuta in semifinale e l’ha riportata al terzo posto.

Guarda | Il panel Bring It In discute l’ultimo divieto di test ormonali per i corridori namibiani:

Morgan Campbell si unisce a Dave Zirin e Megan McPeak per discutere dell’ultimo divieto di test ormonali per le runner namibiane Christine Mboma e Beatrice Maselenge, che sono state bandite dalla competizione nei 400 metri olimpici a causa degli alti livelli di testosterone naturale. 9:10

Mboma ha detto che non si sarebbe mai aspettata di raggiungere quella finale.

“Questa è la mia prima Olimpiade”, ha detto, “sono venuta qui per acquisire più esperienza”. “Non mi aspettavo di divertirmi o di vincere una medaglia. Non lo so. Vedrò cosa farò. Sto solo facendo del mio meglio. Sto solo facendo del mio meglio”.

Maselenge si è qualificata pochi minuti prima della sua compagna di squadra, per passare alle semifinali con un tempo di 22,40 secondi. Il tempo di Masilingi è stato il suo secondo miglior tempo in persona della giornata. Aveva già registrato un PB di 22,63 secondi nel round di apertura.

READ  Keith Earls spera di fare di nuovo un viaggio contro l'Italia

“È stato bello, è stato bello. Sono felice. Ha funzionato”, ha detto Maselenge. “Sentivo che arrivare in semifinale fosse l’obiettivo che mi ero prefissato. L’ho superato e sono davvero contento di me stesso”.

Beatrice Maselenge della Namibia gareggia nelle manche dei 200 metri femminili insieme all’olandese Daphne Schippers. (Dylan Martinez/Reuters)

Il Comitato Olimpico della Namibia ha detto che i namibiani si sono dichiarati in questa stagione con alcuni tempi veloci nei 400 metri, ma quelle prestazioni hanno spinto l’atletica mondiale a ordinare test di testosterone nella loro base di allenamento in Italia. I test hanno rivelato che i loro livelli naturali di testosterone erano al di sopra del limite fissato dall’organo di governo dello sport globale, il che ha portato alla sua messa al bando. Il Comitato Olimpico della Namibia ha affermato che i corridori non sapevano di avere alti livelli di testosterone naturale prima dei test.

GUARDA l Discussione della IAAF che cerca di limitare i livelli di testosterone in Semenya:

Anson Henry e Rob Pizzo di CBC Sports discutono della controversia che circonda gli sforzi della IAAF per limitare i livelli di testosterone nei corridori, una mossa che prende di mira Caster Semenya. 2:49

Gli atleti interessati dalle regole hanno la possibilità di competere in gare ristrette se hanno abbassato i loro livelli di testosterone per almeno sei mesi prima della competizione. Hanno tre opzioni per farlo: prendere una pillola anticoncezionale quotidiana, fare un’iniezione per bloccare gli ormoni o sottoporsi a un intervento chirurgico.

Le regole del testosterone, introdotte nel 2018, influenzano le atlete con condizioni denominate differenze nello sviluppo sessuale o DSD. Gli atleti hanno affermato che questi atleti avevano livelli di testosterone più alti rispetto alla gamma tipica per una donna, e questo è stato considerato un vantaggio ingiusto rispetto agli altri atleti.

Una delle tante critiche alla regola è che è incoerente perché si applica solo a determinate razze. Gli scienziati dell’atletica del mondo non sono stati in grado di determinare se l’aumento del testosterone ha un effetto misurabile a distanze oltre la gamma da 400 m a 1 miglio.

La questione è stata una grande controversia alle Olimpiadi del 2016 a Rio de Janeiro, quando tutte e tre le vincitrici di medaglie negli 800 metri femminili – Semenya, Francine Nyonsaba e Margaret Wambe – sono state successivamente bandite dall’evento a causa degli alti livelli di testosterone naturale.

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x