Gli immigrati italiani hanno abbandonato i loro figli

Per il Madeira Tribune

La famiglia Ferretti.

Eugenio Ferretti e Maria Cicarelli si sposarono nel 1920 a Marlia, nella provincia italiana di Lucca, e nel febbraio 1921 lasciarono l’Italia per l’America. Alla fine si stabilirono a Madeira dove ebbero quattro figli. Sergio (1921), Nilo Dominic (1923), Edward (1927) e Roland (1931). Oggi Roland è l’unica persona rimasta della famiglia a raccontare la sua storia.

Ricorda una famiglia unita, unita dall’amore. “Non avevamo bisogno di nulla per tenere unita la famiglia”, ricorda Roland. Ricorda sua madre come una persona molto calma e sensibile a cui importava solo dei suoi quattro figli.

Quanto a Eugenio, suo padre, Roland lo ricorda come “un uomo di visione” e un uomo d’onore. La sua parola era il suo legame e ha trasformato i suoi affari in una stretta di mano.

“Non sapeva una parola di inglese quando è venuto qui – ricordo che parlava di Cunningham e di tutta quella gente. Non era timido perché aveva un tale accento. Stava parlando con i giudici e il supervisori – non aveva paura. La gente di Madeira era disposta ad aiutare. .ecco perché amo questo paese”.

Nel corso del tempo, Eugenio acquistò 40 acri, che si trovavano a sud del campus della Madeira Southern High School, e lì crebbe la sua famiglia. In origine, Al Veritis viveva in una casa con due camere da letto. I genitori avevano una camera da letto ei quattro ragazzi l’altra. La camera dei due fratelli era arredata con 2 letti matrimoniali e 2 armadi – niente armadi – niente specchi – niente fronzoli – solo 2 letti e 2 armadi, il che era più che adeguato alle loro esigenze.

READ  ``Tutta l'Italia vede il 2022 come una possibilità di successo per la Ferrari.''

Roland ricorda che in casa la sua famiglia parlava principalmente italiano; Quindi, quando è arrivato il momento di iniziare la scuola, conosceva solo poche parole di inglese. All’epoca non c’erano lezioni bilingue per italiani a Madeira, quindi Roland era un po’ solo. Ha iniziato la scuola alla Lincoln Elementary School nella classe della signora Covey, ma a causa di difficoltà linguistiche, ha fallito in prima elementare.

A nessuno è stato negato che, quando la scuola iniziò l’anno successivo, Roland andò direttamente in seconda elementare e si sedette. Passò del tempo prima che la signora Covey scoprisse che era entrato in seconda elementare e per qualche ragione lo lasciasse lì.

Tutto è andato bene per Frittes. Hanno lavorato sodo e cresciuto i loro figli, e poi è arrivata la seconda guerra mondiale. Benello Ferretti finì per prestare servizio nella Terza Armata del generale Patton e ricevette tre stelle di battaglia, di cui una per il lavoro nella Battaglia delle Ardenne. Anche se ha subito un grave congelamento ai piedi e ha dovuto essere inviato in Inghilterra per essere curato, i medici hanno deciso in tempo che era in grado di tornare sul campo di battaglia, cosa che ha fatto.

Nel frattempo, il teatro europeo della seconda guerra mondiale stava rapidamente volgendo al termine e sembrava che il giovane Maderan stesse tornando a casa sano e salvo. Di ritorno a Madeira, la famiglia di Nilo nutriva speranza. I suoi genitori, Eugenio e Maria, ei fratelli Sergio, Edward e Roland aspettavano la fine della guerra, e quando l’8 maggio 1945 giunse il VE Day, tutta la famiglia deve aver tirato un sospiro di sollievo. Ora tutto ciò di cui dovevano preoccuparsi, o almeno così pensavano, era la guerra nel Pacifico.

READ  Il parlamento italiano inizia a votare per un nuovo capo di stato il 24 gennaio

Quando il Giappone si arrese il 14 agosto 1945 e il giorno successivo fu dichiarato il VJ Day, Ferrettis fu sollevato. Ora il loro figlio può tornare a casa.

Col tempo Nilo Ferretti tornò a Madeira, ma fu solo nel dicembre 1948, dopo aver perso la vita in Germania tre anni prima.

Vedete, Maria Chicarelli Ferretti divenne una madre stella d’oro con l’arrivo di quel telegramma del Dipartimento della Guerra, che annunciava la morte di Nilo il 21 novembre 1945. I suoi 6 mesi di guerra erano finiti e fu trasferito al 398° Battaglione AAAW come autista per gli alti ufficiali della 3a armata. Il 17 novembre, appena quattro giorni prima della sua morte, Nilo scrisse una lettera a casa dicendo ai suoi genitori che era in Italia e che aveva appena conosciuto la madre di suo padre, Stella Stefanelli Ferretti.

Dopo aver scritto la lettera, Nilo lasciò l’Italia e iniziò il viaggio di ritorno in Germania. Si trovava a sole 60 miglia a sud di Monaco quando l’auto che stava guidando è scivolata fuori dall’autostrada ghiacciata ed è precipitata nelle acque ghiacciate del lago Walchensee, annegando.

Seppellirono l’uomo di Madeira al cimitero militare americano di Saint-Avold, in Francia, e vi rimase fino a quando la sua famiglia non lo portò a casa tre anni dopo e lo seppellì nel terreno di famiglia al cimitero del Calvario a Madeira, dove fu sepolta solo sua madre. un anno fa.

È stata una grande perdita per la famiglia – figlio prima e poi madre – ma erano persone forti e prima avevano superato gli ostacoli.

La vita della famiglia Ferretti è continuata dopo la morte della madre e del fratello, e poi, nel 1962, hanno perso Sergio per malattia. Nel 1968 Eugenio morì e fu sepolto nel terreno di famiglia accanto a Maria e ai loro figli. Ha completato la sua missione in questa vita.

READ  Gli uomini italiani vincono medaglie di bronzo europee

Amava la sua famiglia. Era orgoglioso delle sue vigne, dei suoi frutteti di ortaggi e fiori. E – oh – quanto amo ballare! Agricoltore diversificato, si ritirò nel 1952 e possedeva anche diverse proprietà in affitto. Era un ottimo cuoco e un uomo d’onore. Ha vissuto a Madeira per 48 anni.

“Sebbene gli piacesse andare in Italia e fare molti viaggi e vedere fratelli e sorelle e le loro famiglie, amava davvero il suo paese adottivo, gli Stati Uniti”.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x