Habakkuk Baldonado combatte la nostalgia per l’Italia abbracciando la sua famiglia a casa

Con braccia e gambe che sembrano tronchi e un telaio di 6 piedi-5, 260 libbre, Habakkuk Baldonado si adatta al suo ruolo di feroce cacciatore di quarterback.

Ma la piccola estremità difensiva di Pete è a 7.322 chilometri dalla sua nativa Roma, in Italia, ed è solo umano.

Forse non sorprendentemente, ammette di avere un po’ di nostalgia “di tanto in tanto”, che in realtà svanisce non appena appare.

Che si tratti della cena del Ringraziamento a casa di un compagno di squadra, della partita di calcio annuale di Charlie Partridge nel cortile di casa o semplicemente abbracciando un giocatore più giovane e aiutandolo a farcela, Baldonado ha trovato casa nella squadra di calcio di casa.

Dopo un defensive end All-American, Patrick Jones II e Rashad Weaver si trasferirono nella NFL, Baldonado salì al di sopra della classifica di profondità di Pete in termini di produzione e leadership. Anche se gli mancano sua madre e suo fratello a Roma, è troppo impegnato e concentrato per preoccuparsi di qualcosa di diverso dal contrasto offensivo di UMass che si schiererà davanti a lui per la partita di apertura di Pete alle 16:00 di sabato all’Heinz Field.

Ha detto che sta seguendo il consiglio di Partridge, il suo allenatore di carriera, che gli ha detto di “concentrarsi sul concentrarsi sulle cose importanti”.

Baldonado è lontano da casa dal 2017 quando si è trasferito negli Stati Uniti per frequentare la Clearwater Academy (Florida) e prepararsi per il college.

Incoraggiato dalla madre, Paola Franceselli, a perseguire nuove esperienze, non si preoccupò di uscire di casa. “Invece di preoccuparmi, direi eccitato. Non sapevo cosa sarebbe successo. “Il piano all’inizio con mia madre era di andare sei mesi e vedere cosa succedeva.

READ  Il vino bianco in Italia ha abbastanza varietà da esplorare per tutta la vita

Questo piano non durò a lungo.

Ha detto: “Mi sono immerso completamente, sono andato al 100%, ho lasciato tutto ciò che avevo alle spalle e mi sono completamente immerso in questa nuova esperienza”.

La nostalgia è normale, considerando che è arrivato a Clearwater e Pittsburgh senza conoscere nessuno in quelle città. Ma questo è cambiato rapidamente.

“Ora ho una famiglia qui. È diventata la casa della mia famiglia. Chiamo semplicemente la mia gente e andrà subito. I ragazzi più grandi di Pittsburgh sono davvero accoglienti”, notando che ha stretto amicizia con la linea difensiva junior Pete e Thomas Jefferson alunni Devin Danielson e Noah Palmer e le loro famiglie.

“Ogni Ringraziamento. ogni compleanno. Ci portano solo cibo o ci portano nelle loro case”.

Sul campo, ha segnato quattro sack come spare end nel 2019, ma gli infortuni hanno limitato i suoi progressi l’anno scorso quando ha perso tutte le partite tranne quattro. Ha detto mercoledì dopo l’allenamento di essersi completamente ripreso.

“Sono davvero orgoglioso del modo in cui si è ripreso fisicamente e penso che stia facendo un ottimo lavoro nel prendersi cura del suo corpo”, ha detto Partridge. “È il più vicino alla partita come dovrebbe per i veterani.

“Fa un ottimo lavoro preparandosi mentalmente ogni giorno, facendo tutto il possibile per rubare la partita e giocando con una grande tecnica”.

Sta anche diventando un leader.

Partridge ha dichiarato: “È merito di Haba, non solo della sua capacità di insegnare, ma della sua empatia quando vede un giovane giocatore toccarsi. Haba ha la capacità di sentire le emozioni umane e andare avanti e aiutarle a migliorarle. Questo stile di leadership portarlo lontano nel calcio e nella vita”.

READ  L'Italia esclude il riconoscimento del governo talebano in Afghanistan | Notizie di conflitto

Baldonado ha aggiunto: “Quando mi ci rivedo, ricordo come mi sentivo la prima volta che sono arrivato qui, non lo so, parlo poco e tendo ad essere uomini più anziani.

“Cerco di guidare i ragazzi della linea difensiva nel modo giusto, insegnare ai ragazzi lo standard e attenersi ad esso”.

Jerry DePaola è uno scrittore di Tribune Review. Puoi contattare Jerry via email a jdipaola@triblive.com o via Twitter .

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x