I candidati presidenziali iraniani tirano fuori tutto quello che possono nell’ultimo dibattito | Notizie elettorali

Teheran, Iran I candidati presidenziali iraniani si sono scontrati di nuovo durante il loro terzo e ultimo dibattito televisivo, questa volta in modo più aperto, in particolare sull’accordo nucleare iraniano del 2015 con le potenze mondiali e le sanzioni statunitensi.

I sette uomini – cinque conservatori e intransigenti, un moderato e un riformista – hanno approfittato del formato leggermente migliorato del “dibattito” di sabato per parlare in modo più diretto e approfondito della corruzione e dell’amministrazione sbagliata che ritengono abbia portato fuori strada il paese.

Dopo che la maggior parte dei candidati ha criticato i due dibattiti precedenti che non hanno tenuto conto di alcuna moderazione e la loro opinione non ha risposto alle stesse domande, la televisione di Stato ha aperto il recente evento ponendo una domanda – sui problemi delle persone – a tutti i partecipanti.

Diversi candidati hanno discusso della necessità di una revisione completa del modo in cui il governo è gestito, nonché della lotta alla corruzione e del sostegno agli iraniani emarginati, ancora una volta senza fornire molti dettagli su come i loro piani sarebbero stati effettivamente attuati.

Ma soprattutto, viene dedicato più tempo all’accordo nucleare, o al Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA), e alle dure sanzioni che gli Stati Uniti hanno imposto dal 2018, quando l’ex presidente Donald Trump ha ritirato unilateralmente il suo Paese dall’accordo storico.

La questione è stata ampiamente ignorata durante i due dibattiti precedenti, poiché il leader supremo Ayatollah Ali Khamenei ha affermato il mese scorso che la politica estera non è uno dei “problemi principali del popolo”.

Ma il candidato moderato Abdel Nasser Hemmati, che ha guidato la banca centrale fino all’inizio di questo mese quando è stato licenziato per essersi candidato alla presidenza, ha aspramente criticato le forze politiche interne che si oppongono al JCPOA.

READ  Egitto: 11 morti e 98 feriti dopo che un treno è deragliato vicino al Cairo Notizie dal Medio Oriente

“Cosa accadrebbe se il potere cadesse nelle mani dei militanti?” Lo ha chiesto direttamente a Ibrahim Raisi, che guida la magistratura ed è considerato il favorito nei sondaggi di opinione.

“Non ho riserve nel dire che ci saranno nuove sanzioni con più consenso internazionale”, ha detto, riferendosi al periodo precedente al Joint Comprehensive Plan of Action, quando l’Iran era soggetto a sanzioni multilaterali.

I tecnocrati hanno avvertito che Raisi e altri politici che la pensano allo stesso modo non volevano che le sanzioni fossero revocate perché avrebbero tagliato fuori le forze all’interno del paese che ne avrebbero beneficiato, e “Per tutto questo tempo hai giocato alla corte di Trump con la tua linea dura Azioni.”

Ha anche criticato coloro che si oppongono alla ratifica della restante legislazione per integrare il Piano d’azione per la trasparenza finanziaria dell’Iran con la Task Force intergovernativa di azione finanziaria (GAFI).

La gente guarda il dibattito dei candidati presidenziali in un parco a Teheran, Iran [Majid Asgaripour/WANA via Reuters]

“gira la tavola”

In risposta, Raisi ha affermato che rimarrà impegnato nel JCPOA come qualsiasi altro accordo nazionale.

Tuttavia, ha affermato che l’effettiva attuazione dell’accordo richiede un governo “forte”, aggiungendo che l’amministrazione uscente del presidente moderato Hassan Rouhani non lo è stata.

Sulla Financial Action Task Force – che elenca solo Iran e Corea del Nord nella sua lista nera dei paesi non cooperativi – ha affermato di non supportarla perché non garantisce “gli interessi della nostra nazione”.

I candidati intransigenti Saeed Jalili, l’ex capo negoziatore nucleare, e Mohsen Rezaei, l’ex comandante in capo del Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche (IRGC), hanno affermato che i loro potenziali governi farebbero pentire il nemico di aver punito l’Iran aumentando la produzione interna. ed “eliminare” le sanzioni.

