Gli scienziati hanno scoperto batteri vivi provenienti dallo spazio sulla superficie del satellite della Stazione Spaziale Internazionale – Science & Space

Mosca, 27 ottobre. / TASS /. Gli scienziati hanno scoperto batteri vivi provenienti dallo spazio sulla superficie della parte russa della Stazione Spaziale Internazionale (ISS). L’astronauta russo Anton Shkaplerov ha detto lunedì a TASS che è in fase di studio sulla Terra, ma che molto probabilmente non rappresenta alcun tipo di pericolo.

Secondo lui, durante una passeggiata nello spazio dalla Stazione Spaziale Internazionale nell’ambito del programma russo, gli astronauti hanno prelevato campioni di tamponi di cotone dalla superficie esterna della stazione. In particolare, sono state prelevate le sonde da luoghi in cui il combustibile di scarto accumulato veniva scaricato durante il funzionamento dei motori o in luoghi dove la superficie della stazione era più opaca. Successivamente, i campioni sono stati inviati sulla Terra.

“E ora si scopre che questi tamponi in qualche modo rivelano batteri che erano assenti durante il lancio dell’unità ISS. Cioè, provenivano dallo spazio e si sono depositati sulla superficie esterna. Sono stati studiati finora e sembra che lo siano non pericoloso “, ha detto l’astronauta russo.

Alcuni batteri terrestri sono sopravvissuti anche all’esterno della stazione spaziale, sebbene fossero stati nello spazio per tre anni. Inoltre, hanno subito forti fluttuazioni di temperatura da -150 ° C a 150 ° C.

I batteri sono stati accidentalmente portati nella stazione spaziale su tablet con vari materiali posti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale per lunghi periodi per studiare il comportamento dei materiali nello spazio.

Shkaplerov sarà il nuovo capo equipaggio della stazione spaziale, che dovrebbe decollare verso l’unico orbiter del mondo il 17 dicembre.

READ  Weatherwatch: Può un fulmine colpire Venere? | Venere

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x