Gli Houthi attaccano una nave greca nel Mar Rosso a causa della sua quotazione “americana” al Nasdaq

Gli Houthi attaccano una nave greca nel Mar Rosso a causa della sua quotazione “americana” al Nasdaq

Lunedì, nello Yemen, gli Houthi sostenuti dall’Iran hanno lanciato due missili contro una nave gestita dalla Grecia che trasportava mais in Iran attraverso il Mar Rosso, causando danni alla nave ma nessuna vittima.

La nave Star Iris non è riuscita a sfuggire agli attacchi degli Houthi vicino allo stretto di Bab al-Mandab nel Mar Rosso, anche se il suo carico era diretto in Iran, poiché gli Houthi hanno descritto la nave come di proprietà degli Stati Uniti.

Il proprietario finale della nave è la Star Bulk Carriers con sede in Grecia, quotata alla borsa Nasdaq di New York.

Secondo i resoconti dei media, la nave era diretta in Iran dal Brasile con un carico di mais quando è stata attaccata.

Un portavoce militare Houthi ha rilasciato una dichiarazione dopo l’attacco, in cui si impegnava a “effettuare ulteriori operazioni in risposta ai crimini sionisti contro i nostri fratelli nella Striscia di Gaza, nonché in risposta all’aggressione anglo-americana in corso contro i nostri cari fratelli”. patria.” Quest’ultimo attacco aggrava le preoccupazioni sulle navi che attraversano il Mar Rosso da o verso il Canale di Suez, poiché non è chiaro cosa gli Houthi considereranno una nave “americana”. L'unico collegamento con l'America in questo caso era il fatto che la società proprietaria della nave era quotata alla Borsa americana.

Nel frattempo, si dice che la Cina stia intensificando i suoi viaggi nel Mar Rosso, sperando di mantenere quella che considera l’immunità dagli attacchi Houthi. Si ritiene che gli attacchi aerei statunitensi e britannici abbiano ridotto il livello degli attacchi contro le navi nel Mar Rosso, con quattro attacchi segnalati dal 26 gennaio, tre dei quali non sono riusciti a colpire i loro obiettivi, secondo i calcoli del Financial Times.

READ  Un ente di beneficenza femminile celebra il mese della sensibilizzazione sulla sindrome di Down con una donazione di $ 12.000

Il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale hanno avvertito lunedì che la guerra tra Israele e Hamas e gli attacchi Houthi alle navi nel Mar Rosso minacciano la sicurezza finanziaria globale, e che c’erano già segnali che le economie regionali del Medio Oriente e del Nord Africa fossero state duramente colpite. .

“Ora vediamo il pericolo dell'estensione del Canale di Suez”, ha detto lunedì Kristalina Georgieva, direttrice esecutiva del Fondo monetario internazionale, durante il vertice del governo mondiale a Dubai, secondo quanto riportato dal Times of Israel.

Scritto da Charles Kennedy per Oilprice.com

Altre letture migliori da Oilprice.com:

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x