Gli incendi boschivi continuano in alcune parti della Grecia | Notizie sul clima

I vigili del fuoco continuano a combattere gli incendi che si estendono miglia a nord di Atene.

Domenica, le persone in Grecia si sono svegliate con un’altra giornata infernale in alcune aree mentre gli incendi continuavano a devastare il paese.

“Siamo soli. La nostra fine è vicina”, ha detto a Greek Sky Giannis Kotzias, sindaco della città in via di estinzione di Istiaia.

La città portuale si trova nel nord dell’Eubea, la seconda isola più grande della Grecia e sede di alcuni dei peggiori incendi di questa stagione.

La tensione è divampata anche sull’isola, dove solo domenica sono iniziati i vigili del fuoco aerei.

Molti si lamentano di essere stati abbandonati al loro destino, combattendo incendi che si estendevano su diversi chilometri quadrati e talvolta si trasformavano in muri di fiamme che si estendevano fino a sette chilometri (4,3 miglia).

“Ci hanno lasciato bruciare”, ha detto un uomo a Skai, osservando che la flotta di aerei antincendio del paese è stata finora concentrata nell’area intorno ad Atene.

Ma i funzionari hanno difeso le loro azioni, citando risorse limitate.

“Non possiamo essere ovunque. Devi solo immaginare cosa accadrebbe se gli incendi a nord di Atene si espandessero in un’area densamente popolata”, ha detto uno dei vigili del fuoco.

Un funzionario ha detto alla televisione di stato che domenica ci sono state notizie secondo cui la situazione si stava stabilizzando nel nord di Atene, con squadre di vigili del fuoco che hanno affermato di essere riuscite a spegnere alcuni piccoli incendi.

Gli equipaggi che monitorano la situazione nel nord della Grecia hanno affermato di aver contato circa 300 case ed edifici industriali distrutti dagli incendi e che ci vorranno circa 15 giorni per ripristinare l’elettricità nell’area.

READ  Il Kosovo apre l'ambasciata per Israele a Gerusalemme | Notizie di Gerusalemme

Il servizio idrico non è stato ancora completamente ripristinato.

Il primo ministro Kyriakos Mitsotakis ha sottolineato più volte negli ultimi giorni che la priorità è salvare vite umane, non proprietà o foreste.

La Grande Atene ha circa quattro milioni di abitanti, l’Eubea ha una popolazione di circa 220.000 abitanti e l’area più a rischio di incendio è principalmente la foresta.

Un uomo in piedi nell’acqua osserva un incendio boschivo in avvicinamento alla spiaggia di Kochyli vicino al villaggio di Limni in Eubea, 160 chilometri (100 miglia) a nord di Atene. [Thodoris Nikolaou/AP Photo]

Il fumo degli incendi dell’Eubea si è diffuso ed è stato scoperto ad Atene.

Migliaia di persone sono state evacuate dall’isola. Domenica sono tornati attivi i traghetti, che portavano gente dalla costa perché non era più sicuro usare le strade.

Ai residenti di altri villaggi vicini e a nord del porto principale dell’Eubea, Aidepsos, è stato chiesto di chiudere finestre, porte e camini per impedire ai carboni ardenti di entrare nelle case.

Funzionari locali e residenti nel nord dell’Eubea hanno ricordato i notiziari televisivi sabato e hanno lanciato un appello per più vigili del fuoco e aerei per la caduta dell’acqua.

La situazione era un po’ migliore nel Peloponneso, dove è scoppiato un incendio a sud di Megalopoli e un altro incendio nella parte occidentale della penisola si sta spostando nell’entroterra in una zona densamente boscosa dell’Arcadia, vicino a Olimpia.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x