Guarda gli occhi più strani del regno animale, un mondo che non possiamo immaginare

Quando si guarda il mondo in un certo modo, è facile dimenticare che non tutti hanno la stessa visione.

Lo intendiamo letteralmente. accanto a considerazioni filosofiche Dall’esperienza soggettiva del colore, diversi organismi si sono evoluti per vedere il mondo in modo diverso, con strutture e configurazioni oculari ottimizzate per diversi tipi di esistenza.

C’è l’ovvio, ovviamente: Pupille orizzontali di erbivori Offri loro una vista panoramica dell’ambiente circostante, che li aiuti a vedere arrivare i predatori ed evitare gli ostacoli mentre gli animali scappano. Nel frattempo, i predatori notturni hanno pupille verticali per massimizzare la visione notturna.

Tuttavia, altri tipi di occhi nel mondo meraviglioso, vasto e diversificato vedono in modi che potremmo nemmeno iniziare a immaginare. Ecco alcuni degli occhi più strani del regno animale: veri e propri animali tascabili rettiliani.

calamaro

Nessun altro animale ha una pupilla come un calamaro. Sono a forma di W, un tratto identificato dai biologi Aiuta l’equilibrio degli animali Un campo di luce verticalmente irregolare, comune nelle profondità acquatiche in cui abitano. Ma questo è solo l’inizio.

Occhio di calamaro. (A. Martin UW Photography / Moment / Getty Images)

I calamari hanno un solo tipo di fotorecettore, il che significa che possono vedere solo in bianco e nero. Tuttavia, queste strane e larghe pupille di seppie e altri cefalopodi potrebbero facilitare un modo completamente diverso di vedere il colore, usando il modo in cui la luce si divide attraverso un prisma in un arcobaleno.

conosciuto come aberrazione cromatica, può essere un problema quando le lenti dei nostri occhi non riescono a mettere a fuoco i colori nello stesso punto, trasformando i contrasti nitidi di una tonalità in una sfumatura più morbida di diverse tonalità. Squid potrebbe aver trasformato questo problema in una soluzione.

Più piccola è la pupilla, minore è l’effetto, quindi le pupille più larghe dei cefalopodi saranno più suscettibili ad esso. Sebbene ciò possa sfocare le immagini, la sfocatura dipende dal colore, il che significa che potrebbe essere un modo per questi oggetti apparentemente daltonici di vedere i colori. Potevano vedere colori che non conosciamo nemmeno! Questo può anche spiegare come possono coordinare i colori con il loro ambiente al fine di camuffare.

READ  L'eclissi solare "L'anello di fuoco" sarà visibile in alcune parti del Canada la prossima settimana

A differenza di altri cefalopodi, gli occhi dei calamari possono ruotare, permettendo loro di vedere il mondo anche in 3D; Recentemente, gli scienziati hanno scoperto che questi occhi rotanti portano alla visione stereoscopica, dando ai calamari un altro vantaggio nel loro ambiente.

uccelli

Forse gli uccelli, con i loro occhi piccoli e penetranti, possono vedere molto di ciò che noi non possiamo vedere.

I cefalopodi hanno un solo tipo di fotorecettore, come abbiamo identificato. Gli esseri umani hanno quattro, tre coni e un bastoncino, il che significa che abbiamo sensibilità al colore a tre lunghezze d’onda di picco, che è ciò che chiamiamo visione tricromatica. (il Bastone Per la visibilità in condizioni di scarsa illuminazione.)

Gli uccelli hanno sei – quattro coni che danno una visione tetraedrica e un pene e un insolito doppio cono per percepire il movimento non colorato.

coda bluBluetail immigrato dall’Himalaya (Tarsiger rufilatus). (Netat Terme/Moment/Getty Images)

Inoltre, una proteina nei loro occhi potrebbe consentire di vedere i campi magnetici. Gli uccelli migratori possono navigare molto bene e per molto tempo non è stato chiaro esattamente come ciò sia stato ottenuto. Recentemente, gli scienziati lo hanno ristretto a una classe di proteine ​​chiamate criptocromi, che sono sensibili alla luce blu.

Appare la ricezione magnetica degli uccelli, ovvero la loro capacità di percepire i campi magnetici Dipende dalla luce blu, indicando che il senso può essere basato sulla visione. C’è una chiara possibilità che questo filtro magnetico di colore blu sia il risultato di stranezze quantistiche. Studi di laboratorio più recenti hanno mostrato come il campo magnetico influenzi la proprietà quantistica dei cromo criptici, che governano i loro elettroni.

Disabilità Disabilità

Guarda i quattro grandi occhi (Disabilità disabili ps), del genere del pesce a quattro occhi.

handicappatoStrano pesce con quattro occhi. (Charles Peterson/Flickr/CC BY-NC 2.0)

Questa splendida bestia in realtà non ha quattro occhi, ma i suoi occhi hanno sviluppato un adattamento straordinario. La loro nicchia ecologica è la superficie dell’acqua, dove trascorrono la maggior parte del loro tempo predando insetti che si aggirano intorno agli ecosistemi acquatici.

