Gli Stati Uniti revocano le sanzioni dell’amministrazione Trump al procuratore della Corte penale internazionale | La Corte penale internazionale

Gli Stati Uniti hanno revocato le sanzioni e i divieti di viaggio imposti dall’amministrazione Donald Trump al procuratore della Corte penale internazionale, chiedendo un rapporto più cooperativo.

L’anno scorso l’ex segretario di Stato Mike Pompeo Ha imposto sanzioni e ha rifiutato i visti d’ingresso al procuratore generale uscente, Fatou BensoudaDopo aver avviato un’indagine su presunti crimini di guerra commessi dal personale militare statunitense in Afghanistan.

Il tribunale dell’Aia ha aumentato la rabbia degli Stati Uniti di oÈ stata aperta un’indagine su presunti crimini di guerra nei territori palestinesi da parte di Israele, L’alleato degli Stati Uniti che rifiuta l’autorità del tribunale.

Il successore di Pompeo, Anthony Blink, Ha detto, gli Stati Uniti sono ancora “fortemente in disaccordo” con questi passaggi.

“Riteniamo, tuttavia, che le nostre preoccupazioni su questi problemi saranno affrontate meglio impegnandosi con tutte le parti interessate nel processo ICC piuttosto che imponendo sanzioni”, ha detto Blinken in una dichiarazione.

Ha detto che le sanzioni sono state revocate e che i visti sono stati vietati per Bensouda e il suo equipaggio.

“Sono fiducioso che questa decisione segna l’inizio di una nuova fase nel nostro impegno comune a combattere l’impunità” per i crimini di guerra, ha affermato in una nota Silvia Fernandez de Gourmande, presidente dell’Associazione degli Stati parti della Corte penale internazionale.

La querelante nata in Gambia lascerà il suo lavoro a giugno e lo sarà Sostituito dall’avvocato britannico per i diritti umani Karim KhanChi ora può aprire la sua attività senza l’onere di incombenti sanzioni.

Gli Stati Uniti non sono entrati a far parte della Corte penale internazionale, che ha iniziato le operazioni nel 2002 dopo che un numero sufficiente di stati ha ratificato il trattato che lo istituiva, sostenendo che il tribunale poteva essere utilizzato in processi motivati ​​politicamente dalle forze e dai funzionari statunitensi.

READ  Dopo le perdite del 2020, i repubblicani statunitensi si muovono per limitare i diritti di voto Donald Trump News

Ma la revoca delle sanzioni è stata l’ultima indicazione che l’amministrazione Biden è intenzionata a tornare all’ovile dell’ovile multilaterale. L’amministrazione Trump ha rimosso gli Stati Uniti senza scuse da molte istituzioni e convenzioni internazionali e ha criticato severamente altri, inclusa la Corte penale internazionale, perché viziati e che agivano contro gli interessi americani.

Da quando Biden è entrato in carica, la sua amministrazione è rientrata nell’Organizzazione mondiale della sanità, ha trattato con il Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, è tornata all’accordo sul clima di Parigi e venerdì ha iniziato i colloqui volti a tornare all’accordo sul nucleare iraniano. Trump si è ritirato dai cinque.

Venerdì, i gruppi per i diritti hanno elogiato Biden per aver rimosso le sanzioni di Trump, ma hanno invitato Biden ad andare oltre, sostenendo il lavoro della corte e rendendo gli Stati Uniti uno stato membro.

Due serie di sanzioni sono state inflitte a Bensouda e al capo della magistratura del tribunale, Vaciso Mushushoku, prima un divieto di viaggio su Bensouda nel marzo 2019, poi dopo 18 mesi, tutti i beni che lei e Muchushoku potrebbero avere negli Stati Uniti o negli Stati Uniti. Autorità giudiziarie. Il secondo round ha anche reso il “supporto materiale” del marito un reato potenzialmente punibile.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x