Google ha migliorato la comprensione di Bard dei video di YouTube

Google ha migliorato la comprensione di Bard dei video di YouTube

Ci sono decine di migliaia, forse di più, di video educativi su YouTube che possono aiutare gli spettatori ad apprendere nuove competenze, risolvere problemi o affrontare compiti e faccende domestiche. Tuttavia, non tutti sono coach naturali e molti creativi non riescono a rendere le loro istruzioni il più chiare possibile.

Sebbene gli spettatori possano riavvolgere il video, a volte potrebbe essere più semplice porre una domanda al creatore.

È qui che Bard di Google può contribuire a rendere i video più utili. Questo mese è stato annunciato che uno strumento di intelligenza artificiale collaborativa basato su chat sarà addestrato per comprendere i video di YouTube. Il Bardo può essenzialmente “guardare” i video e poi chiedergli i dettagli di base.

“Abbiamo sentito che desideri un coinvolgimento più profondo con i video di YouTube. Quindi stiamo espandendo l’estensione di YouTube per comprendere alcuni dei contenuti video in modo che tu possa avere una conversazione più ricca con Bard al riguardo.” Google ha annunciato tramite la sua pagina Bard Experiment.

Ovviamente, l’intelligenza artificiale può solo replicare ciò che era presente nel video, ma può comunque aiutare gli utenti a comprendere meglio un punto chiave che potrebbe essere stato trascurato.

Video più intuitivi

Inoltre, non è del tutto chiaro quanto ciò sarà utile per i creatori di contenuti, oltre a rendere alcuni video più accessibili.

“È uno sviluppo interessante ora che le capacità crescenti di Bard includono la visione di video di YouTube e la risposta alle domande. Sta modernizzando il modo in cui interagiamo con le informazioni. Immagina gli usi di questa funzionalità e un’esperienza interattiva più ricca! Può sicuramente integrare e aggiungere valore a ciò che crea.” .” Gli utenti Susan Schreiner, analista del settore tecnologico presso C4 Trends, ha spiegato il contenuto.

Può risparmiare tempo

Bard può anche aiutare con video molto dettagliati, ad esempio video che insegnano le regole di un gioco da tavolo. E se avessi solo bisogno di chiarimenti su una regola specifica? Invece di guardare un video di mezz’ora, Bard avrebbe potuto fornire la risposta.

“Ciò potrebbe far risparmiare molto tempo a chi guarda contenuti prolissi o che contengono una grande quantità di informazioni, la maggior parte delle quali non interessa allo spettatore, riducendo la quantità di tempo che deve investire in un video prima di ottenere una risposta,” ha aggiunto Rob Enderle, principale analista di The Enderle Group.

Allo stesso modo, può essere utile per le ricette, in cui gli utenti possono porre una domanda come “Quante uova mi servono” prima di rompere un uovo.

“Immagina di guardare un video e poi chiedere misurazioni più precise per gli ingredienti. I video didattici o di formazione sono spesso difficili se un passaggio viene saltato o la spiegazione manca di precisione”, ha osservato Schreiner. “Ora l’utente può chiedere rapidi chiarimenti. Man mano che le persone si sentiranno a proprio agio con questa funzionalità, sarà interessante vedere come si svolgerà questa esperienza.”

Esperienza migliorata dall’intelligenza artificiale

I creatori di contenuti potrebbero anche pensare a come utilizzare la tecnologia AI come Bard nei loro video.

“Ciò migliorerà la qualità percepita dei video consentendo agli utenti di ottenere ciò di cui hanno bisogno più rapidamente e ridurrà la quantità di tempo che un utente dovrà investire in un video educativo”, ha continuato Enderle. “Potrebbe anche aiutare a fornire un contesto per clip basati su film o programmi TV, fornendo un coinvolgimento più profondo tra coloro che creano i video e coloro che li guardano.”

Si temeva che l’intelligenza artificiale potesse sottrarre lavoro ai creatori.

Invece, Bard potrebbe fare di meglio nel produrre buoni video, ha suggerito Schreiner. “In un’epoca in cui i chatbot creano incubi, è piacevole immaginare il loro potenziale come strumento di insegnamento o apprendimento in modi nuovi”.

Seguimi Twitter.

READ  Bassa risoluzione nativa per Diablo IV PS5/XSX, ma FSR ha fatto bene; Le console di ultima generazione non sono eccezionali

Fino Neri

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x