Hayden Christensen ripercorre i suoi primi passi come Anakin Skywalker

capitolo centrale di Triplo prequel Star Wars: L’attacco dei cloniarrivato il 16 maggio 2002. Per celebrare il film 20y Anniversario, StarWars.com presenta cloni A 20 anni, una serie speciale di interviste, editoriali e altro ancora.

A quanto pare, la prima persona a duellare con Anakin Skywalker non è stato il Signore dei Sith, un alieno alieno o qualsiasi altro potente cattivo. Invece, era qualcuno della nostra galassia.

“Ricordo quando ho ricevuto la telefonata che diceva che avevo il ruolo”, dice Hayden Christensen. “Ero ancora a letto, infatti, nel mio appartamento di Vancouver in quel momento. Ricordo che sono uscito dopo aver staccato il telefono, stordito e incredulo alla notizia, sono entrato nel soggiorno dove si trovava il mio coinquilino. Sapeva Stavo aspettando questo La chiamata, ha visto il mio sorriso e ha subito capito che c’era una buona notizia. La mia risposta è stata che ho acceso una spada laser immaginaria. È stato fantastico Guerre stellari Anche un fan, aveva la colonna sonora del primo episodio Guerre stellari La colonna sonora suonava e avevamo tutta questa spada laser fatata intorno al nostro appartamento, saltando su tutti i mobili e urlando come bambini perpetui. “

Christensen sorride mentre racconta la storia in una chat Zoom con StarWars.com in occasione del 20°y memoria Star Wars: L’attacco dei cloni. Nel film, Christensen avrà il compito di interpretare il maturo Anakin Skywalker e di entrare nel ruolo centrale della trilogia precedente, se non del tutto. Guerre stellari lunga storia.

Primo piano di Anakin in Star Wars: L'attacco dei cloni

“Per me, nel tentativo di sviluppare il personaggio di Anakin, c’era molto da cui potevo attingere. C’era molto materiale di partenza. Stavo interpretando un ruolo che avevo già interpretato prima di me, oltre che dopo di me. Questo era un personaggio che aveva una famiglia, i bambini sono cresciuti. Avevi tutti questi elementi.” , dove si trovava nella sua vita e com’era quella vita, e come tutto ciò lo avrebbe influenzato. C’erano molti elementi che doveva tenere insieme”, dice. “Per me, un aspetto di Guerre stellari Quello che ho trovato davvero interessante è stato l’aspetto generazionale. Volevo davvero sentirmi autentico e avere quanta più continuità possibile. Ero molto consapevole della performance di Jake Lloyd [in Episode I], e volendo sentirsi come se fosse solo una vecchia versione di quel ragazzo, per alcune delle sfumature e dei comportamenti di Darth Vader, che vuole che anche questa transizione abbia un contesto, e per i suoi figli, Luke e Leah, e per quello pedigree per sentirsi persuasivi. Quindi avevo molto da cui attingere e poi, naturalmente, qualunque cosa accadesse nella storia”.

READ  Il Festival del Cinema Italiano 2022 presenta un programma nuovo, vecchio, emozionante e audace

Anakin impugna una spada laser in Star Wars: L'attacco dei cloni Anakin e Obi-Wan parlano in Star Wars: L'attacco dei cloni

Anakin dell’Episodio Due non è ancora un Jedi, ma è il Padawan di Obi-Wan Kenobi. Può essere gentile, impaziente, presuntuoso, insicuro, caloroso e arrabbiato. In altre parole, è molto giovane. come una storia attacco clone In evoluzione, Anakin si innamora proibito del Padmé di Natalie Portman Amidala, ma soffre anche delle ossessioni che circondano sua madre Shmi. Disperato, disobbedisce agli ordini e torna sul suo pianeta natale, Tatooine, per trovarla. Anakin vaga nel mondo del deserto e alla fine trova Shmi prigioniera nel campo di Tusken; Solo che è arrivato in ritardo e tu muori tra le sue braccia. Infuriato, Anakin si vendica, uccidendo i Tusken in un atto di vendetta.

