― Advertisement ―

spot_img

L'ultimo accessorio dell'estate? I cuscinetti auricolari ispirati a Trump invadono la Convention Nazionale Repubblicana – Nazionale

Sembra che Donald Trump possa ora aggiungere il titolo di "fashion influencer" al suo curriculum.L'ex presidente, anche se non particolarmente conosciuto come un fan...
HomeWorldGuerra di Gaza: Israele bombarda Gaza City mentre i carri armati ritornano...

Guerra di Gaza: Israele bombarda Gaza City mentre i carri armati ritornano nelle regioni centrali

Commenta la foto, Centinaia di famiglie palestinesi sono state sfollate da Gaza City dopo aver ricevuto l'ordine di evacuare diverse zone della città.

  • autore, Sebastiano Asher
  • Ruolo, notizie della BBC
  • Rapporto da Gerusalemme

I palestinesi di Gaza City affermano di essere stati sottoposti a uno dei più pesanti bombardamenti israeliani da quando Israele ha lanciato la sua guerra contro Hamas dopo l’attacco senza precedenti del movimento il 7 ottobre.

I rapporti indicano che file di carri armati israeliani si stanno avvicinando al centro della città da diverse direzioni.

L'Autorità per le emergenze civili di Gaza ritiene che diverse persone siano state uccise, ma non è ancora riuscita a raggiungerle a causa dei combattimenti in diverse aree a est e a ovest della città di Gaza.

Secondo quanto riferito, il Baptist Community Hospital è stato evacuato e i suoi pazienti sono stati trasferiti in una delle poche strutture mediche ancora funzionanti nella zona, il già affollato Indonesian Hospital.

Nel frattempo, un alto funzionario palestinese ha detto alla BBC che i negoziati indiretti tra Hamas e Israele riguardo al cessate il fuoco e al rilascio dei prigionieri dovrebbero riprendere in Qatar entro 48 ore.

Il funzionario ha fatto sapere che lunedì in Egitto si terrà un incontro preliminare tra i capi dei servizi segreti americani, israeliani ed egiziani.

Prima dell’inizio dell’attacco a Gaza City, le forze di difesa israeliane hanno emesso ordini di evacuazione per diversi quartieri del centro cittadino, tra cui Al-Tuffah, Al-Daraj e la Città Vecchia.

Lunedì pomeriggio, l’esercito di occupazione israeliano ha emesso un nuovo ordine che copre l’area di Tal al-Hawa e l’area di Sabra e al-Rimal, a nord e a ovest.

Un residente di Gaza City, Abdul Ghani, ha chiesto: “Il nemico è dietro di noi e il mare è di fronte a noi”.

Altri hanno detto alla BBC che non sapevano dove stavano andando, aggiungendo che l'unica strada rimasta era dirigersi a nord verso la zona portuale di Gaza City.

Alcuni residenti sono fuggiti dalle loro aree dopo aver ricevuto l'ordine di evacuazione, solo per scoprire che l'area in cui si erano trasferiti era diventata sotto i bombardamenti israeliani.

Nella zona sabbiosa, un fotografo freelance che lavora per la British Broadcasting Corporation (BBC) afferma di non aver ricevuto alcun ordine di evacuazione, ma in seguito ha appreso che il suo vicino aveva ricevuto l'ordine di evacuare.

Ha lasciato la zona con la sua famiglia e si è diretto a nord. Adesso si trovano nella zona del porto ma mancano dei beni di prima necessità. Dice che fa fatica a trovare l'acqua per i suoi figli.

L'esercito di occupazione israeliano ha confermato in un comunicato di aver lanciato quella che ha definito una nuova operazione a Tal al-Hilweh durante la notte, in seguito a quelle che secondo lui erano informazioni di intelligence sulle infrastrutture e sui combattenti di Hamas e dei movimenti della Jihad islamica palestinese nella regione.

L’esercito ha anche aggiunto che lavora presso la sede dell’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei rifugiati palestinesi (UNRWA) nella regione.

Commenta la foto, L’esercito israeliano ha affermato che la sua operazione ha preso di mira le infrastrutture e i combattenti dei movimenti palestinesi di Hamas e della Jihad islamica.

L’ultimo attacco israeliano a Gaza arriva in un momento in cui crescono le speranze che si possa finalmente raggiungere un accordo di cessate il fuoco.

Un alto funzionario palestinese a conoscenza dei colloqui ha detto alla BBC che i negoziati indiretti tra le squadre negoziali di Hamas e Israele, mediati da Qatar ed Egitto, inizieranno a Doha entro le prossime 48 ore.

Il funzionario ha inoltre precisato che lunedì si terrà al Cairo un incontro preparatorio tra il direttore della CIA William Burns, il capo dei servizi segreti israeliani Mossad David Barnea e il capo dei servizi segreti egiziani Abbas Kamel.

Martedì è previsto il viaggio dei tre capi dell'intelligence a Doha.

Il funzionario ha identificato alla BBC diversi punti principali di controversia dal punto di vista di Hamas:

  • Hamas vuole che le forze israeliane si ritirino dal valico di Rafah con l'Egitto e dal Corridoio di Filadelfia, una striscia di terra che corre lungo il confine egiziano.
  • Israele ha respinto la richiesta di Hamas di rilasciare dalle carceri israeliane 100 alti dirigenti dei movimenti Jihad islamica e Fatah.

Il gruppo negoziale di Hamas ha già abbandonato la richiesta che Israele accetti un cessate il fuoco permanente come precondizione per qualsiasi potenziale accordo.

Il funzionario ha detto che il processo di negoziazione sarà molto lungo e complicato, ma c'è qualche speranza che questa volta abbia successo.

Netanyahu ha ripetutamente posto questi obiettivi nell’eliminazione di Hamas, sia militarmente che politicamente.