I funerali di Roma protestano contro i cimiteri di bare

Gli impresari hanno protestato venerdì per l’enorme accumulo di bare nei cimiteri di Roma, dicendo che le autorità cittadine non stavano affrontando l’aumento delle morti per Coronavirus. I direttori dei funerali hanno affermato che più di 2.000 cadaveri sono stati conservati nell’unico crematorio di Roma, che può gestire circa 50 corpi al giorno, mentre le camere dei cadaveri in altri cimiteri erano affollate in attesa di sepoltura o sepoltura.

Hanno detto che alcuni dei corpi erano stati immagazzinati dall’inizio dell’anno. “Siamo informati ogni pochi giorni che i cimiteri sono chiusi e non hanno più spazio per accogliere i morti”, ha detto Giovanni Cassioli, presidente del sindacato funerario italiano.

In una dichiarazione all’inizio di questa settimana, la società del consiglio comunale che gestisce le operazioni di sepoltura e cremazione, AMA, ha riconosciuto di trovarsi di fronte a una situazione senza precedenti e sta lavorando alla costruzione di 60.000 nuovi appezzamenti di terreno per la città. “AMA sta facendo del suo meglio per affrontare un numero in costante aumento di morti”, ha detto.

Ha detto che la città ha registrato 4.763 morti tra ottobre 2020 e marzo 2021, rispetto agli stessi mesi del 2019/2020, con la tendenza al rialzo che continua fino ad aprile. L’Italia ha segnalato finora 116.000 decessi correlati al coronavirus. La maggioranza si trovava nel nord Italia, ma negli ultimi mesi il virus ha mietuto un numero crescente di vittime nel centro e sud Italia.

I direttori di pompe funebri dicono che gli ascoltatori affrontano lunghe file nei cimiteri cittadini mentre aspettano che i lavoratori si registrino e conservino le bare. Un video ottenuto da Reuters mostrava grandi contenitori refrigerati parcheggiati fuori dal cimitero di Prima Porta. I lavoratori hanno detto che i contenitori erano usati per contenere le bare.

READ  Progetto del professore al Middlesex Community College per evidenziare gli italiani a Middletown

Venerdì, i manifestanti hanno deposto corone di fiori davanti al Tempio di Ercole, vicino al municipio di Roma. Le pompe funebri hanno scritto sulle ghirlande: “Scusa, non ci permettono di seppellire i tuoi cari”.

All’inizio di questa settimana, un uomo del posto ha incollato enormi poster in tutta la città per scusarsi con sua madre, che è morta all’inizio di marzo ma il suo corpo è ancora appiccicato. Gli adesivi dicono: “Mi dispiace, mamma, di non aver potuto seppellire ancora. ” I politici dell’opposizione affermano che la crisi avrebbe potuto essere evitata se la città avesse risposto agli avvertimenti nel 2017 sulla necessità di modernizzare e migliorare il crematorio.

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di Devdiscourse e generata automaticamente da un feed condiviso.)

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x