Gli Stati Uniti danno a tutti gli sfollati afghani fino a $ 2.275 in aiuti | Notizie di economia e commercio

L’amministrazione Biden e più di 200 agenzie private si stanno affrettando a creare un sistema per reinsediare decine di migliaia di afgani, molti dei quali sono fuggiti dal loro paese con poco più dei vestiti che indossavano.

Secondo un funzionario del Dipartimento di Stato, il Dipartimento di Stato prevede di spendere fino a 2.275 dollari per sfollato quando inizieranno gli sforzi di reinsediamento nelle comunità di tutto il paese nei prossimi mesi. I soldi serviranno per l’alloggio, il cibo, altre necessità e per iscrivere i bambini a scuola.

“Questo non è come al solito. Non siamo pronti. Non abbiamo mai fatto nulla di simile”, ha affermato Chris George, direttore esecutivo di Integrated Services for Refugees and Immigrants a New Haven, Connecticut. E se non è perfetto, va bene, perché questa è un’emergenza”.

L’afflusso metterà alla prova la capacità del governo degli Stati Uniti e dei gruppi privati ​​di fornire assistenza dopo che l’ex presidente Donald Trump ha ridotto il numero di rifugiati ammessi negli Stati Uniti e imposto severe restrizioni su chi era autorizzato a partecipare. Il presidente Joe Biden ha promesso di ricostruire il sistema.

Fino a 50.000 sfollati arriveranno nell’ambito della cosiddetta liberazione condizionale umanitaria, un programma temporaneo che dà loro un anno per richiedere visti permanenti. Altri afgani, compresi quelli che hanno lavorato direttamente con il governo degli Stati Uniti, saranno inseriti in categorie di immigrazione separate.

Il segretario alla sicurezza interna, Alejandro Mallorcas, ha dichiarato venerdì che gli Stati Uniti hanno accettato circa 40.000 sfollati dall’Afghanistan, 31.600 dei quali sono titolari di visti speciali per immigrati, richiedenti speciali di visto per immigrati o altri cittadini afgani vulnerabili che sono arrivati ​​in libertà condizionata per motivi umanitari.

READ  Grichuk dei Blue Jays sostiene la decisione di spostare l'All-Star Game da Atlanta

Il funzionario ha affermato che il Dipartimento di Stato si sta consultando con il Congresso sull’ammissibilità degli afgani ai benefici federali, incluso Medicaid. I casi di libertà vigilata umanitaria potranno beneficiare di un’assicurazione sanitaria finanziata dal governo federale fino alla fine di settembre, secondo il direttore del reinsediamento che ha familiarità con la questione.

George ha affermato di aver recentemente assunto agenti immobiliari per affittare appartamenti a Hartford e New Haven anche prima che la sua fondazione ricevesse avvisi di arrivo, una mossa senza precedenti per un’organizzazione no profit che normalmente si affida a un coordinatore abitativo.

Ha aggiunto di aver anche portato un coordinatore educativo per iscrivere i bambini a scuola e organizzare lezioni private.

Lui e altre organizzazioni hanno in programma di reclutare volontari che possano aiutare ad arredare appartamenti, pagare le famiglie e persino fornire stanze libere nelle loro case.

“Stiamo assistendo a un livello senza precedenti di sostegno privato, ma questo non farà la differenza”, ha affermato Mark Hetfield, amministratore delegato della Jewish Immigrant Aid Society, che ricolloca gli afgani nello stato di New York.

Sono state coinvolte anche grandi aziende, con Airbnb che ha promesso alloggi temporanei per 20.000 sfollati afgani in tutto il mondo e Walmart che ha promesso 1 milione di dollari ai gruppi di soccorso.

“Per affrontare un problema di questa portata e portata, faremo alcune cose che interromperanno il modo in cui lo abbiamo fatto storicamente”, ha affermato Chris Lehane, portavoce di Airbnb. “Stiamo utilizzando l’infrastruttura di una piattaforma tecnologica per integrare l’assistenza e, si spera, liberare le ONG e il governo per dare lavoro alle persone e trovare un alloggio permanente”.

READ  L'ambasciatore del Myanmar nel Regno Unito ha chiuso l'ambasciata di Londra in quello che sembrava essere un "colpo di stato" del suo vice

Mentre l’alloggio e il cibo sono le priorità più urgenti, anche i nuovi arrivati ​​devono trovare lavoro.

Texas Medical Technology, un produttore di apparecchiature mediche a Houston, ha dichiarato questa settimana di aver assunto cinque su 100 afgani che l’azienda prevede di ricoprire in varie posizioni, tra cui tessile e ingegneria, nei prossimi 12 mesi.

“La domanda c’è”, ha detto Shaun Ribar, comproprietario della società. “Abbiamo bisogno di lavoratori, quindi siamo a braccia aperte per i rifugiati”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x