Gli elettori sammarinesi approvano l’aborto 3 a 1 in referendum

rilasciato in:

Il minuscolo stato di San Marino ha votato domenica per consentire l’aborto in uno storico risultato referendario che porterebbe la nazione a maggioranza cattolica in linea con la maggior parte dell’Europa.

Il 77,3% degli elettori ha approvato una proposta per consentire l’interruzione della gravidanza fino a 12 settimane.

Dopodiché, l’aborto è consentito solo se la vita della madre è in pericolo o in caso di anomalie fetali che possono danneggiare la donna fisicamente o psicologicamente.

La pittoresca Repubblica di San Marino, situata su una montagna nell’Italia centrale, è uno degli ultimi posti in Europa insieme a Malta, Andorra e il Vaticano ad avere un divieto totale dell’aborto.

Nell’Irlanda tradizionalmente cattolica, l’aborto è diventato legale nel 2018, anche dopo un referendum.

Ci sono state le celebrazioni per il risultato di domenica tra i membri dell’Unione delle donne di San Marino (UDS), che ha avviato il referendum e ha fatto campagna per un “sì” contro il partito al governo e la Chiesa cattolica.

“E’ una vittoria per tutte le donne sammarinesi, su conservatrici e reazionarie che pensano che le donne non abbiano diritti”, ha detto all’Afp Karen Broccoli, capo del partito Uds.

“E’ una vittoria sulla Chiesa cattolica che era contraria a noi e ha fatto di tutto per impedire questo esito”.

Più di 35.000 persone hanno potuto votare al referendum di domenica, di cui circa un terzo viveva all’estero. Il tasso di partecipazione era del 41 per cento, ovvero circa 14.500 persone.

“Rispetta il punteggio”

In assenza di sondaggi d’opinione, nessuno ha voluto prevedere l’esito in un Paese dove l’influenza della Chiesa è ancora forte.

READ  IBM acquista l'italiano myInvenio

Papa Francesco la scorsa settimana ha ribadito la sua posizione intransigente secondo cui l’aborto era “un omicidio”.

Il Partito Democratico Cristiano al governo, che ha stretti legami con la Chiesa cattolica, domenica ha guidato la campagna per il “No”.

“È una sconfitta per un Paese che ha sempre difeso la vita”, ha detto all’AFP il vice segretario del partito Manuel Siafata dopo il risultato.

Ma ha detto che il governo proporrà una legge entro sei mesi per attuare la modifica dell’aborto, che sarà poi portata in Parlamento.

“Rispettiamo la voce degli elettori”, ha detto, aggiungendo: “Il nostro partito farà tutto ciò che è in suo potere per aiutare le donne a garantire che non siano lasciate sole”.

Attualmente, l’aborto è punibile fino a tre anni di reclusione per la donna e sei anni per il medico che effettua l’operazione.

Tuttavia, nessuno è mai stato condannato.

Le donne che scelgono di abortire di solito entrano in Italia, dove è legale da più di 40 anni.

Prima che uscisse il risultato, Francesca Nicolini, medico di 60 anni e membro dell’UDS, ha dichiarato: “La maggior parte dei giovani è nella nostra classe, perché è una questione che tocca direttamente la loro vita.

“È inaccettabile vedere le donne che sono costrette ad abortire come criminali”.

cambiamento drastico

Il voto segna un drastico cambiamento a San Marino, con divieto che risale al 1865 e confermato sia dal regime fascista nei primi anni del NovecentoDecimo secolo e poi di nuovo nel 1974.

I dati dall’Italia indicano che poche donne del piccolo paese attraversano il confine per approfittare delle leggi sull’aborto.

READ  O-lineman italiano, proiezioni protesiche e altre notizie sugli arieti da sapere

Tra il 2005 e il 2019 solo una ventina di donne all’anno sammarinesi in Italia hanno abortito, scendendo a 12 nel 2018 e sette nel 2019, secondo i dati ufficiali Istat citati dagli attivisti anti-aborto.

Sono ancora troppi per oppositori come Rocco Gugliotta, magazziniere di 41 anni, che chiedeva: “Perché dovrebbe decidere da sola una madre?”

Tra i “sì” c’era però Alviero Fagnini, cuoco di 65 anni, che ha spiegato: “Su molti argomenti San Marino è indietro. Dobbiamo diventare un Paese più moderno”.

(AFP)

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x