I detriti missilistici cinesi si sono schiantati sull’Oceano Indiano

Dopo alcuni giorni alla deriva a 300 km dal suolo, il 9 maggio 2021 il primo stadio del missile cinese Long March 5B è rientrato nell’atmosfera e si è disintegrato nell’Oceano Indiano.

Il 29 aprile 2021 il razzo ha trasportato il primo dei tre elementi della Stazione Spaziale Cinese (CSS) nell’orbita terrestre. Dopo aver completato la sua missione, il primo stadio del lanciatore è stato lasciato intorno al pianeta fino a quando non si è schiantato da qualche parte. Poiché la gravità terrestre lo stava trascinando, era impossibile calcolare la rotta e quindi la probabile posizione di collisione di questo oggetto spaziale di 18 tonnellate.

Il 9 maggio 2021, l’Agenzia spaziale cinese ha annunciato che il lanciatore si era schiantato da qualche parte sopra l’Oceano Indiano, vicino alle Maldive. Dopo il monitoraggio e l’analisi alle 10:24 [02:24 GMT] Il 9 maggio 2021, i detriti dell’ultimo stadio del veicolo di lancio Long March 5B Yao-2 sono tornati nell’atmosfera, ha anche annunciato in un comunicato il China Aerospace Engineering Bureau, sostenendo che l’evento era di scarso pericolo.

Questo è il secondo lancio del cinese Long March 5B. Anche il primo, lanciato il 5 maggio 2020, è stato gradualmente eliminato con l’uso del rientro incontrollato dell’atmosfera. Mentre la maggior parte dei suoi relitti sono stati persi in mare al largo delle coste dell’Africa occidentale, diversi rapporti indicano che un taglio è caduto in Costa d’Avorio, danneggiando le superfici ma fortunatamente nessuno è rimasto ferito.

Il Comando spaziale statunitense ha confermato il rientro, sebbene non sia in grado di determinare se i detriti siano entrati in collisione con il suolo o l’acqua.

READ  La Guinea corre per tenere traccia dei contatti dopo tre morti per Ebola | Notizie di Ebola

Dopo il rientro, l’amministratore della NASA Bill Nelson ha criticato: “Le nazioni che viaggiano nello spazio dovrebbero ridurre i rischi per le persone e le proprietà sulla Terra derivanti dal rientro di oggetti spaziali e aumentare la trasparenza riguardo a questi processi”. “È chiaro che la Cina non riesce a soddisfare gli standard responsabili per quanto riguarda i detriti spaziali”.

Secondo l’Agenzia spaziale europea, la situazione potrebbe ripetersi molto presto. “Possiamo aspettarci una situazione simile nei prossimi due lanci o quanto succederà con Long March 5B”, ha detto a Insider Thomas Reiter, coordinatore internazionale e consigliere speciale del direttore generale dell’Agenzia spaziale europea. “Ogni volta che lanciano un’altra unità nella stazione, dovremo cercare e cercare di capire dove potrebbe entrare questo oggetto.”

Il CSS denominato Tiangong (“Heavenly Palace”) sarà composto da tre moduli. Un secondo lancio è previsto per maggio 2021. Il sistema di assistenza previdenziale dovrebbe essere pienamente operativo entro il 2022.

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x