― Advertisement ―

spot_img
HomeTop NewsGli indiani marciano per porre fine alla “schiavitù” dopo che l’uccisione di...

Gli indiani marciano per porre fine alla “schiavitù” dopo che l’uccisione di lavoratori ha scosso l’Italia

Migliaia di lavoratori agricoli indiani martedì hanno chiesto la fine della “schiavitù” in Italia, dopo che l’orribile morte di un lavoratore ha messo in luce il brutale sfruttamento dei migranti illegali.

Satnam Singh, 31 anni, che lavorava senza documenti legali, è morto la settimana scorsa dopo che il suo braccio è stato tagliato da una macchina. Il contadino per cui lavorava lo aveva gettato sulla strada con l'arto mozzato.

“È stato cacciato come un cane”, ha detto Gurmukh Singh, capo della comunità indiana del Lazio, “C’è sfruttamento ogni giorno, ne soffriamo ogni giorno, e deve finire adesso”.

“Siamo venuti qui per lavorare, non per morire”, ha detto all'AFP.

I bambini hanno innalzato striscioni colorati con la scritta “Giustizia per Satnam Singh” mentre il corteo attraversava la città di Latina, situata in una zona rurale a sud di Roma, che ospita decine di migliaia di lavoratori migranti indiani.

Gli indiani lavorano nell'Agro Pontino dalla metà degli anni '80, raccogliendo zucche, porri, fagioli e pomodori, lavorando nelle coltivazioni di fiori o producendo mozzarella di bufala.

La morte di Singh è oggetto di indagine, ma ha innescato un dibattito più ampio in Italia su come affrontare gli abusi sistemici nel settore agricolo, dove è diffuso l'uso e l'abuso di lavoratori non registrati da parte di agricoltori o capi di bande.

“Satnam è morto in un giorno, e io muoio ogni giorno. Perché anch'io sono una vittima del lavoro”, ha detto Parambar Singh, il cui occhio è stato gravemente ferito in un incidente sul lavoro.

“Il mio capo ha detto che non poteva portarmi in ospedale perché non avevo un contratto”, ha detto il 33enne, che da allora lotta per il lavoro.

READ  E dopo il ciclismo italiano dopo Vincenzo Nibali? Niente panico

“Aspetto giustizia da 10 mesi”, ha detto.

– Pagato una piccola somma –

Secondo la Fondazione Osservatorio Placido Rizzuto, che analizza le condizioni di lavoro nel settore agricolo, i lavoratori ricevono un salario medio di 20 euro al giorno per un massimo di 14 ore di lavoro.

Il primo ministro di estrema destra Georgia Meloni Ha cercato di ridurre il numero di immigrati clandestini in Italia, aumentando al tempo stesso i percorsi di immigrazione legale per i lavoratori extracomunitari per far fronte alla carenza di manodopera.

Ma secondo la federazione dell’agroindustria Confagricolturaltura, solo il 30% circa dei lavoratori che ricevono un visto viaggiano effettivamente in Italia, il che significa che non ci sono mai abbastanza lavoratori per soddisfare le esigenze degli agricoltori.

Meloni ha affermato questo mese che il sistema dei visti italiano viene sfruttato da gruppi criminali organizzati per contrabbandare immigrati clandestini.

Ha condannato le circostanze della morte di Singh, definendole “atti disumani che non appartengono al popolo italiano”.

“Spero che questa barbarie venga punita duramente”, ha detto la settimana scorsa ai suoi ministri.

La Guardia di Finanza ha individuato quasi 60.000 lavoratori non registrati da gennaio 2023 a giugno 2024.

Ma il più grande sindacato italiano, la CGIL, stima che fino a 230.000 persone – più di un quarto dei lavoratori agricoli stagionali del Paese – non abbiano un contratto.

Mentre alcuni sono italiani, la maggior parte sono stranieri privi di documenti.

Il rapporto afferma che le lavoratrici ottengono risultati molto scarsi, guadagnano meno dei loro colleghi uomini e in alcuni casi soffrono di sfruttamento sessuale.

READ  Lo straordinario Nicola Larini e il suo posto nella generazione perduta della Formula 1 italiana

“Abbiamo tutti bisogno di contratti di lavoro regolari, in modo da non cadere nella trappola di questa schiavitù”, ha detto Kor Akvir, 37 anni, che faceva parte di un gruppo di donne che indossavano sari colorati e marciavano dietro i leader della comunità locale.

“Satnaam era come mio fratello. Deve essere stato l'ultimo indiano a morire”, ha detto.

Ambiente di sviluppo integrato/ar/js