Honey Trap: questo è il modo in cui i servizi segreti iraniani hanno attirato e rapito un dissidente iraniano a Istanbul

Habib Chaab È un dissidente iraniano che vive in esilio a Stoccolma: a metà ottobre è partito per Istanbul e per qualche settimana non ha più sentito nulla. È riapparso il 13 novembre in un video trasmesso dalla televisione di stato iraniana: ha confessato di aver partecipato all’organizzazione di un attacco contro una parata militare delle guardie Pasdaran che il 22 settembre 2018 ha ucciso 25 persone ad Ahvaz, a sud-ovest del Paese. nazione.

Pochi giorni dopo, gli investigatori turchi hanno riferito l’accaduto. Una donna è stata attirata a Istanbul dalla trappola di una donna Sabreen Al-SaeediChi lavora nei servizi iraniani ed è conosciuto da tempo da persone, ha preso appuntamento con lui nella città turca, magari con la proposta di una relazione, magari con il pretesto di prestargli dei soldi. Il sito creato era una stazione di servizio nel quartiere di Beylikduzu a ovest, dove aspettava un camion bianco, ma non solo. Aveva un gruppo di uomini associati a lei Naji Sharifi Zindashti, Un trafficante di droga di origine iraniana vive in Turchia da diversi anni ed è cresciuto in passato in altre azioni contro i dissidenti iraniani.

Il gruppo ha portato le persone per oltre 1.600 km fino al confine con l’Iran, dove sono state catturate da altri trafficanti. Si tratta di una ricostruzione delle autorità turche, che pochi giorni fa hanno arrestato 11 persone per sequestro di persona e le hanno consegnate Sky News Le immagini della telecamera che raccontano l’intero processo: puoi vedere la donna che arriva all’aeroporto, l’incontro al distributore di benzina e il furgone bianco sostituito a un certo punto da una berlina nera.

READ  Esper afferma che gli americani meritano uno sguardo "indifferente" all'amministrazione Trump "turbata" mentre il Pentagono fa causa per la revisione del libro

Ribellione della minoranza araba in Iran

Al-Sha`ab è una figura abbastanza nota dell’opposizione iraniana all’estero, ed era a capo di Asmala, un movimento separatista che voleva l’indipendenza del Khuzestan, la provincia sud-occidentale dell’Iran dove la maggioranza sono arabi. Il Khuzestan è il cuore del petrolio del Paese, ma i suoi cittadini beneficiano solo di una piccola parte dei proventi petroliferi e per anni le tensioni con l’autorità centrale sono state forti a causa di violazioni dei diritti umani, arresti e condanne a morte contro gli imputati. Attivisti.

L’Iran accusa il popolo e Asmala di responsabilità per l’attacco del 2018: a quel tempo c’era già un’accusa di Asmala, ma c’era anche un’altra affermazione da parte dell’ISIS, nessuna delle quali è stata sostenuta con prove. Friends of the People, che detiene anche la cittadinanza svedese, afferma che la sua confessione è stata estorta sotto tortura. La Svezia afferma che l’Iran sta negando i diritti consolari ai suoi cittadini, nessuno ha potuto vederlo e si teme che venga condannato a morte.

Operazioni delle agenzie iraniane contro i dissidenti in Europa

La questione popolare è diventata un problema per la Turchia e ha allarmato molti dissidenti iraniani che vivono in Europa. Istanbul non è un luogo sicuro per coloro che si oppongono al regime iraniano. Tre anni fa, Saeed Karimian, L’intelligence turca ha detto che il proprietario di un canale satellitare che trasmette in farsi da Dubai e un oppositore del governo è stato ucciso davanti a casa sua da uomini con legami con l’Iran. Due assassini incappucciati su una jeep gli si sono avvicinati e gli hanno sparato 27 colpi. l’anno scorso, Masoud Mawlawi Vardanjani, Anche un ex funzionario della difesa iraniano passato all’opposizione è stato ucciso a Istanbul, e in questo caso anche dietro i dispositivi iraniani, secondo l’intelligence turca.

READ  La Casa Bianca fornisce "pieno sostegno" alla forza spaziale dell'amministrazione Trump

L’elenco delle operazioni contro i dissidenti all’estero è lungo, e l’Iran ha sempre negato qualsiasi coinvolgimento ma non ha spiegato diverse cose ed è finito anche sotto sanzioni per gli omicidi. Le persone sono apparse magicamente a Teheran ma nessuno ha spiegato come ci siano arrivate, dalla Svezia dove viveva in esilio, la stessa cosa è successa a Ruhollah Zam, giornalista dell’opposizione che viveva in Francia ma era stato attirato in Iraq, e non è chiaro come, e da lì È stato trasferito a Teheran, dove è stato giustiziato pochi giorni dopo. L’anno scorso, l’Unione europea ha imposto sanzioni a due funzionari del ministero dell’intelligence iraniano coinvolti in due omicidi di dissidenti residenti in Belgio, Muhammad Al-Smadi Ucciso nel 2015 e Ahmed Nessi Il fondatore di Asmala, ucciso a colpi di arma da fuoco fuori dalla sua casa a L’Aia.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x