I loro occhi si trovano sopra le loro teste, è meglio vedere gli insetti volanti in un ambiente atmosferico, mia cara. Ma parte dell’organo visivo si trova sotto la superficie dell’acqua, ed è qui che le cose si fanno interessanti: ogni pupilla è divisa in due metà, una situata sopra la linea di galleggiamento (dorsale) e l’altra sotto (ventrale), rivolta verso il basso negli abissi oscuri.

READ  Gli scienziati hanno le vertigini quando la NASA rilascia l'immagine galattica di una stella lontana dal telescopio spaziale James Webb

In questo modo il pesce può contemporaneamente Guarda sopra e sotto l’acqua – ambienti attraverso i quali la luce si diffonde in modo diverso – per osservare sia i predatori che le prede. Anche lo spessore della lente è diverso, per adattarsi ai diversi indici di rifrazione dell’aria e dei mezzi acquosi, nonché allo spessore della lente epitelio corneale.

e proteine ​​nelle cellule fotorecettrici della retina anche un po’ diverso Più sensibile alla luce verde nella retina dorsale e più sensibile alla luce gialla nella retina ventrale. Perché i pesci vivono più spesso ambienti fangosiCome le mangrovie, si pensa che questo migliori la visione in acque torbide.

canocchia

Di tutti gli occhi del regno animale, il più complesso che conosciamo appartiene ai crostacei marini che vivono sul fondo e che trascorrono la loro vita scavando nelle rocce e nel fondo del mare.

Gli umani hanno sicuramente quattro fotorecettori. Sei uccelli – incredibile. Canocchia stomatopodi, l’arguzia dei giovani esausti, hanno 16 peepers nel loro complesso. Cosa fanno con questi fotorecettori? vedono. Vedono tutte le cose. Non giocare a nascondino con le canocchie.

canocchiacanocchia pavone (Odontodactylus scyllarus). (Prilfish/Flickr, CC BY2.

In effetti, non sappiamo perché i gamberetti mantide abbiano bisogno di organi visivi così complessi, perché è molto difficile per noi visualizzare ciò che vedono. Hanno i soliti fotorecettori colorimetrici e fotorecettori sensibili alle radiazioni ultraviolette. Questo non è unico. Alcuni insetti, uccelli e persino renne possono vedere i raggi ultravioletti. Canocchia? Possono vedere cinque diverse bande di frequenza ultravioletta.

Inoltre, i gamberetti di mantide possono vedere la luce polarizzata; In quale direzione sono le oscillazioni dell’onda che si propaga la luce? Puoi vedere molti animali luce polarizzata lineare, Compreso calamaro. Le canocchie sono gli unici animali che possono vedere Con un movimento circolare La luce polarizzata che conosciamo.

READ  La vita sostenibile su Marte richiederà agli esseri umani di alimentare il pianeta

Ogni occhio è attaccato a una gamba e può essere spostato indipendentemente. Ogni occhio ha la capacità di percepire la profondità. Gli esseri umani si affidano alla visione binoculare per la percezione della profondità. Il gambero di mantide ne ha bisogno solo uno. possono anche vedi cancro prima che compaiano i sintomi.

Se questo non è un superpotere visivo, non sappiamo cosa lo sia.

chetogenico

Di cosa sono fatti gli occhi? noi, fazzoletto di carta, di solito – una struttura fatta di cellule. A meno che tu non sia un tipo di mollusco marino chiamato chetone, di classe Poly Plaufora.

chetogenicoIl misterioso chetone delle Indie Occidentaliacantoplura granulato). (Hans Hillewaert/Wikimedia Commons/CC BY-SA 4.0)

Queste piccole creature vivono la loro vita protette da spessi strati di armature ad incastro mentre scavano sulle rocce, pascolando su qualunque cosa vi trovino. Penseresti che una tale creatura avrebbe occhi morbidi che potrebbero scrutare intorno ai bordi dei loro gusci per monitorare i predatori e percepire il ciclo giorno-notte.

Ti sbaglierai. I chetoni hanno gli occhi, ovviamente, ma sono incorporati nella loro armatura e fatti di metallo; Più specificamente, un tipo di carbonato di calcio noto come aragonite.

Semplici occhi chetonici, disseminati sulla superficie del loro guscio insieme a centinaia di organi sensoriali noti come estetici, sono costituiti da una lente di aragonite ricoperta da una cornea e da un tipo di retina; Con sorpresa degli scienziati, questi minuscoli organi primitivi possono effettivamente risolvi le immagini.

Quello che non sappiamo è come queste informazioni visive vengono elaborate dal cervello: non c’è molta chetosi in questo dipartimento.

Occhi di chitoneOcchi di chitone. Le macchie scure sono gli occhi e le protuberanze più piccole sono estetiche. (Istituto Weiss dell’Università di Harvard)

Ma può aiutarci a capire meglio alcuni dei percorsi selvaggi che l’evoluzione ha preso in passato. I trilobiti, ad esempio, hanno anche occhi metallici, con Lenti in calcite.

Queste creature estinte avevano i primi occhi veramente complessi che conosciamo, quindi comprenderli può dirci molto su come la visione si è evoluta sulla Terra in tutta la sua abbagliante complessità.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x