I legislatori dell’Alabama stanno correndo per proteggere i fornitori di fecondazione in vitro

I legislatori dell’Alabama stanno correndo per proteggere i fornitori di fecondazione in vitro

Commenta la foto,

I sostenitori della fecondazione in vitro hanno esercitato pressioni sui legislatori dell’Alabama affinché agiscano rapidamente per proteggere l’accesso ai trattamenti per la fertilità nello stato

Entrambe le camere della legislatura dell'Alabama hanno votato per approvare progetti di legge che proteggono i medici dai procedimenti giudiziari se danneggiano o distruggono un embrione creato mediante fecondazione in vitro (IVF).

Camera e Senato dovranno votare un disegno di legge unificato prima che diventi legge.

Ne consegue una sentenza della Corte Suprema dello stato secondo cui gli embrioni congelati hanno gli stessi diritti dei bambini e le persone possono essere ritenute responsabili della loro distruzione.

La sentenza ha creato grattacapi legali alle cliniche, molte delle quali hanno ritirato i servizi.

Giovedì la Camera dei Rappresentanti dell’Alabama ha approvato un disegno di legge per garantire l’immunità legale “in caso di morte o danni al feto di qualsiasi individuo o entità” responsabile della fornitura di servizi relativi all’inseminazione artificiale.

Diverse ore dopo, il Senato statale ha approvato un provvedimento simile.

Il disegno di legge unificato potrebbe essere sottoposto al voto di entrambe le camere entro mercoledì prossimo, prima di essere inviato al governatore Kay Ivey per l'approvazione.

Entrambi i progetti di legge arrivano meno di due settimane dopo che la Corte Suprema dell'Alabama ha stabilito che gli embrioni congelati sono considerati bambini, cosa che ha incontrato la reazione negativa di esperti medici, madri di fecondazione in vitro e gruppi di difesa della riproduzione.

Ha anche diviso i cristiani religiosi dello stato, con alcuni che lo celebrano come una “bella difesa della vita”, mentre altri hanno espresso preoccupazione per il fatto che potrebbe portare a restrizioni sui pazienti con fertilità che desiderano avere figli.

La risposta ha spinto i legislatori a lottare per proteggere l’accesso ai trattamenti per la fertilità. Ha anche scatenato dibattiti politici sui diritti riproduttivi delle donne e su come lo Stato determina l’inizio della vita.

La Camera, a maggioranza repubblicana, ha approvato il disegno di legge a stragrande maggioranza con un voto di 94-6 dopo quasi tre ore di dibattito, durante il quale alcuni legislatori hanno espresso preoccupazione per il fatto che potrebbe minare lo status dell'Alabama come stato pro-vita.

Mark Gidley, un rappresentante repubblicano, ha detto di essere preoccupato che il disegno di legge sia una “reazione istintiva” alla sentenza della corte, e che è importante che la legge riconosca che gli embrioni congelati sono vita umana.

Un altro, Ernie Yarbaugh, ha chiesto se “è possibile eseguire la fecondazione in vitro in modo pro-vita, trattando gli embrioni come bambini”.

Altri, come la deputata democratica Mary Moore, non sono d'accordo con la sentenza della corte e affermano che è importante proteggere i trattamenti di fecondazione in vitro perché aiutano molte famiglie che non possono avere figli.

Dibattiti simili sono scoppiati al Senato dello stato. Un senatore, il repubblicano Larry Staats, ha descritto la questione come un “dilemma etico”, ma ha osservato che gli embrioni scartati attraverso la fecondazione in vitro rappresentano una “piccola percentuale” rispetto agli embrioni utilizzati o conservati.

I legislatori hanno anche ascoltato donne sottoposte a trattamenti per la fertilità, una delle quali ha testimoniato davanti a una commissione della Camera di aver speso quasi 400.000 dollari (317.000 sterline) per la fecondazione in vitro e che sperava che i soldi non andassero sprecati.

Terri Collins, la parlamentare repubblicana che inizialmente ha presentato il disegno di legge alla Camera, ha affermato che il suo obiettivo è “almeno mantenere le cliniche aperte e le famiglie andare avanti” mentre i legislatori lavorano su una soluzione a lungo termine.

“La soluzione è aprire immediatamente le cliniche, ed è quello che stiamo cercando di fare”, ha detto.

READ  Gli Stati Uniti e la Cina cercheranno di ridurre le crescenti tensioni nel contesto delle sfide interne: il controllo del rischio

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x