Gli astronomi scoprono una stella di neutroni a 3000 anni luce di distanza

Gli astronomi hanno scoperto un nuovo “binario della vedova nera” nella Via Lattea. Proprio come un ragno mangia la sua compagna, una stella di neutroni mangia lentamente la sua stella compagna.

Gli astronomi del Massachusetts Institute of Technology, con l’aiuto di ricercatori canadesi, annunciano la scoperta di una nuova stella di neutroni, o pulsar, a 3.000 anni luce dalla Terra.

Classificata come “Black Widow Binary” e situata nella Via Lattea, la pulsar si chiama ZTF J1406 + 1222 e orbita attorno a una stella compagna più piccola che alla fine la assorbirà (da cui la classe della vedova nera).

Ha il periodo orbitale più breve fino ad oggi identificato per le pulsar orbitando intorno alla sua stella compagna ogni 62 minuti. Inoltre, una terza stella orbita attorno alle due stelle interne ogni 10.000 anni, rendendola una “tripla vedova nera”.

Una composizione così unica, finora, sconcerta gli scienziati.

“È uno scenario di nascita complesso”, afferma Kevin Bridge, borsista post-dottorato di Pappalardo presso il Dipartimento di Fisica del MIT. “È possibile che questo sistema abbia fluttuato nella Via Lattea più a lungo del Sole”.

Gli astronomi conoscono circa due dozzine di binarie della vedova nera nella Via Lattea.

Il team di Burdge ha trovato la pulsar osservando la luce lampeggiante della stella compagna piuttosto che i soliti metodi per rilevare le pulsar di raggi gamma e i raggi X emessi dalla pulsar.

Si dice che questa stella compagna sia molte volte più calda di fronte alla pulsar.

“Ho pensato, piuttosto che cercare direttamente una pulsar, provare a cercare la stella che la sta cucinando”, ha spiegato Bridge in una dichiarazione del 4 maggio del MIT.

READ  I ricercatori studiano come il clima ha influenzato le dimensioni del corpo durante l'evoluzione

“Questo sistema è davvero unico rispetto alle vedove nere, perché lo abbiamo trovato con la luce visibile, a causa delle sue vaste strutture e del fatto che proveniva dal centro della galassia”, ha detto Berdge. “C’è ancora molto che non capiamo al riguardo. Ma abbiamo un nuovo modo di cercare questi sistemi nel cielo”.

Le stelle di neutroni possono produrre informazioni importanti per far avanzare la comprensione della relatività generale.

I coautori dello studio sono collaboratori di diverse istituzioni, tra cui l’Università di Warwick, il Caltech, l’Università di Washington, la McGill University e l’Università del Maryland.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x