I due maggiori terremoti fino ad oggi sono stati registrati nella “zona d’ombra”

I due più grandi terremoti fino ad oggi sono stati registrati nella “zona d’ombra” del Pianeta Rosso, ma qui sulla Terra avrebbero solo scosso i piatti.

Secondo sismologi e astronomi, i due terremoti, avvenuti ad agosto e settembre dello scorso anno, sono i più grandi mai registrati su Marte.

È stato registrato dal sismometro a bordo del lander Insight della NASA, atterrato su Marte nel novembre 2018.

I terremoti si verificano quando due placche tettoniche che scivolano in direzioni opposte si uniscono e poi improvvisamente scivolano verso il basso.

Sebbene Marte non abbia una tettonica a zolle come la Terra, il continuo processo di raffreddamento e contrazione crea pressione sotto la superficie.

Questa pressione si accumula nel tempo, fino a diventare abbastanza forte da fratturare la sua crosta, provocando un terremoto su Marte.

Due “terremoti” chiamati S0976a e S1000a sono stati registrati dal sismometro a bordo del lander InSight della NASA, che è atterrato su Marte nel novembre 2018. Nella foto c’è una mappa in rilievo della superficie marziana che mostra la posizione di InSight (triangolo arancione) in relazione ad altre paludi esistenti (viola punti) e S0976a, situata all’interno di Valles Marineris a nord di Sollis Planum. La posizione dell’S1000a dovrebbe essere all’interno della regione ombreggiata tra 107° e 147° da InSight.

La sonda InSight della NASA (mostrata qui in impressione d'artista) è atterrata su Marte nel novembre 2018

La sonda InSight della NASA (mostrata qui in impressione d’artista) è atterrata su Marte nel novembre 2018

I due eventi sono stati denominati “S0976a” e “S1000a”, secondo un rapporto dei ricercatori del Marsquake Service (MQS) di InSight presso record sismico.

eventi sismici distrutti

S0976a

Data: 25 agosto 2021

Magnitudo: 4.2

Periodo: Anonimo

S1000a

Data: 18 settembre 2021

Magnitudo: 4.1

Periodo: 94 minuti

S0976a è stato un evento di magnitudo 4,2 registrato il 25 agosto 2021 e S1000a è stato un evento di magnitudo 4,1 verificatosi il 18 settembre ed è durato 94 minuti epici.

I due sono i primi eventi registrati che si verificano sul lato opposto del pianeta rispetto alla sonda e sono cinque volte più potenti del più grande evento registrato in precedenza: un terremoto di magnitudo 3,7 rilevato nel 2019.

Tuttavia, sulla Terra, l’S0976a e l’S1000a sono “leggeri” e si sentono come un leggero tintinnio che farebbe tremare i piatti. Ogni anno vengono rilevati più di 10.000 terremoti di questo livello.

READ  Cosa puoi vedere nel cielo notturno questa settimana

“S0976a e S1000a sono due eventi straordinari nel catalogo sismico marziano e saranno determinanti per far avanzare la nostra comprensione del Pianeta Rosso”, affermano gli autori nell’articolo.

La NASA ha annunciato i terremoti poco dopo che si sono verificati l’anno scorso (insieme a un altro terremoto più piccolo che si è verificato anche il 25 agosto), ma gli accademici li hanno finalmente nominati e classificati nel loro nuovo studio.

I dati sulle onde sismiche degli eventi potrebbero aiutare i ricercatori a saperne di più sugli strati interni di Marte, in particolare sui suoi confini centrali.

Due tipi di onde sono create dai terremoti (o “paludi”) e viaggiano attraverso la roccia solida: le onde P e le onde S.

La cosa interessante dei due terremoti è che entrambi si sono verificati nella regione d’ombra del nucleo, un’area in cui le onde P e S non possono viaggiare direttamente verso il sismometro InSight perché sono fermate o piegate dal nucleo.

Pertanto, non segue una traiettoria diretta, ma viene riflessa almeno una volta in superficie prima di essere rilevata dal sismometro InSight.

Quindi furono dati loro i nomi di onde PP e onde SS; La doppia lettera denota semplicemente un singolo “rimbalzo” sulla superficie.

Sia S0976a che S1000a si sono verificati nella regione d'ombra del nucleo, una regione in cui le onde P e S non possono viaggiare direttamente verso il sismometro InSight perché vengono fermate o piegate dal nucleo.  Le onde Pdiff sono piccole onde di amplificazione che hanno attraversato i confini del nucleo e del mantello.  (terremoto S0173a già verificatosi a maggio 2019)

Sia S0976a che S1000a si sono verificati nella regione d’ombra del nucleo, una regione in cui le onde P e S non possono viaggiare direttamente verso il sismometro InSight perché vengono fermate o piegate dal nucleo. Le onde Pdiff sono piccole onde di amplificazione che hanno attraversato i confini del nucleo e del mantello. (terremoto S0173a già verificatosi a maggio 2019)

Terremoti: Attività sismica sul Pianeta Rosso

I terremoti di Marte sono lo scuotimento della superficie o dell’interno del pianeta, causato dall’improvviso rilascio di energia all’interno del pianeta.

Sulla Terra, questo proviene dalla tettonica a zolle e su Marte possono essere punti caldi.

Questi potrebbero trovarsi in luoghi come Olympus Mons o Tharsis Montes.

Centinaia di terremoti nelle paludi sono stati rilevati entro due anni dal lavoro del robot Insight della NASA su Marte.

