Gli esperti affermano che il pagamento da parte di Putin dei pagamenti in rubli per le esportazioni di gas naturale non riguarda solo l’economia

Gli esperti affermano che la richiesta di un pagamento in rubli alla Russia per le sue esportazioni di gas naturale è guidata da una combinazione di fattori interni e geopolitici che vanno oltre le difficili preoccupazioni economiche.

Le sanzioni occidentali sono state imposte dall’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio Hanno messo sotto pressione costante sulla sua economia. Ma la guerra non ha fermato le esportazioni di gas naturale della Russia verso l’Europa, né la dipendenza del continente più ampio da esse.

Questa relazione intrecciata è l’essenza dell’ultima richiesta Dal presidente russo Vladimir Putin Affinché i paesi “ostili” paghino il gas in rubli.

“Questa è una manovra non convenzionale che si basa sulla dipendenza europea dalle esportazioni russe di gas naturale”, ha affermato in una e-mail Eswar Prasad, professore senior di politica commerciale e professore di economia alla Cornell University di Ithaca, New York, di Tollani.

Domanda e anche preoccupazioni

La Russia è il più grande fornitore europeo di gas naturale, fornendo circa il 40% di ciò che consuma l’Europa. Questa dipendenza a lungo termine – Così come le preoccupazioni per l’accordo.

Pierre Noel, studioso globale presso il Center for Global Energy Policy della Columbia University di New York, sottolinea che le principali tensioni tra Europa e Russia sono radicate nella politica estera di Mosca, in contrasto con il desiderio della Russia di vendere gas naturale ai suoi vicini.

Un corriere di consegna di cibo passa venerdì in una boutique di alta moda a Mosca che è stata chiusa a causa delle sanzioni. (L’Associated Press)

“L’importazione di gas russo non ha creato di per sé alcun problema di sicurezza”, ha detto Noel via e-mail.

“Il problema è che l’orientamento della politica estera della Russia è diventato sempre più deciso dall’inizio degli anni 2000 in poi. È un problema che l’Europa avrebbe dovuto affrontare anche se non fosse stata un importatore di energia russa, e le relazioni energetiche non l’hanno esacerbato”.

Ci sono state richieste per l’Europa di ridurre la sua dipendenza dal gas naturale dalla Russia prima della guerra in corso, ma Noel ha affermato che da allora è emerso un “forte consenso” sul fatto che le cose devono cambiare. (La Commissione Europea ha emettere un piano di svezzarsi dal carburante russo, ma il cambiamento avverrà nel corso degli anni.)

“L’Europa è stata molto brava a gestire una relazione energetica su larga scala con la Russia difficile, ma non ha voglia di continuare dopo questa invasione”, ha detto Noel.

Il presidente russo Vladimir Putin presiede venerdì una riunione del Consiglio di sicurezza in videoconferenza fuori Mosca. Un esperto afferma che, chiedendo il pagamento del gas naturale in rubli, la Russia sta cercando di dimostrare che Putin sta “dicendo i termini” in base ai quali la Russia vende il suo gas. (Mikhail Klementev / Sputnik / Il Cremlino / Associated Press)

C’erano anche timori che la richiesta di pagamento in rubli di Putin potesse annunciare un’interruzione dell’offerta in Europa, anche se se ciò accadesse, la Russia perderebbe tali entrate.

“Putin ha bisogno delle entrate tanto quanto l’Europa ha bisogno del gas naturale russo, quindi alla fine verrà risolto in una sorta di accordo”, ha detto Prasad di Cornell.

Stefan Meister, capo del Programma Ordine Internazionale e Democrazia presso il Consiglio tedesco per le relazioni estere a Berlino, ha affermato che la Russia sta cercando “una sorta di vittoria politica”, senza fermare il flusso di gas naturale.

“Vuole dimostrare che Putin sta dettando i termini in base ai quali il gas viene esportato”, ha detto Meister all’Associated Press.

Non una strategia tradizionale

La richiesta dichiarata dalla Russia di uno spostamento dei pagamenti richiesti è stata accolta con le risposte dei leader europei, Chi dice che continueranno a pagare In dollari USA ed euro.

Il gas utilizzato per l’elettricità e il riscaldamento sta ancora fluendo in Europa, ha riferito l’Associated Press venerdì, lo stesso giorno in cui la Russia ha dichiarato che avrebbe iniziato ad accettare pagamenti in rubli.

Due donne camminano davanti allo schermo di un ufficio di cambio valuta che mostra i tassi di cambio del dollaro e dell’euro rispetto al rublo russo, a Mosca venerdì. (L’Associated Press)

Michael Devereux, professore presso la Vancouver School of Economics della University of British Columbia, ha affermato di aver trovato la domanda di pagamenti basati sul rublo “un po’ sconcertante”, poiché alla fine la Russia ha bisogno di valuta estera per poter operare sui mercati globali.

Prasad ha espresso un punto di vista simile.

“In circostanze normali, un paese che cerca di sostenere la propria valuta e mantenere le importazioni dall’estero cercherà pagamenti in valute forti come dollari ed euro invece della propria”, ha affermato.

Prasad ha affermato che la richiesta russa del rublo “non servirà a molto” per ottenere la stessa valuta estera.

Sia Prasad che Devereux hanno affermato che sembrava possibile che la Russia potesse cercare di aggirare le sanzioni attraverso il proposto spostamento dei pagamenti.

Il rublo e il suo valore in Russia

valore del rublo È diminuito drasticamente dopo l’entrata in vigore delle sanzioni economicheMa da allora è tornato a un livello vicino a quello che era prima della guerra.

Devereux ha affermato che non è chiaro se il valore del rublo starà dove sarebbe se ci fosse un commercio più aperto con la Russia, il che significa che potrebbe essere “significativamente sopravvalutato” in questo momento.

“Di conseguenza, se gli importatori europei sono costretti a pagare in rubli, potrebbero finire per pagare molto di più di quanto avrebbero fatto altrimenti”, ha affermato.

La gente passa davanti ai negozi chiusi in un centro commerciale a San Pietroburgo, in Russia, il mese scorso. (L’Associated Press)

Perry Sadorsky, professore di sostenibilità ed economia alla Schulich School of Business della York University di Toronto, ha affermato di vedere il rublo – e la percezione del rublo – come il fulcro del pensiero dietro l’ultima richiesta.

“La svalutazione del rublo è un problema in Russia per la fiducia dei consumatori e il sostegno del governo alla guerra”, ha scritto a CBC News.

“Stabilizzando il rublo, Putin può mostrare ai russi che la guerra sta andando bene e che l’inflazione è sotto controllo”.

La storica dell’economia Kristi Ironside vede in gioco un possibile duplice messaggio.

Parte del messaggio trasmette il fatto che il rublo non è una valuta senza valore e anche che la Russia non dipende dall’accesso al dollaro USA e all’euro.

Dice anche alla gente del posto: ‘Guarda? Il rublo si sta riprendendo.

READ  Trump deve affrontare una prova della sua influenza da "creatore di re".

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x