Gli Stati Uniti minimizzano l’importanza dell’attacco a Rafah e dicono che faranno pressione per un accordo di cessate il fuoco a Gaza | Notizie della guerra israeliana a Gaza

Gli Stati Uniti minimizzano l’importanza dell’attacco a Rafah e dicono che faranno pressione per un accordo di cessate il fuoco a Gaza |  Notizie della guerra israeliana a Gaza

L’amministrazione Biden afferma che Israele ha un “obiettivo legittimo” nel impadronirsi del valico di Rafah, ma chiede la riapertura del confine.

Washington DC – Gli Stati Uniti hanno minimizzato il significato dell’attacco mortale di Israele a Rafah, affermando che l’attacco è apparso “limitato” nonostante le preoccupazioni per la sorte di oltre 1,5 milioni di palestinesi che si sono rifugiati nella città meridionale di Gaza.

Il portavoce del Dipartimento di Stato Matthew Miller ha detto martedì ai giornalisti che gli Stati Uniti rimangono contrari a qualsiasi attacco israeliano su Rafah.

Lunedì Israele ha intensificato i bombardamenti sulla città di Rafah, uccidendo decine di persone, dopo aver ordinato a circa 100.000 residenti delle regioni orientali di evacuare Rafah. Le forze israeliane hanno anche preso d’assalto il lato palestinese del valico di frontiera di Rafah tra la Striscia di Gaza e l’Egitto, che funge da principale passaggio per gli aiuti umanitari.

Martedì Miller ha dichiarato: “L’operazione militare lanciata ieri sera ha preso di mira solo la Porta di Rafah”.

“Non si è trattato di un’operazione nelle aree civili che è stato ordinato loro di evacuare. Pertanto, continueremo a chiarire che ci opponiamo a un’operazione militare su larga scala a Rafah”.

Tuttavia, Miller ha riconosciuto che l’attacco al valico “sembra essere un preludio” ad un attacco più ampio.

L’attacco israeliano ha portato alla chiusura del valico di Rafah, aumentando la pressione sul già insufficiente flusso di aiuti umanitari verso Gaza. Dal 9 ottobre Israele ha intensificato il blocco esistente sulla Striscia, spingendo l’enclave palestinese sull’orlo della carestia.

Il valico di Rafah funge anche da punto di ingresso per gli operatori umanitari diretti a Gaza e viene utilizzato da persone ferite e gravemente malate per lasciare la Striscia e ricevere cure all’estero.

READ  Il Marocco vuole indagare sull'arrivo del leader del Polisario in Spagna | Notizie dal Medio Oriente


Il Ministero della Sanità palestinese a Gaza ha affermato che a 120 pazienti che avrebbero dovuto attraversare Gaza per raggiungere l’Egitto per ricevere cure è stato impedito di partire martedì.

Il ministero ha affermato che la chiusura del valico ha comportato anche il blocco delle forniture mediche e del carburante necessari per il funzionamento dei restanti centri medici nella regione.

Il ministero ha affermato in una nota: “La situazione dei pazienti negli ospedali di Gaza è stata molto difficile dall’inizio della guerra a causa della perdita di attrezzature mediche e del completo collasso del sistema sanitario”.

“Abbiamo liste di viaggio per migliaia di malati e feriti. “E ora gli viene impedito di andarsene”.

Al Dipartimento di Stato americano, Miller ha chiesto la riapertura del valico, ma è sembrato anche giustificare l’attacco israeliano che ha portato alla sua chiusura.

Ha detto ai giornalisti: “Hamas ha preso il controllo del lato di Gaza del valico di Rafah, e Hamas continua a raccogliere entrate da questo valico aperto”.

“Quindi cercare di privare Hamas di entrate e fondi che può utilizzare per continuare a finanziare le sue attività terroristiche è un obiettivo legittimo. Tuttavia, vogliamo vedere il valico aperto e lavoreremo per cercare di riaprirlo”.

Sabato, Israele ha anche chiuso il valico di frontiera di Kerem Shalom, noto anche come Kerem Shalom, e bloccato i camion degli aiuti dopo che Hamas ha lanciato un attacco missilistico contro le vicine forze israeliane, uccidendo quattro soldati.

Martedì Miller ha affermato falsamente che il passaggio tra Gaza e Israele era stato “bombardato” da Hamas quando il passaggio stesso non era stato preso di mira.

READ  Le Filippine hanno detto che indagheranno su più di 150 agenti di polizia sulla micidiale guerra alla droga di Duterte

Quando è stato insistito sulla sua conferma, Miller ha detto: “Puoi sostenere questa argomentazione, perché è stato l’attacco a Kerem Shalom a far precipitare la sua chiusura”.

“Tuttavia, bisogna essere molto chiari sulla nostra posizione: vogliamo vederlo aperto il più presto possibile. Hanno detto che lo apriranno domani. Lavoreremo affinché ciò accada.”


Martedì scorso, le Nazioni Unite hanno invitato Israele a riaprire immediatamente i due valichi.

Il sequestro della Porta di Rafah da parte di Israele è avvenuto poche ore dopo che Hamas aveva annunciato di aver accettato una proposta di cessate il fuoco da parte di Egitto e Qatar, che prevedeva il rilascio dei prigionieri israeliani a Gaza in cambio del rilascio dei prigionieri palestinesi detenuti da Israele, nonché un conclusione definitiva dei negoziati. guerra.

Israele ha rifiutato l’accordo ma ha detto che parteciperà a ulteriori negoziati.

L’amministrazione del presidente americano Joe Biden ha partecipato attivamente ai colloqui. Martedì Miller si è rifiutato di fornire molti dettagli sullo stato delle cose, ma ha negato che Hamas avesse effettivamente accettato l’accordo.

Invece, ha detto che il gruppo palestinese ha risposto alla proposta con proposte come parte del processo di negoziazione.

Ha detto: “Crediamo ancora che ci sia spazio per raggiungere un accordo e stiamo cercando di spingerlo oltre i limiti”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x