“Gli ho offerto di passare alla Ferrari nel 1995” – perché il sogno di Ayrton Senna sulla Ferrari non si è rivelato realtà?

“Gli ho offerto di passare alla Ferrari nel 1995” – Jean Todt, ex capo della Ferrari, rivela perché Ayrton Senna non ha mai corso con cavalli selvaggi.

Questa è probabilmente la coppia più scambiata nella storia dello sport, ma non è mai successo.

Il tre volte campione del mondo Ayrton Senna ha quasi corso con la Ferrari, ma non è diventato realtà a causa della tecnica.

Jean Todt, attualmente l’AlphaTauri Team Principal, era il capo della Ferrari quando a Senna fu offerto un posto per la stagione 1995. Ma lo voleva per la stagione precedente.

il problema?

La Ferrari aveva già confermato i contratti con Jean Alessi e Gerhard Berger. Scegliendo di onorare il loro accordo, quella stessa stagione Cena morì tragicamente durante il Gran Premio di San Marino del 1994.

“Poche settimane dopo il mio arrivo [at Ferrari], Ho conosciuto Ayrton Senna durante il weekend a Monza nell’albergo dove alloggiavamo sul Lago di Como.

“Gli ho offerto il passaggio alla Ferrari nel 1995, ma lui pagava il 1994. Avevamo già due piloti a contratto, Jan Alessi e Gerhard Berger, quindi non riuscivamo a far quadrare i conti, e quando Ayrton ha chiesto perché, ho spiegato la situazione a lui.

“Non si è arreso, e mi ha detto che i contratti di Formula 1 non avevano importanza, ma io ho risposto che per me il contratto va rispettato. Quindi gli abbiamo proposto un contratto per il 1995, ma purtroppo sappiamo cosa è successo.

READ  Calcio: Ronaldo sorprende ancora Pirlo ogni giorno in allenamento

“Volevo avere un grande pilota, perché quando sono arrivato alla Ferrari i responsabili del telaio dicevano che non si vinceva a causa del motore, per altri il problema era il telaio, per altri era responsabilità dei piloti.

“Così mi sono detto, c’è una variabile che possiamo eliminare: se otteniamo il miglior pilota del mondo, o almeno il pilota veramente campione del mondo, possiamo eliminare una scusa.

“Se avessimo Senna, nessuno sarebbe in grado di puntare il dito contro l’autista, motivo per cui abbiamo preso Michael dopo”.

LEGGI ANCHE “Allievo di Louis Ayrton Senna” – Il medico di F1 Ross Brawn ha elogiato Hamilton per l’oltraggiosa vittoria del GP del Brasile

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x