Heshmat Ghani: gli afgani devono accettare il governo dei talebani | Notizie talebane

Kabul, Afghanistan – Hashmat Ghani, fratello del deposto presidente afghano Ashraf Ghani, afferma di aver approvato l’acquisizione del paese da parte dei talebani, ma ha chiesto un governo inclusivo.

Parlando sabato con Al Jazeera dalla sua casa nella parte occidentale di Kabul, Ghani ha affermato che il riconoscimento del nuovo regime a Kabul era una necessità per “il popolo dell’Afghanistan” in un momento in cui le forze straniere erano a pochi giorni dal loro ritiro definitivo.

Ghani, uomo d’affari e capo della popolazione nomade di Kochi in Afghanistan, incontra da diversi giorni i leader talebani. Ha detto che ha accettato di riconoscere la transizione del potere come un riferimento a figure politiche e culturali influenti, nonché uomini d’affari.

Ha detto che se gli imprenditori che hanno investito milioni in scuole, ospedali, negozi, università e altri sforzi imprenditoriali si unissero alle decine di migliaia di persone che cercano di fuggire dal Paese, sarebbe “devastante” per l’economia del Paese e per il suo futuro in generale.

Sebbene suo fratello, l’ex presidente, sia fuggito il 15 agosto, il giovane Ghani afferma di non avere intenzione di lasciare il Paese.

“Se dovessi fuggire lì, cosa accadrebbe alla mia gente, alla mia tribù… le mie radici sono qui, che tipo di messaggio manderesti se scappassi e lasciassi la mia gente nel momento del bisogno?” Egli ha detto.

Della fuga di suo fratello, Ghani si dice contento che almeno l’ex presidente abbia lasciato intatta la sua vita.

“Se fosse stato assassinato o ucciso in qualche modo, le cose sarebbero peggiorate molto”.

Nel frattempo, quadri e dipinti nella casa di Heshmat sono ricchi quanto i grandi televisori a schermo piatto. Durante il loro regno dal 1996 al 2001, i talebani hanno vietato la televisione e qualsiasi arte raffigurante persone e televisione. Uno dei dipinti di Ghani raffigura l’abisso lasciato dal gruppo dopo che il gruppo ha fatto esplodere antichi Buddha nella provincia centrale di Bamiyan nel 2001.

READ  L'Iran afferma che l'ingresso dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica nei siti nucleari è terminato Notizie dal Medio Oriente

Ghani ha affermato che è importante colmare le divisioni nella società afgana. Ciò significa che i talebani stanno trovando un modo per accettare le comodità ei progressi moderni, e che i giovani afgani e gli oppositori del gruppo sono in grado di impegnarsi con i talebani, molti dei quali non li aveva visti da vicino fino alla scorsa settimana.

“Quando non sei in giro con certi tipi di persone, le apparenze possono ingannare o addirittura intimidire”, ha detto Ghani.

I talebani hanno affermato che proteggeranno i diritti delle donne e formeranno un governo inclusivo. Ma molti temono un ritorno a un governo repressivo e un rapporto delle Nazioni Unite afferma che i talebani stavano conducendo “visite mirate porta a porta” a persone che avevano lavorato con forze straniere.

Il filmato dell’incontro di Ghani con i talebani si è diffuso sui social media afgani e ha provocato alcuni commenti critici e offensivi.

Riconosce la paura che incombe sulla capitale, ma sottolinea la necessità di un governo inclusivo che includa esperti nei loro campi, donne e giovani. Ha detto che sarebbe stato un modo per allentare le tensioni.

“Non possiamo tornare alla morte e alla distruzione”

Nei primi giorni del controllo dei talebani, la città era a un punto morto poiché poche persone, soprattutto donne, osavano lasciare le loro case.

Per i primi quattro giorni, la maggior parte delle attività commerciali della città è rimasta chiusa a causa dell’incertezza e del timore di disordini o violenze. Ma con il passare dei giorni, la folla è aumentata e il traffico è tornato nelle strade e alcune donne e giovani si sono avventurati indietro.

Finora, le attività a Kabul e in altre città hanno iniziato lentamente a riaprire, ma mentre le banche fanno fatica ad aprire e rifornire di contanti presso gli sportelli automatici, c’è un’enorme carenza di valuta fisica in circolazione.

READ  Capitol Riots: Il capitano della Guardia Nazionale USA dice che le "insolite" restrizioni del Pentagono hanno rallentato la risposta

L’economia afghana soffriva già di corruzione, tagli agli aiuti esteri e vicinanza delle banche nei giorni precedenti l’arrivo dei talebani la scorsa settimana.

Ghani afferma che i talebani dovrebbero fare tutto il possibile per impegnarsi con imprenditori e investitori, perché in un’economia basata sulla liquidità, questa combinazione di chiusure di attività e carenza di carta moneta può portare a un grave shock economico.

Per tutto il pomeriggio di sabato, si è potuto sentire Ghani rispondere ai messaggi audio di WhatsApp in pashtu, dari e inglese, nel tentativo di incoraggiare investitori e dignitari a non rinunciare alla speranza o, peggio, ad abbandonare il Paese nel momento del bisogno.

“Non possiamo lasciare che questo paese torni alla morte e alla distruzione”, può essere sentito dire sul suo iPhone come messaggio dopo che un messaggio è arrivato dall’Afghanistan e dall’estero.

Nel frattempo, i talebani devono ancora annunciare ufficialmente la formazione di un nuovo governo e Ghani ha affermato che la leadership del gruppo gli ha riconosciuto pubblicamente la necessità di aiutare a gestire il paese.

Ha detto che è della massima importanza che persone competenti e istruite rimangano aperte a lavorare con un potenziale governo talebano.

“[The Taliban] Ulteriori informazioni sulla sicurezza. Possono gestirlo molto bene, ma il governo è più di una semplice sicurezza, ed è qui che le persone istruite possono aiutare”, ha detto ad Al Jazeera.

Ora che i talebani hanno raggiunto Kabul, la più grande paura di Ghani è una ripetizione della guerra civile che ha quasi devastato Kabul negli anni ’90. Per evitare questo, dice, la leadership del paese dovrebbe raggiungere i talebani per una soluzione pacifica. Ciò include figure influenti di tutte le etnie e regioni geografiche del paese.

READ  Kinzinger afferma che "molti" repubblicani hanno espresso in privato sostegno alla sua posizione il 6 gennaio

Durante la giornata trascorsa con lui da Al Jazeera, Ghani ha tenuto incontri faccia a faccia con imprenditori ed ex funzionari di governo per incoraggiarli a non cedere al Paese e all’altezza della situazione.

Ha detto: “Questa è l’ora del bisogno per gli afghani”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x