“Il JCPOA è un cattivo assegno”, ha detto Jalili, mentre Rezaei ha detto che l’Iran dovrebbe “girare il tavolo, o almeno schiaffeggiare il tavolo” di fronte agli Stati Uniti che fanno marcia indietro dall’accordo e cercano di sfruttare le sanzioni per incanalare le richieste dell’Iran.

READ  Leader dell'Isis ucciso nel deserto, dice la Francia

Negoziati nucleari

Proprio mentre i candidati si stavano attaccando a vicenda, a Vienna è iniziato un sesto round di colloqui per ripristinare il JCPOA, con le potenze mondiali che continuano la diplomazia di navetta con i delegati statunitensi mentre l’Iran si rifiuta di incontrarsi direttamente con Washington.

Sembra improbabile che un accordo per ripristinare l’accordo venga raggiunto prima delle elezioni presidenziali iraniane. Nel frattempo, il 24 giugno scade un’estensione di un mese dei contenuti dell’accordo che l’Iran ha raggiunto con l’Agenzia internazionale per l’energia atomica per continuare a monitorare i suoi siti nucleari.

“Vogliamo tutti farlo il più rapidamente possibile, ma la qualità del documento finale viene prima di tutto”, ha detto sabato in un tweet il capo negoziatore della Russia, Mikhail Ulyanov.

Il giorno prima, i migliori negoziatori dell’Iran e degli Stati Uniti erano impegnati in un alterco su Twitter mentre il viceministro degli Esteri Abbas Araqchi ha fatto esplodere le “lacrime di coccodrillo” di Robert Malley che si è detto “triste” per la morte del prigioniero politico Sasan Niknavas in circostanze discutibili. In una prigione iraniana.

“Il terrorismo economico in mezzo alla pandemia è un crimine contro l’umanità”, ha scritto, riferendosi alle sanzioni statunitensi.

La televisione trasmette un dibattito presidenziale in un negozio a Teheran, Iran [Majid Asgaripour/WANA via Reuters]

I candidati si oppongono all’esclusione

Nel frattempo, l’Iran aprirà presto le cabine elettorali mentre continuano le critiche sulla squalifica dei candidati riformisti e moderati.

Sabato, il consigliere della Guida Suprema ed ex presidente del parlamento Ali Larijani, un pragmatico che avrebbe dovuto rappresentare la sfida più grande per Raisi, ha protestato per le sue dimissioni da parte dell’organo di controllo costituzionale noto come Consiglio dei Guardiani.

READ  Un giudice federale ha detto che una donna che è stata accusata nei disordini del Campidoglio degli Stati Uniti potrebbe fare un viaggio in Messico

Ha detto in un comunicato che una sentenza emessa dalla Guida Suprema lo autorizza a conoscere il motivo della sua squalifica, tanto più che le notizie secondo cui sua figlia vive e studia all’estero si sono rivelate errate. Larijani ha invitato il consiglio della linea dura ad annunciare le sue ragioni.

Il portavoce del Consiglio Abbas Ali Kadkhodaei ha risposto rapidamente, affermando in un tweet su Twitter che la decisione di squalifica era “basata su prove e documenti sufficienti e affidabili e che nessuna disposizione della legge sulle elezioni presidenziali doveva protestare” contro i casi di esclusione e annunciando il ragioni dietro di loro.

Anche un importante ex candidato presidenziale e leader dell’opposizione ha criticato le elezioni del 2021.

Mir Hossein Mousavi, il cui tentativo fallito di bloccare la rielezione del presidente intransigente Mahmoud Ahmadinejad ha portato alle proteste del Movimento Verde del 2009, ha affermato di stare dalla parte di coloro che non possono più permettersi “elezioni umilianti e artificiose”.

Mousavi, agli arresti domiciliari senza processo dalle proteste su larga scala, ha avvertito che il proseguimento dell’attuale metodo di supervisione da parte del Consiglio dei Guardiani potrebbe rendere privo di significato per il Paese il titolo di “Repubblica islamica”.

Si prevede che le imminenti elezioni saranno contrassegnate da una bassa affluenza alle urne tra il disappunto dell’opinione pubblica, con alcuni sondaggi di opinione che mettono l’affluenza al di sotto del 40 per cento, la più bassa dalla rivoluzione islamica del 1979.

Né è probabile che i dibattiti pesantemente criticati generino molta eccitazione pubblica, con i sondaggi che indicano che meno di quattro iraniani su dieci hanno guardato i dibattiti precedenti.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x