I fondi per l’Ucraina colpita dalla crisi sono in cima all’agenda del G7; L’inflazione, il cibo una preoccupazione

È probabile che i leader del G7 concorderanno circa 15 miliardi di dollari per aiutare l’Ucraina a pagare i conti nei prossimi mesi, ma all’ordine del giorno sono anche l’inflazione elevata, i cambiamenti climatici, le catene di approvvigionamento e un’imminente crisi alimentare.

I ministri delle finanze e i governatori delle banche centrali di Stati Uniti, Giappone, Canada, Gran Bretagna, Germania, Francia e Italia – il Gruppo dei Sette – tengono colloqui mentre l’Ucraina, che la Russia ha invaso il 24 febbraio, lotta per respingere un attacco e scappa fuori. di critica.



“Dobbiamo garantire la liquidità dello stato ucraino”, ha detto ai giornalisti il ​​ministro delle finanze tedesco Christian Lindner, il cui paese detiene la presidenza di turno del gruppo, entrando nei colloqui. Lindner si è detto ottimista sul fatto che il gruppo sarebbe in grado di fornire i finanziamenti di cui l’Ucraina avrebbe bisogno nei prossimi mesi.

“La guerra in Ucraina… comporta anche ulteriori rischi per lo sviluppo dell’economia globale… inflazione, ma anche la mancata ripresa dopo la pandemia. Pertanto, dovremo discutere di cosa possiamo fare insieme nelle nostre aree di responsabilità di evitare scenari di stagflazione”, ha affermato Lindner.

La guerra ha cambiato le regole del gioco per le potenze occidentali, costringendole a ripensare relazioni vecchie di decenni con la Russia, non solo in termini di sicurezza, ma anche alleanze per l’energia, il cibo e l’approvvigionamento globale dai microchip alle terre rare.

Kristalina Georgieva, amministratore delegato del Fondo monetario internazionale, ha dichiarato di “diventare più ottimista” su un rapido accordo di finanziamento per l’Ucraina che farebbe risparmiare circa 5 miliardi di dollari al mese per i prossimi tre mesi e consentirebbe a Kiev di evitare il “terribile, terribile danno “da iperinflazione. L’Ucraina stima di aver bisogno di tali somme per mantenere pagati gli stipendi dei dipendenti pubblici e l’amministrazione in funzione nonostante la devastazione quotidiana causata dalla Russia.

READ  Gli incendi in Sardegna danneggiano case, imprese mentre l'Italia chiede aiuto

Più in generale, i politici del G7 sono anche alle prese con la questione di come contenere l’inflazione e aumentare la pressione delle sanzioni sulla Russia senza causare una recessione. Sempre più funzionari stanno coniando il termine “stagflazione”, una spaventosa combinazione degli anni ’70 di persistenti aumenti dei prezzi e stagnazione economica.

L’Ucraina ha gettato un’ombra su questi incontri. “Ma ci sono altre questioni di cui discutere”, ha affermato un funzionario del G7, aggiungendo che il debito, la tassazione internazionale, i cambiamenti climatici e la salute globale erano tutti sul tavolo.

La Commissione europea mercoledì ha offerto di fornire fino a 9 miliardi di euro (9,44 miliardi di dollari) in prestiti all’Ucraina, finanziati dai prestiti dell’Unione europea e garantiti dai governi dell’UE, per coprire i bisogni di Kiev fino alla fine di giugno.

Il Giappone si è impegnato giovedì a raddoppiare i suoi aiuti all’Ucraina a 600 milioni di dollari per aiutarla a coprire i suoi bisogni a breve termine.

L’esecutivo dell’UE ha anche proposto di creare un fondo di un importo non specificato di sovvenzioni e prestiti all’Ucraina, eventualmente presi in prestito congiuntamente dall’UE, per pagare la ricostruzione del dopoguerra.

Alcuni economisti stimano che un progetto del genere richiederebbe tra i 500 ei 2 trilioni di euro (da 524 a 2,09 trilioni di dollari), con stime che cambiano frequentemente a seconda della durata del conflitto e dell’entità della distruzione.

Con somme di questa portata, l’UE sta considerando non solo un nuovo progetto comune di prestito, sulla falsariga dell’Epidemic Recovery Fund, ma anche il sequestro di beni russi ora congelati nell’UE, come fonti di finanziamento.

La Gran Bretagna impone sanzioni alle vendite di Russian Airlines

La Gran Bretagna ha dichiarato giovedì che imporrà nuove sanzioni al settore delle compagnie aeree russe per impedire alle compagnie statali Aeroflot, Ural Airlines e Russia Airlines di vendere posti di atterraggio inutilizzati negli aeroporti britannici. Il governo del Regno Unito ha affermato di stimare che gli slot di atterraggio valgano 50 milioni di sterline (61,9 milioni di dollari). “Abbiamo già chiuso il nostro spazio aereo alle compagnie aeree russe. Il ministro degli Esteri britannico Liz Truss ha dichiarato: “Oggi ci stiamo assicurando che non possano sfruttare le redditizie slot di atterraggio nei nostri aeroporti”. “Tutte le sanzioni economiche rafforzano il nostro chiaro messaggio al (presidente russo Vladimir) Putin: ‘Non ci fermeremo finché l’Ucraina non prevarrà’. (Reuters).

L’Italia blocca 146 milioni di euro di asset di Superjet

La polizia italiana ha dichiarato di aver congelato beni per un valore di 146 milioni di dollari (153 milioni di dollari) di proprietà di Superjet International, una joint venture tra le russe Sukhoi e Leonardo, mentre il Paese persegue aziende colpite dalle sanzioni dell’Unione Europea contro Mosca.

La polizia finanziaria italiana ha affermato che la mossa ha preso di mira la partecipazione del 90% di Sukhoi nella joint venture e altre attività tra cui cinque aerei. Dissero che la quota del 10 per cento posseduta da Leonardo non era stata congelata. Superjet International ha sede a Venezia e impiega circa 140 persone in Italia. La Commissione per la Sicurezza Finanziaria del Ministero dell’Economia ha emesso un’ordinanza di sequestro della holding. (agenzie).

McDonald’s vende affari russi

McDonald’s ha iniziato a vendere i suoi ristoranti in Russia 30 anni dopo che la catena di hamburger è diventata un potente simbolo dell’allentamento delle tensioni della Guerra Fredda tra gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica. Il gigante degli hamburger ha affermato che l’attuale titolare della licenza Alexander Goffour, che gestisce 25 ristoranti in Siberia, ha accettato di acquistare 850 ristoranti McDonald’s e di gestirli con un nuovo nome. McDonald’s non ha rivelato le condizioni di vendita. McDonald’s è stato tra i primi marchi occidentali ad entrare in Russia nel 1990. Il suo scintillante supermercato vicino a piazza Pushkin a Mosca ha inaugurato una nuova era di ottimismo post-Guerra Fredda poco dopo la caduta del muro di Berlino. (AP/PTI)

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x