― Advertisement ―

spot_img
HomeWorldGuerra di Gaza: Hamas rifiuta di incolpare Blinken per l’inafferrabile cessate il...

Guerra di Gaza: Hamas rifiuta di incolpare Blinken per l’inafferrabile cessate il fuoco

Commenta la foto, I mediatori hanno presentato l'ultima proposta di cessate il fuoco più di due settimane fa

  • autore, Ravi Berg
  • Ruolo, notizie della BBC

Hamas ha risposto alle critiche del segretario di Stato americano Antony Blinken per non aver ancora accettato la proposta di cessate il fuoco, affermando che si era mostrata “positiva” nei confronti dei negoziati.

Il gruppo ha affermato di “aver affrontato positivamente l'ultima proposta e tutte le proposte per raggiungere un accordo di cessate il fuoco”.

D’altra parte, ha detto, “Mentre Blinken continua a parlare dell’approvazione da parte di Israele dell’ultima proposta, non abbiamo sentito nessun funzionario israeliano esprimere la sua approvazione”.

Blinken ha ripetutamente affermato che Israele ha accettato la proposta di cessate il fuoco presentata dal presidente Biden il 31 maggio. Il governo israeliano non lo ha detto ufficialmente, anche se il piano israeliano ha costituito la base per l'annuncio di Biden.

Mercoledì in Qatar, Blinken ha espresso frustrazione per la risposta di Hamas alla proposta di cessate il fuoco di Israele, presentata martedì dal movimento.

I dettagli della risposta non sono stati annunciati, anche se Blinken ha detto che Hamas aveva proposto dei cambiamenti, alcuni dei quali, a suo dire, erano inapplicabili.

Ha aggiunto: “Il mondo non ha ricevuto alcuna accoglienza o approvazione da parte nostra [Israeli Prime Minister Benjamin] Ha aggiunto che “Netanyahu” e il suo governo “hanno accettato la risoluzione e hanno continuato a sottolineare il rifiuto di qualsiasi cessate il fuoco permanente, in chiara contraddizione con la risoluzione del Consiglio di Sicurezza e con l'iniziativa del presidente Biden”.

Hamas ha affermato che, d’altro canto, “ha espresso chiaramente la sua posizione positiva su ciò che è stato incluso nel discorso del presidente americano Joe Biden” e “cosa è stato incluso” nella risoluzione. Ha anche affermato di aver confermato la sua “disponibilità a collaborare” con i mediatori che partecipano ai negoziati per il cessate il fuoco.

Lunedì, dopo l'incontro con Netanyahu a Gerusalemme, Blinken ha detto che il primo ministro “ha riaffermato il suo impegno” nei confronti della proposta di cessate il fuoco.

Netanyahu non ha sostenuto pubblicamente il piano, anche se il suo gabinetto di guerra ha approvato la proposta consegnata ad Hamas il 27 maggio. Tale proposta – che si dice sia più lunga del riassunto di Biden – non è stata resa pubblica e non è chiaro se differisca da ciò che il presidente ha comunicato nella sua dichiarazione televisiva alla fine del mese scorso.

La guerra è iniziata dopo che Hamas ha attaccato Israele il 7 ottobre, uccidendo circa 1.200 persone e prendendo in ostaggio altre 251 a Gaza. Il Ministero della Sanità guidato da Hamas afferma che da allora sono state uccise più di 37.000 persone nell’offensiva israeliana.