I custodi economici dell’UE sono divisi sulla strategia post-pandemia

Il pensiero divergente arriva in un momento critico, con la ripresa della zona euro, poiché i tassi di infezione diminuiscono e le restrizioni consentono alle aziende di riaprire gradualmente. Ciò ha spinto alcuni commentatori a sollevare la possibilità di limitare il sostegno eccezionale alle imprese e alle famiglie ea considerare come affrontare l’enorme onere del debito pubblico e privato.

Panetta ha affermato che non è chiaro per quanto tempo la domanda continuerà ad aumentare.

“Non sembra che siamo sulla strada giusta per gestire l’economia calda”, ha detto a una conferenza dei governatori delle banche centrali nel Mediterraneo. Ha invitato i governi e il pubblico a riconoscere che l’attuale mix di stimoli fiscali e monetari è “ovviamente migliore” di quanto non fosse prima della pandemia, quando i leader politici erano concentrati sulla riduzione del debito.

Il vicepresidente della Banca centrale europea Luis de Guindos ha dichiarato lunedì in un evento separato che le prospettive economiche sono rosee e che la banca centrale è “attenta” al rischio di una continua accelerazione dell’inflazione. Ma ha anche sottolineato che gli aumenti annuali dei prezzi dovrebbero rimanere al di sotto dell’obiettivo di meno del 2% nel medio termine.

Tuttavia, Weidmann ha affermato di vedere i rischi di una maggiore inflazione, che il sostegno monetario e fiscale dovrebbe diminuire dopo la crisi e che il programma pandemico della Bce “deve terminare una volta superata l’emergenza”. Ha detto che non credeva che il 2022 avrebbe richiesto la classificazione come “anno di crisi”.

L’austriaco Holzmann ha fatto eco alla sua posizione. Entrambi gli uomini sono membri del Consiglio direttivo della Banca centrale europea.

READ  Cos'è il nuovo Ministero italiano per la trasformazione ambientale?

I funzionari della BCE hanno sempre più cercato di limitare qualsiasi spostamento nell’Unione europea verso una rinnovata austerità. Il presidente Christine Lagarde ha detto ai leader la scorsa settimana che hanno bisogno di “irrigare i germogli verdi” per la ripresa, e ha detto che era troppo presto anche solo per parlare di uscire dagli strumenti di crisi della banca centrale.

Il membro del consiglio di amministrazione Isabel Schnabel ha affermato che la Bce farà tutto il necessario per mantenere la ripresa, ma “forse dovremmo essere più preoccupati per la politica fiscale”.

L’accordo per la stabilità e la crescita dell’Unione Europea, che è stato sospeso quando il coronavirus ha colpito, richiede ai paesi di puntare a deficit di bilancio inferiori al 3% e oneri del debito inferiori al 60% del prodotto interno lordo. Con il debito pubblico nella zona euro che sale al 102 percento della produzione dalla pandemia, è discutibile quanto siano realistici questi obiettivi.

Armin Laschet, il favorito per succedere ad Angela Merkel come cancelliere tedesco, ha affermato che le politiche di stabilizzazione dovrebbero essere ripristinate quando gli effetti della pandemia sull’economia globale saranno finiti, anche se ha anche suggerito di essere aperto a un approccio più morbido. Il ministro delle finanze austriaco Gernot Blumel ha preso una posizione dura.

Il primo ministro italiano Mario Draghi, l’ex capo della Banca centrale europea, ha insistito la scorsa settimana sul fatto che le regole finanziarie della zona euro non potevano tornare a quelle che erano prima.

Bloomberg

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x