“Guidato dal Canada”: il telescopio spaziale della NASA con componenti canadesi lanciato questa settimana

Ora, in un sistema solare molto distante, sette pianeti orbitano attorno a una stella nana rossa.

Tre è la distanza corretta dal sole per la presenza di acqua liquida. Uno di questi, noto come Trappist 1-F, ha anche la giusta densità. Possono gli oceani accarezzare le coste di questo mondo lontano, a 40 anni luce dalla Terra?

“Ci sono buone probabilità che questo pianeta sia ricco di acqua”, ha detto René Doyon, un fisico dell’Università di Montreal specializzato in esopianeti. “L’unico modo per scoprirlo è usare Webb.”

Doyon parla del James Webb Space Telescope della NASA, del prodotto da 13 miliardi di dollari e di oltre due decenni di lavoro che è finalmente pronto per il decollo questa settimana. Doyon, il ricercatore principale per i componenti del telescopio di fabbricazione canadese che è stato coinvolto nel progetto quasi dall’inizio, non vede l’ora.

Disse: “In questi giorni mi alzo la mattina e dico: (Wow), questo accadrà”.

Webb è dotato di due sistemi primari canadesi ed è il successore del telescopio spaziale Hubble. Webb orbiterà molto più in profondità nello spazio – a circa 1,6 milioni di chilometri di distanza, lontano dalla luna – e sarebbe da cento a un milione di volte più sensibile, ha detto Doyon.

È progettato per esaminare due enigmi: la natura dei pianeti al di fuori del nostro sistema solare e ciò che le galassie più antiche possono dirci sulla nascita dell’universo. Webb sarà in grado di analizzare le atmosfere degli esopianeti e raccogliere dati dalle cosiddette galassie di “prima luce”, che si sono formate 13,6 miliardi di anni fa.

READ  La Stazione Spaziale Internazionale ha deviato per evitare la spazzatura spaziale

La chiave di questo lavoro sarà il sensore di guida di precisione, che aiuta a orientare il telescopio, e l’imager nel vicino infrarosso e lo spettrometro a fessura, che aiuta ad analizzare la luce che rileva. Entrambi sono progettati e costruiti in Canada.

“Ogni nota, ogni bella immagine, il Canada dirigerà”, ha detto Doyon.

Sarah Gallagher, consulente scientifico dell’Agenzia spaziale canadese, ha affermato che il Canada ha fatto parte del progetto Web quasi dall’inizio. Almeno la metà dei 600 scienziati della Canadian Astronomical Society vi ha preso parte e decine di scienziati e ingegneri fanno parte del suo team di progettazione.

Il Canada ha contribuito con quasi 200 milioni di dollari nel corso degli anni, abbastanza per dare ai ricercatori canadesi il cinque percento del tempo di osservazione del telescopio. Oltre agli esopianeti e alle galassie First Light, i ricercatori canadesi utilizzeranno Webb su argomenti che vanno da asteroidi e comete vicino a casa a come le stelle influenzano lo spazio intorno a loro nelle regioni lontane della galassia dove nascono nuove stelle.

“Solo essere un partner in un grande progetto come questo avvantaggia tutto il Canada”, ha detto Gallagher.

“Ci dà un posto al tavolo della cooperazione internazionale. La nostra comunità astronomica è riconosciuta a livello globale e uno dei motivi è che siamo partner in queste missioni davvero nuove ed entusiasmanti”.

Ma prima, Webb deve salire lassù.

Dopo il lancio, previsto per venerdì, il telescopio dovrebbe aprirsi nello spazio dalla stiva del razzo come un gigantesco origami telecomandato. La NASA afferma che ci sono 300 punti durante questo processo in cui le cose possono andare in modo catastrofico.

READ  La protezione solare è ora disponibile mentre si cammina nel parco di Riverview

Questo processo richiederà due settimane. Ci vorranno quindi due settimane per raggiungere l’orbita.

Passeranno altri cinque mesi mentre il telescopio si raffredda gradualmente. Webb “vede” i raggi infrarossi che sente sulla Terra come calore. Webb deve scendere a circa -223 gradi Celsius prima che il suo stesso calore non possa più disturbare la radiazione che sta studiando.

A giugno, ha detto Doyon, potremmo vedere immagini che hanno sbalordito il mondo proprio come hanno fatto le prime immagini di Hubble nel 1990.

E potrebbe fissare i cieli del nuovo mondo che ossessiona la sua immaginazione: trappista 1-F.

“È un sistema (solare) perfetto”, ha detto Doyon. Quelli saranno il nostro obiettivo primario, quei pianeti.

“C’è acqua, anidride carbonica, metano, il tipo di molecole di cui abbiamo bisogno per creare la vita? Questo è un enorme passo avanti in questo grande obiettivo, trovare la vita”.

Questo rapporto è stato pubblicato per la prima volta da The Canadian Press il 20 dicembre 2021.

Segui Bob Weber su Twitter a @row1960

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x