Hegerberg torna a guidare il Lione alla gloria in Champions League

Torino, Italia: L’attaccante dell’Olympique Lyonnais Ada Hegerberg ha messo quasi due infortunati alle spalle per portarli all’ottavo titolo di Champions League femminile con una vittoria per 3-1 sul Barcellona, ​​segnando un gol e preparandone un altro in una battaglia emozionante. .

Hegerberg, capocannoniere di tutti i tempi del torneo, ha subito una serie di battute d’arresto mentre lottava per superare un infortunio al ginocchio, trascorrendo 21 mesi fuori dal gioco prima di tornare a ottobre e terminare la stagione come vincitrice della Champions League.

“Non riesco mai a immaginare di stare qui un anno dopo (il mio infortunio). Ho fatto molta strada a pensarci”, ha detto in un’intervista post-partita, con in mano una bandiera norvegese.

Sabato, la Hegerberg è stata severamente bloccata dall’inizio, ma le sue chiamate ai calci di punizione dell’arbitro finlandese Lina Letovara sono cadute nel vuoto e la norvegese non ha impiegato molto ad adattarsi alla natura fisica della partita.

Con la sua squadra in vantaggio grazie al sorprendente primo gol di Amandine Henry al sesto minuto, a Hegerberg è stato negato un calcio di punizione dopo una lotta, ma ha recuperato abbastanza da mandare la palla in alto e a lato.

Pochi minuti dopo, ha ritrovato la calma ed è tornata a fare quello che sa fare meglio, trovando abbastanza spazio in area di rigore per premere in rete un colpo di testa su cross di Salma Pasha al 23′.

Dieci minuti dopo, ha reso il gioco fuori mano e ha mantenuto la calma quando il Lione ha vinto di nuovo la palla in campo e Catarina Macario si è ritrovata nell’angolo più lontano per il minimo tocco finale.

READ  La squadra estiva del Galles ha annunciato in diretta mentre Wayne Bivak rivela la sua mano per il Sud Africa e la volontà di Biggar di mantenere la leadership

“È un lavoro di squadra, un lavoro di squadra tutto il giorno, tesoro”, ha detto Hegerberg. “I miei fantastici compagni di squadra, sono così orgoglioso di loro, vincere quest’anno non è stato facile”.

Anche se il suo tiro nel finale ha colpito il palo, il secondo tempo è stato incentrato sulla difesa e la norvegese, che ha posto fine alla sua squalifica dalla selezione internazionale e giocherà gli Europei in Inghilterra a luglio, ha continuato a chiudere la linea difensiva del Barcellona.

“Penso che sia importante stabilire lo standard fin dal primo minuto, era un obiettivo personale”, ha detto del suo sforzo difensivo.

Con un sesto titolo di Champions League alle spalle, la norvegese non mostra segni di contentezza.

“Resilienza e duro lavoro: è molto motivante. Ho solo 26 anni, quindi continuiamo così!” Ha aggiunto Hegerberg.

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x