Il primo terremoto è stato misurato e registrato da InSight il 6 aprile 2019.

READ  L'Agenzia spaziale europea seleziona un team guidato da Thales per produrre il primo ossigeno sulla Luna

La registrazione di eventi all’interno della zona d’ombra centrale è un “vero punto di partenza” per la nostra comprensione di Marte, secondo Savas Ceylan, coautore dello studio presso l’ETH di Zurigo in Svizzera.

“Prima di questi due eventi, la maggior parte dei terremoti era entro 40 gradi da Insight”, ha detto.

“Essendo all’interno dell’ombra primaria, l’energia attraversa parti di Marte che non siamo stati in grado di campionare sismicamente prima”.

I ricercatori sono stati in grado di identificare le onde PP e SS riflesse dall’evento di agosto di 4,2 magnitudo (S0976a) e localizzarne l’origine a Valles Marineris, una vasta area di canyon su Marte.

Precedenti immagini orbitali di faglie incrociate e smottamenti indicavano che l’area sarebbe sismicamente attiva, ma il nuovo evento è la prima attività sismica confermata lì.

S1000a, l’evento di magnitudo 4.1 24 giorni dopo, era caratterizzato da onde PP e SS riflesse, nonché onde Pdiff, onde di piccola ampiezza che attraversavano il confine primario del mantello.

Questa è la prima volta che le onde Pdiff sono state osservate dalla missione InSight, secondo i ricercatori.

Non sono stati in grado di localizzare definitivamente S1000a, ma come S0976a ha avuto origine sul lato opposto di Marte.

Sebbene Marte non abbia una tettonica a zolle come la Terra, il continuo processo di raffreddamento e contrazione crea pressione.  Questa pressione si accumula nel tempo, fino a diventare abbastanza forte da fratturare la sua crosta, provocando un terremoto su Marte.  Nella foto è raffigurato un mosaico dell'emisfero di Marte di Cerbero, intorno al 1990

Sebbene Marte non abbia una tettonica a zolle come la Terra, il continuo processo di raffreddamento e contrazione crea pressione. Questa pressione si accumula nel tempo, fino a diventare abbastanza forte da fratturare la sua crosta, provocando un terremoto su Marte. Nella foto è raffigurato un mosaico dell’emisfero di Marte di Cerbero, intorno al 1990

L’energia sismica di S1000a è anche la più lunga mai registrata sulla superficie di Marte, con una durata di oltre un’ora e mezza (94 minuti).

I due traccianti differiscono in qualche modo: S0976a ha solo energia a bassa frequenza, come molti terremoti finora identificati sul pianeta, mentre S1000a ha uno spettro di frequenze molto ampio.

“[S1000a] L’autrice principale dello studio Anna Hurleston dell’Università di Bristol ha dichiarato:

Ha anche indicato che è probabile che l’origine di S0976a sia molto più profonda di quella di S1000a.

READ  La NASA cattura l'alba su Marte! Guarda la straordinaria foto di Martian Dawn del crawler di InSight

Quest’ultimo evento ha uno spettro di frequenza molto simile a un insieme di eventi che osserviamo che hanno la forma di terremoti crostali superficiali, quindi questo evento potrebbe essersi verificato vicino alla superficie.

S0976a assomiglia a diversi eventi che abbiamo identificato a Cerberus Fossae – un’area con faglie estese – le cui profondità sono progettate per essere di circa 50 chilometri o più ed è probabile che questo evento abbia avuto un meccanismo di origine profonda simile.

Complessivamente, S0976a e S1000a sono i più grandi eventi sismici registrati finora sulla superficie di Marte.

Sebbene i primi tentativi di rilevare l’attività sismica su Marte siano stati con il programma Viking nel 1975, il primo terremoto è stato confermato solo nell’aprile 2019, grazie a InSight.

Al 26 aprile 2022, la sonda è stata attiva su Marte per 1.214 sol (1.247 giorni, o 3 anni e 151 giorni). È stato approvato per estendere le operazioni fino a dicembre 2022.

Quali sono i 3 strumenti principali di INSIGHT?

Lander che può rivelare come si è formata la Terra: il lander di InSight atterrerà su Marte il 26 novembre

Lander che può rivelare come si è formata la Terra: il lander di InSight atterrerà su Marte il 26 novembre

Tre strumenti principali consentono al lander InSight di “prendere il battito cardiaco” del Pianeta Rosso:

sismometro: Lander InSight che trasporta a sismometroSEIS, che ascolta il polso di Marte.

Un sismometro registra le onde che viaggiano attraverso la struttura interna del pianeta.

Lo studio delle onde sismiche ci dice cosa potrebbe causare le onde.

Su Marte, gli scienziati pensano che i colpevoli possano essere terremoti o meteore che colpiscono la superficie.

sonda termica: La sonda a flusso di calore HP3 sta penetrando più in profondità di qualsiasi altra pala, trivella o sonda su Marte prima di essa.

Osserverà quanto calore sta ancora fluendo da Marte.

Antenne radio: Marte oscilla leggermente come la Terra mentre ruota sul proprio asse.

Per studiarlo, due antenne radio, parte dello strumento RISE, stanno tracciando la posizione della sonda in modo molto preciso.

Questo aiuta gli scienziati a testare le reazioni del pianeta e spiega loro come la struttura interna profonda influenza il movimento del pianeta attorno al sole.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x