I funzionari statunitensi stanno combattendo per l’applicazione delle leggi sull’aborto risalenti al 19° secolo

In Arizona, i repubblicani stanno litigando tra di loro sull’opportunità di applicare all’edizione 2022 la legge anti-aborto vecchia di 121 anni dai suoi giorni nel selvaggio West, quando l’Arizona era ancora un distretto minerario di frontiera.

Nel frattempo, in Idaho, non è chiaro se un paio di leggi dei primi anni ’70 che lo rendevano “aiutante intenzionalmente” un aborto o pubblicando informazioni su come indurre un aborto si applicheranno insieme alla più recente legge statale quasi totale. Bandire.

La sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti che ribalta Roe v. Wade vede avvocati, pubblici ministeri e residenti in alcuni stati che devono affrontare un pantano legale creato da decenni di leggi spesso contrastanti contro l’aborto.

I politici e gli avvocati del governo statale tentano di determinare le leggi e i regolamenti applicabili. I difensori del diritto all’aborto che vanno in tribunale per proteggere il diritto di interrompere una gravidanza si trovano a combattere una battaglia su più fronti.

La dottoressa Jill Gibson, direttrice medica di Planned Parenthood of Arizona, ha parlato con il suo staff giovedì a Tempe, in Arizona. L’organizzazione ha smesso di praticare aborti subito dopo la sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti perché era preoccupata per la legge pre-statale che rendeva un crimine eseguire o assistere con gli aborti. (Matt York/Associated Press)

Il portavoce di Wasden, Scott Graf, ha detto che gli avvocati dell’ufficio del procuratore generale dell’Idaho, Lawrence Wasden, stanno sottoponendo tutte le leggi statali sull’aborto con un pettine a denti fini.

“A seguito della decisione della scorsa settimana, parte del nostro lavoro successivo consiste nel rivedere ed esaminare le attuali leggi sull’aborto dell’Idaho attraverso una lente legale post-Roe”, ha detto Graf. Questo lavoro è iniziato e continuerà nelle prossime settimane”.

In West Virginia, l’American Civil Liberties Union ha citato in giudizio per contestare il divieto di aborto che era stato messo sui libri contabili nel 1882. L’organizzazione afferma che la legge è in conflitto con leggi più recenti e dovrebbe quindi essere nulla.

“Non rimarremo a guardare mentre questo paese risale al 19° secolo”, ha affermato in una nota la direttrice legale dell’organizzazione, Laurie Stark. “Ogni giorno rimane incertezza sul fatto che questa legge possa essere applicata è un altro giorno in cui ai residenti del West Virginia viene negata un’assistenza sanitaria fondamentale e salvavita”.

GUARDA: “Caos” mentre i fornitori di aborti cercano di capire cosa è legale:

Le sfide alle “leggi sul lavoro” aggiungono confusione all’accesso ai servizi per l’aborto negli Stati Uniti

Dopo che Roe v. Wade è stato ribaltato, gli americani in cerca di informazioni su ciò che è legale nel loro stato affrontano confusione mentre i sostenitori combattono le “leggi sull’agitazione” sugli aborti.

In Wisconsin, il procuratore generale Josh Cole ha intentato una causa martedì per contestare un divieto di aborto di 173 anni, sostenendo che le generazioni moderne non l’hanno mai approvato. La legge del 1849 vietava l’aborto in ogni caso tranne che per salvare la vita di una donna incinta, un conflitto con le leggi della metà degli anni ’80 che proibivano la procedura dopo che il feto aveva raggiunto il punto in cui poteva vivere fuori dall’utero con l’intervento medico.

I funzionari del Partito Repubblicano in Arizona non sono d’accordo sulle leggi applicabili sull’aborto. Il procuratore generale Mark Brnovich ha annunciato mercoledì che una legge pre-statale che vieta tutti gli aborti è ora applicabile, ma il governatore repubblicano Doug Ducey ha affermato che la legge che ha firmato a marzo ha la precedenza sul divieto del 1901.

Quando il legislatore dell’Idaho ha approvato una “legge sul rilascio” nel 2020 che vieterebbe automaticamente quasi tutti gli aborti 30 giorni dopo la caduta di Roe, i legislatori hanno adottato alcune misure per evitare controversie chiarendo che la legge avrebbe sostituito un altro divieto. I legislatori hanno inserito un linguaggio simile in un altro divieto approvato all’inizio di quest’anno.

I manifestanti marciano intorno all'Arizona State Capitol dopo la decisione della Corte Suprema di ribaltare il caso Roe v. Wade venerdì 24 giugno 2022 a Phoenix.
I dimostranti marciano intorno all’Arizona State Capitol dopo la decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti in Roe v. Wade, il 24 giugno 2022, a Phoenix. (Ross D. Franklin/Associated Press)

Ma potrebbero aver omesso alcune disposizioni in leggi vecchie di decenni.

L’Abortion Initiation Act del 2020 afferma specificamente che una persona che cerca un aborto non può essere accusata di un crimine e concentra invece gli sforzi dell’azione penale sul fornitore di servizi di aborto. Ciò sembra prevalere sulla legge del 1973 che rende reato l’aborto, ma non è chiaro se un’altra parte della vecchia legge che rende l’aborto assistito un reato possa essere ancora applicabile.

“È difficile vedere quanto sopravvivano, a causa di tutte le controversie”, ha detto il procuratore della contea di Twin Falls Grant Lubes delle quasi 36 leggi anti-aborto sui libri in Idaho.

Dà ai sostenitori dei diritti dell’aborto molto con cui riconciliarsi.

Planned Parenthood sta facendo causa a entrambe le nuove leggi in Idaho. Ha chiesto alla Corte Suprema dell’Idaho di ascoltare le argomentazioni in entrambi i casi lo stesso giorno all’inizio di agosto nella speranza di ottenere una sentenza prima che l’atto scatenante entrasse in vigore.

READ  La nuova mappa del Congresso dell'Ohio è capovolta

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x