I corpi delle vittime dell’esplosione di una mina sono stati ritrovati in Nuova Zelanda dopo un decennio

WELLINGTON, Nuova Zelanda – Più di un decennio dopo che un’esplosione di metano ha ucciso 29 minatori di carbone della Nuova Zelanda, la polizia ha detto mercoledì di aver finalmente trovato almeno due corpi grazie alle nuove immagini delle telecamere.

Ma le autorità dicono che la parte principale della miniera di Pike River è ancora troppo pericolosa per entrare, quindi non saranno in grado di recuperare i resti.

La polizia sta indagando sul disastro da anni e alcuni membri della famiglia dei minatori sperano che alla fine sporgeranno denuncia penale.

L’ispettore di polizia Peter Reed ha affermato di aver trovato almeno due corpi e forse un terzo dopo che una telecamera è stata inviata in una buca appena scavata. Ha detto che i corpi sono stati trovati in fondo alla miniera, dove i livelli di metano sono ancora alti.

Reed ha affermato che la tecnologia di imaging è migliorata in modo significativo dal disastro, il che li ha aiutati a scoprire.

Ha detto che non erano ancora stati in grado di identificare i corpi, sebbene stessero lavorando con esperti forensi per vedere se ciò fosse possibile. Ha detto che in precedenza avevano identificato sei o otto minatori che si credeva lavorassero in quella zona in quel momento.

“Mancano solo due giorni all’undicesimo anniversario dell’esplosione della miniera e vorremmo esprimere il nostro apprezzamento alle famiglie di tutti gli uomini”, ha detto Reid ai giornalisti. “È un vero e proprio ricordo del dolore e della perdita”.

Ha detto che la scoperta li avrebbe aiutati nelle indagini.

Reed ha detto che la polizia non ha rilasciato le foto per rispetto delle famiglie e ha rifiutato di descrivere le condizioni dei corpi.

READ  Jeffrey Clark, che ha difeso le accuse di frode elettorale, blocca il comitato della Camera il 6 gennaio

“Questo è quello che ci si potrebbe aspettare dopo 11 anni, ma non entro nei dettagli su ciò che mostrano le immagini”, ha detto.

Anna Osborne, il cui marito Milton è stato ucciso nell’esplosione, ha detto che si stava preparando a celebrare il suo 11° anniversario ed è stata inizialmente scioccata dall’annuncio. Inizialmente si chiese se uno dei corpi potesse essere suo marito, ma poi si rese conto che avrebbe potuto essere da qualche altra parte nella miniera.

Ha detto di essere orgogliosa del fatto che le famiglie abbiano esercitato pressioni così dure sulle autorità per rientrare in una parte più sicura della miniera, cosa che alla fine hanno fatto nel 2019. Ha detto che questo ha contribuito a rivitalizzare le indagini della polizia.

“Penso che i nostri uomini meritino giustizia”, ​​ha detto.

Osborne ha detto che è stato un peccato che i corpi non siano stati recuperati.

“Sono morti tutti insieme e rimarranno insieme”, ha detto.

Un’indagine precedente ha concluso che Pike River Coal aveva esposto i minatori a rischi inaccettabili mentre perseguivano obiettivi finanziari. Il rapporto ha rilevato che la società ha ignorato 21 avvertimenti che il metano si era accumulato a livelli esplosivi prima del disastro.

La società, fallita, non ha presentato ricorso contro le accuse di illeciti sindacali.

Le accuse di violazione del lavoro contro l’ex CEO Peter Whitall sono state respinte dopo che lui e la società hanno raggiunto un accordo finanziario, uno sviluppo che ha fatto arrabbiare molte famiglie in lutto.

La Corte Suprema della Nuova Zelanda in seguito ha stabilito che l’accordo era illegale.

READ  Un incendio spento in una petroliera al largo della Siria | Notizie sulla guerra siriana

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x