I centristi sotto Macron perdono la maggioranza parlamentare assoluta a causa dello “shock democratico” francese

Il presidente francese Emmanuel Macron ha perso il controllo dell’Assemblea nazionale alle elezioni legislative di domenica, una grave battuta d’arresto che potrebbe portare il Paese alla paralisi politica a meno che non sia in grado di negoziare alleanze con altri partiti.

La coalizione centrista Ensemble di Macron, che vuole aumentare l’età pensionabile e approfondire ulteriormente l’integrazione nell’UE, avrebbe dovuto finire con il maggior numero di seggi alle elezioni di domenica. Le aspettative preliminari ei risultati preliminari hanno mostrato che questa era ben al di sotto della maggioranza assoluta necessaria per controllare il Parlamento.

Un’ampia coalizione di sinistra doveva essere il più grande gruppo di opposizione, mentre l’estrema destra ha ottenuto vittorie record e è probabile che i conservatori diventino regnanti.

Il ministro delle finanze Bruno Le Maire ha definito l’esito uno “shock democratico” e ha aggiunto che se altri blocchi non collaborassero, “questo ostacolerebbe la nostra capacità di riformare e proteggere i francesi”.

Un parlamento sospeso richiederà un grado di condivisione del potere e compromessi tra i partiti che la Francia non ha visto negli ultimi decenni. Macron potrebbe eventualmente indire elezioni anticipate se segue uno stallo legislativo.

Il presidente francese Emmanuel Macron lascia il seggio elettorale a Le Touquet, nel nord della Francia, domenica. (Michelle Spengler/Associated Press)

Non esiste un testo specifico in Francia per come si svilupperanno le cose ora. L’ultima volta che un presidente neoeletto non è riuscito a ottenere la maggioranza assoluta è stato alle elezioni parlamentari del 1988.

“Il risultato è un pericolo per il nostro paese alla luce delle sfide che dobbiamo affrontare”, ha detto il primo ministro Elizabeth Born, aggiungendo che da lunedì il campo di Macron cercherà alleanze.

Macron potrebbe eventualmente indire elezioni anticipate se segue uno stallo legislativo.

“La sconfitta del partito presidenziale è completa e non c’è una chiara maggioranza in vista”, ha detto ai suoi sostenitori Jean-Luc Melenchon, un veterano dell’estrema sinistra.

Il quotidiano di sinistra Liberation ha descritto il risultato come uno “schiaffo” a Macron e il quotidiano economico Les Echos ha detto che si è trattato di un “terremoto”.

Guadagni di sinistra e di estrema destra

Uniti dietro a Melenchon, i partiti di sinistra sono sulla buona strada per triplicare i loro punteggi dalle ultime elezioni legislative del 2017.

Le prime previsioni hanno mostrato che in un altro cambiamento significativo nella politica francese, il partito del Raduno Nazionale guidato da Marine Le Pen, l’estrema destra, potrebbe registrare un aumento di dieci volte del numero di parlamentari con un massimo di 90-95 seggi. Questa sarebbe la più grande rappresentanza di partito mai vista in Assemblea.

La leader del partito di estrema destra Marine Le Pen ha votato domenica in un seggio elettorale a Henin-Beaumont, nel nord della Francia. (Denis Charlet/AFP/Getty Images)

Le prime previsioni dei sondaggisti Ifop, OpinionWay, Elabe e Ipsos hanno mostrato che la coalizione di troupe di Macron ha vinto 210-240 seggi, Nupes 141-188 e Les Républicains 60-75.

Macron ad aprile è diventato il primo presidente francese a vincere un secondo mandato in due decenni, quando gli elettori si sono mobilitati per cacciare dal potere l’estrema destra.

Ma con molti elettori visti come estranei, presiede un paese profondamente frustrato e diviso mentre il sostegno ai partiti populisti di destra e di sinistra è aumentato.

La sua capacità di continuare a riformare la seconda economia più grande dell’eurozona dipende dall’ottenere il sostegno alle sue politiche da parte dei moderati al di fuori della sua coalizione di destra e di sinistra.

alleanze?

Macron ei suoi alleati devono ora decidere se cercare un’alleanza con i repubblicani conservatori, che sono arrivati ​​​​quarti, o guidare un governo di minoranza che dovrà negoziare le leggi con gli altri partiti caso per caso.

“Ci sono moderati sui seggi, a destra ea sinistra. Ci sono socialisti moderati e ci sono persone di destra che potrebbero essere dalla nostra parte sulla legislazione”, ha detto la portavoce del governo Olivia Gregoire.

Les Républicains è più compatibile con Ensemble rispetto ad altri partiti. Insieme, i due hanno la possibilità di ottenere la maggioranza assoluta nei risultati finali, che richiederebbero almeno 289 seggi alla Camera dei Rappresentanti.

I lavoratori svuotano un’urna elettorale in un seggio elettorale a Cambrai domenica. (Pascal Rossignol/Reuters)

Christian Jacob, capo del Partito Repubblicano, ha detto che il suo partito sarebbe rimasto all’opposizione ma che sarebbe stato “costruttivo”, proponendo accordi caso per caso piuttosto che un accordo di coalizione.

L’ex presidente dell’Assemblea nazionale Richard Ferrand e il ministro della Salute Brigitte Bourguignon hanno perso i loro seggi in due grandi sconfitte per il campo di Macron.

Macron aveva chiesto un mandato forte durante un’aspra campagna sullo sfondo di una guerra sui fianchi orientali dell’Europa che ha ridotto le forniture di cibo ed energia e ha aumentato l’inflazione, erodendo i bilanci delle famiglie.

Il leader di estrema sinistra Jean-Luc Mélenchon si arrende domenica a Parigi dopo che i risultati preliminari hanno mostrato guadagni per il suo blocco parlamentare. (Michelle Euler/Associated Press)

Prima del secondo turno di votazioni, il presidente aveva detto: “Niente è peggio che aggiungere il caos francese al caos globale”.

La coalizione Mélenchon Nupes ha condotto una campagna per congelare i prezzi delle materie prime, abbassare l’età pensionabile, fissare un tetto all’eredità e vietare i licenziamenti alle società che pagano dividendi. Melenchon ha anche chiesto la disobbedienza all’Unione Europea.

READ  Gli Stati Uniti accusano due cittadini del Myanmar di complotto per attaccare l'ambasciatore delle Nazioni Unite Novità in Birmania

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x