I leader tedesco, francese e italiano a Kiev si aspettavano un segnale di solidarietà

Kiev (Reuters) – I leader dei tre paesi più grandi dell’Unione europea, Germania, Francia e Italia, dovrebbero recarsi a Kiev giovedì per mostrare il loro sostegno all’Ucraina mentre lotta per affrontare un’implacabile offensiva russa.

Ci sono volute settimane al cancelliere tedesco Olaf Schulz, al presidente francese Emmanuel Macron e al primo ministro italiano Mario Draghi per organizzarsi con i tre uomini che cercavano di superare le critiche all’interno dell’Ucraina sulla loro risposta alla guerra.

Il viaggio previsto, che non è stato annunciato per motivi di sicurezza, arriva un giorno prima che la Commissione europea formulerà una raccomandazione sullo status dell’Ucraina come candidato all’adesione all’UE, cosa per cui i principali paesi europei sono stati tiepidi.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Parlando mercoledì in Romania, Macron ha affermato che era tempo per l’Europa di rassicurare l’Ucraina sulle sue ambizioni nell’UE. Leggi di più

“Siamo a un punto in cui dobbiamo inviare chiari segnali politici, noi europei, verso l’Ucraina e il suo popolo quando resisteranno eroicamente”, ha detto, senza entrare nei dettagli.

Kiev ha criticato la Francia, la Germania e, in misura minore, l’Italia, per la presunta lentezza nel loro sostegno all’Ucraina, accusandoli di essere lenti nel fornire armi e di anteporre la loro prosperità alla libertà e alla sicurezza dell’Ucraina.

Oleksiy Aristovich, consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, questa settimana ha dichiarato al quotidiano tedesco Bild di essere preoccupato che i tre leader avrebbero fatto pressioni su Kiev affinché accettasse un accordo di pace a favore del presidente russo Vladimir Putin.

“Diranno che dobbiamo porre fine alla guerra che sta causando problemi alimentari e problemi economici… e che dobbiamo salvare la faccia di Putin”, ha detto, riferendosi ai commenti di Macron di questo mese secondo cui era necessario non umiliare i russi capo. Leggi di più

READ  L'amministratore delegato di Eni afferma che l'Europa ha bisogno di un piano energetico a lungo termine

Affrontando questa preoccupazione, Draghi ha affermato martedì che è importante che i colloqui di pace inizino il prima possibile, ma ha aggiunto che dovrebbero essere “a condizioni che l’Ucraina considera accettabili”.

Zelensky dovrebbe spingere i suoi visitatori a inviare più armi per aiutare il suo esercito in difficoltà a resistere agli invasori russi.

L’Ucraina è stata particolarmente critica nei confronti degli aiuti militari tedeschi e l’ambasciatore tedesco a Berlino, Andrei Melnik, ha detto all’emittente tedesca NTV che si aspettava che Schulz fornisse armi pesanti che aveva promesso da tempo ma non ancora consegnato.

Shultz ha negato le accuse di aver ostacolato il supporto militare tanto necessario, dicendo che era stato uno dei maggiori sostenitori militari e finanziari dell’Ucraina e che addestrare i soldati ucraini a utilizzare i sistemi di artiglieria avanzati che offriva ha richiesto tempo.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalazioni aggiuntive di Sarah Marsh e Andreas Reinke a Berlino e John Irish e Michelle Rose a Parigi. Scritto da Crispian Balmer; Montaggio di Toby Chopra

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x