I dati collettivi mostrano che più di 200.000 persone hanno lasciato la Russia da quando Putin ha annunciato la mobilitazione

I passeggeri camminano sulla strada dal checkpoint doganale di Verkhny Lars tra la Georgia e la Russia il 28 settembre a Zemo Larsi, Georgia. (Darrow Sulakuri/Getty Images)

Con una borsa in ogni mano e un’altra nella schiena, Dennis si è fatto strada a piedi su per la collina dopo aver attraversato il confine dalla Russia alla Georgia.

“Sono solo stanco. È l’unica cosa che sento”, ha detto il 27enne, cercando di riprendere fiato.

Dennis ha trascorso sei giorni sulla strada, la maggior parte dei quali in fila per attraversare il confine. È uno delle centinaia di migliaia di russi che hanno sopportato l’estenuante maratona per lasciare il loro paese.

Anche se donne e bambini Tra coloro che attraversanoLa maggior parte di loro sono uomini in età da combattente e temono di essere arruolati per combattere la guerra del Cremlino in Ucraina. Secondo il ministero dell’Interno georgiano, c’erano almeno 10.000 persone che passavano ogni giorno attraverso il valico di frontiera di Lars.

Denis, che non ha voluto rivelare il suo cognome, ha detto di aver scelto di andarsene a causa dell’incertezza che ha seguito l’annuncio del presidente russo Vladimir Putin. la settimana scorsa “Mobilitazione parziale” dei cittadini – nonostante La sua precedente affermazione che un attacco militare sarebbe stato combattuto solo da specialisti militari. Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha detto che l’esercito recluterà circa 300.000 uomini con precedenti esperienze militari per andare a combattere in Ucraina.

Anche se l’attuale bozza non dovrebbe applicarsi a lui, Dennis teme che cambierà.

“Come faccio a sapere cosa accadrà tra tre anni? Come faccio a sapere quanto tempo ci vorrà?”, ha detto.

“È incerto e nessuno sa cosa accadrà dopo”, ha detto alla CNN.
READ  Il ministro della Difesa ucraino ha affermato che le nuove armi consentiranno all'Ucraina di recuperare i territori occupati

Questo sentimento è condiviso da molti che attraversano il confine con la Georgia. Sono insegnanti, medici, tassisti, avvocati, costruttori: russi comuni che non hanno appetito per la guerra. E anche se dicono di non essere d’accordo con il governo, credono che non ci sia nulla che possano fare per costringere Putin a cambiare rotta.

Hanno scelto invece di lasciare la loro patria, nonostante il viaggio pericoloso. Dennis ha detto di aver passato giorni in macchina senza avere abbastanza cibo e servizi igienici.

“Quando sei lì ad aspettare, non c’è il bagno. Non puoi avere molto da mangiare perché tutto è stato subito esaurito e nessuno ha imballato così tanto cibo perché nessuno si aspettava che ci volesse così tanto”.

Un altro uomo con cui la CNN ha parlato ha camminato per 20 chilometri (12 miglia) per raggiungere la Georgia, anche lui alimentato dalle preoccupazioni che il progetto potesse espandersi.

Non si applica a me oggi, ma potrebbe applicarsi domani”, ha detto l’uomo, parlando alla CNN in condizione di anonimato.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x