"Lo prometto, imparerò anche a impedire alle persone di morire

In una scena cruciale – e sono stato indicato come il mio preferito – dopo il massacro, Anakin Confessa tutto a Padme e crolla. Christensen riversa mirabilmente tutti gli aspetti del carattere e delle emozioni di Anakin qui, mentre il giovane Jedi cerca di dare un senso a ciò che ha fatto. La sequenza sarà importante non solo per il viaggio di Anakin, ma anche per quello di Christensen.

Anakin torna a Padmé

“Abbiamo capito tutti che era una scena importante per questo personaggio e per il suo arco narrativo”, ricorda Christensen. “Quando ci stavamo esercitando, l’abbiamo provato in molti modi diversi. Ho avuto conversazioni con George [Lucas] Sul grado della sua ansia e sul suo stato emotivo e sul tentativo di trovarli. Ci abbiamo provato in un modo, e non mi sentivo assolutamente come se stessi connettendomi con lei. George è andato verso di me e abbiamo avuto una conversazione davvero piacevole da cuore a cuore. Ho sentito che questa scena era fondamentale anche nel mio rapporto con lui, in termini di come abbiamo parlato del lavoro e del personaggio. Abbiamo davvero aperto il nostro dialogo, che è poi proseguito nell’episodio 3. Ma sì, quella scena era grande”.

Anakin e Obi-Wan dietro le quinte della scena della caccia all'uomo in Star Wars: L'attacco dei cloni

“Eravamo molto vicini e lo siamo ancora”. Christensen e McGregor girano la sequenza di stalking di apertura Star Wars: L’attacco dei cloni.

attacco clone Ha rappresentato molti dei primati di Christensen. Non è mai stato fuori dal Nord America prima di girare il secondo episodio, che lo ha portato in Tunisia, Australia, Italia e Spagna. Ovviamente, è stata una grande occasione per lui come attore. Ha anche presentato Christensen a Ewan McGregor, che interpretava il maestro di Skywalker, Obi-Wan Kenobi. I due formeranno un collegamento dentro e fuori dallo schermo. “Ero il nuovo ragazzo del blocco e ha fatto del suo meglio per farmi sentire il benvenuto e a mio agio. Ricordo che la prima volta che ci siamo incontrati, mi ha abbracciato molto e siamo andati d’accordo dall’inizio. Penso che la nostra relazione , per molti versi, in qualche modo rifletteva anche quello dei nostri personaggi a quel punto, come dice. Si sono riuniti per Obi-Wan KenobiLa serie limitata partirà il 27 maggio Disney+, che sembra essere particolarmente importante per Christensen. “Eravamo molto vicini e ancora vicini. Non ci vedevamo da un po’. Ma ci siamo incontrati prima di iniziare a girare, solo per recuperare il ritardo, ed è stato fantastico riconnettersi con lui”, dice. “Amo molto quell’uomo.”

READ  Viaggio in Europa: Vernazza, il gioiello della Riviera Ligure

Christensen ha recentemente rivisto i pre-show in preparazione per Obi-Wan Kenobidandogli la possibilità di riflettere sull’esperienza e sui film stessi.

“Guardandoli di nuovo nel loro insieme, sono rimasto davvero colpito dalla qualità e dalla profondità della narrazione e dalla visione di George di tutto ciò. È così sottile, complesso e stratificato”, dice. “meraviglioso.”

Anakin in Star Wars: L'attacco dei cloni

attacco clone È stato rilasciato il 16 maggio 2002, rendendo Christensen un nome familiare. L’amore per il film – e per i prequel in generale – è cresciuto costantemente nel tempo. Nota Christensen.

“È come se quei film avessero un periodo di gestazione, poiché avevano bisogno di un po’ di tempo per fermentare nella psiche del pubblico”, dice. “L’accoglienza che i film hanno ricevuto ora è intima”.

Dan Brooks è uno scrittore ed editore per StarWars.com. lui ama Guerre stellariGli ELO, i New York Rangers, i Gates, gli Yankees e i Knicks. Seguilo su Twitter Incorpora il tweet.

Tag del sito: #StarWarsBlog, #ClonesAt20

tag: Cloni a 20 anni, Hayden Christensen, Interviste, Star Wars Episodio II: L’attacco dei cloni (2002)

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x