I leader dell’UE inviano un messaggio alla Cina per fermare Putin

Il premier italiano Mario Draghi parla ai giornalisti a Bruxelles.

Aris Oikonomou | Afp | Getty Images

BRUXELLES, Belgio – I leader dell’Unione Europea hanno inviato un messaggio a Pechino quando si sono incontrati a Bruxelles per discutere di nuove sanzioni contro la Russia: fermare il presidente Vladimir Putin.

Le autorità cinesi finora si sono rifiutate di condannare completamente l’invasione non provocata della Russia del loro vicino e hanno appoggiato le lamentele di Mosca sull’espansione della NATO.

Funzionari statunitensi hanno anche affermato che la Russia ha chiesto alla Cina Per il supporto militare ed economico, cosa che sia il Cremlino che Pechino hanno negato.

Parlando alla CNBC giovedì, il primo ministro italiano Mario Draghi ha dichiarato: “Anche la Cina lo è [the] Il Paese più importante, possono avere un ruolo fondamentale nel processo di pace, hanno molta influenza, molta influenza, quindi stiamo tutti aspettando”.

Come ha detto alla CNBC il primo ministro lettone Arturs Karenz: “La Cina ha una scelta, è una scelta semplice: fai la tua parte con la Russia – che sta dichiarando guerra all’Ucraina, bombardando donne e bambini o ospedali – o trova un modo per lavorare con l’Europa con gli Stati Uniti e con le democrazie occidentali.

Anche il primo ministro finlandese, Sanna Marin, ha descritto la Cina come un “attore importante” e ha affermato che l’UE dovrebbe garantire che “la Cina sia dalla parte giusta della storia in questa guerra”.

“Se la Cina aiuta la Russia, le sanzioni non funzioneranno”, ha aggiunto Marin [in] nel modo in cui vogliamo che funzionino”.

L’Unione Europea, insieme a Stati Uniti, Regno Unito, Canada e altri paesi, ha imposto vari round di sanzioni a Mosca per la sua invasione iniziale e la successiva guerra in Ucraina.

READ  I sindacati chiamano a scioperare alle operazioni logistiche di Amazon in Italia il 22 marzo | Reuters | Attività commerciale

Questi dovrebbero contribuire a una contrazione del 15% dell’economia russa quest’anno, che combinata con un calo del 3% il prossimo anno significherebbe eliminare 15 anni di crescita economica, secondo l’Istituto di finanza internazionale.

Tuttavia, potrebbero esserci ulteriori difficoltà economiche in arrivo.

Gli Stati Uniti hanno annunciato giovedì che intendono imporre sanzioni a circa 400 cittadini russi e anche i 27 leader dell’Unione europea stanno discutendo la possibilità di nuove sanzioni durante la riunione a Bruxelles per due giorni.

Parlando alla CNBC, il capo degli affari esteri dell’UE Josep Borrell ha affermato di aspettarsi nuove indicazioni dai capi di stato su “come continuare ad aumentare le sanzioni, le sanzioni personali e le sanzioni settoriali”.

Tuttavia, è improbabile che i leader europei arrivino al punto di imporre un embargo completo sul petrolio russo per il momento.

Sebbene un certo numero di Stati membri dell’UE, in particolare la Polonia e gli Stati baltici, siano favorevoli a un divieto immediato; Altri paesi sono scettici riguardo a questo passo, temendo le conseguenze economiche.

Il primo ministro estone Kaja Kallas ha affermato che il problema risiede nei vari livelli di dipendenza energetica russa per gli stati nazionali e l’impatto che un embargo petrolifero può avere sui cittadini europei.

“Quello che dobbiamo capire è che ogni Paese o governo dipende dall’opinione pubblica e purtroppo la pazienza degli europei riguardo alle loro comodità probabilmente non è così lunga. Quindi non abbiamo molta pazienza con questo e questo sta causando problemi a mettere [on] “Altre sanzioni”, ha detto.

“Il pubblico deve sostenere queste persone e dobbiamo capire che ci attendono tempi difficili”, ha aggiunto.

READ  Il clima estremo in Italia è una nuova normalità - esperto

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x