Gli scienziati sono rimasti sbalorditi dai fossili trovati nelle profondità della calotta glaciale della Groenlandia

La Groenlandia non è sempre stata ricoperta di ghiaccio.

Joshua Brown / UVM

Guardare attraverso il retro del tuo congelatore può rivelare ogni sorta di chicche che probabilmente hai dimenticato, ma forse niente è così sorprendente come la scoperta fatta nel retro del frigorifero all’Università di Copenaghen.

Un tubo di ghiaccio e terra di 15 piedi proveniente dalla Groenlandia, recuperato nel 1966 da una squadra militare statunitense scavato per un miglio nel ghiaccio, è stato analizzato per la prima volta nel 2019 – e nei campioni c’era molto di più che sabbia e terra.

In uno studio pubblicato sulla rivista Atti della National Academy of Sciences Lunedì, il team internazionale di ricercatori ha descritto la scoperta di rami e foglie “perfettamente conservati” intrappolati all’interno del nucleo di ghiaccio estratto. La presenza di queste piante indica che c’erano piante in quel punto ora sepolte nel ghiaccio, indicando che una parte decente della Groenlandia doveva essere stata priva di ghiaccio negli ultimi milioni di anni.

Lo scienziato Andrew Crest ha riferito che i campioni sono come una capsula del tempo della Groenlandia prima del ghiaccio. Ha detto: “Normalmente le lastre di ghiaccio schiacciano e distruggono tutto sul loro percorso, ma quello che abbiamo scoperto erano delicate strutture di vegetazione. Sono fossili, ma sembra che siano morti ieri”.

Le implicazioni di questa scoperta potrebbero essere enormi per gli studi sui cambiamenti climatici, dato che l’analisi della calotta glaciale della Groenlandia potrebbe aiutare gli scienziati a prevedere come si comporterà all’aumentare della temperatura e allo scioglimento della neve a causa dell’attività umana. Può anche aiutarli a stimare quanto tempo ci vorrà prima che la calotta glaciale si sciolga completamente, influenzando i livelli del mare in tutto il mondo.

Inoltre, la scoperta suggerisce che la Groenlandia potrebbe essere più vulnerabile ai cambiamenti climatici indotti dall’uomo di quanto pensassimo inizialmente, date le prove che la maggior parte della calotta glaciale si è sciolta almeno una volta nella storia – e ciò senza l’assistenza umana i gas serra e il loro emissioni.

Ora che i livelli sono più alti, il ghiaccio può sciogliersi più velocemente e con risultati più estremi. La calotta glaciale della Groenlandia contiene abbastanza acqua per aumentare il livello globale del mare di 20 piedi, il che avrebbe conseguenze disastrose per le popolazioni costiere quando si scioglie.

Lo scienziato capo Paul Berman ha sottolineato la necessità di affrontare immediatamente il problema del ghiaccio della Groenlandia. “Questo non è un problema di 20 generazioni”, ha detto. Questo è un problema urgente per i prossimi 50 anni “.

READ  La Richmond Corporation è dietro le telecamere che hanno filmato l'atterraggio della NASA

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x