I ministri del G7 hanno espresso preoccupazione per le politiche economiche “coercitive” della Cina

Il ministro degli Esteri britannico Liz Truss ha affermato che i ministri degli esteri del Gruppo dei Sette nazioni domenica hanno espresso preoccupazione per le politiche economiche “coercitive” della Cina in quella che i critici chiamano diplomazia “trappola del debito” nei confronti dei paesi in via di sviluppo.

I ministri hanno anche discusso “della situazione a Hong Kong e nello Xinjiang” dove Pechino è stata accusata di violazioni dei diritti umani e “dell’importanza della pace e della stabilità nello stretto di Taiwan”, secondo una dichiarazione rilasciata dalla Gran Bretagna, il presidente del G7, dopo i loro colloqui di due giorni a Liverpool, in Inghilterra.

In una dichiarazione separata, i ministri del G7 e i loro omologhi dell’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico, che hanno partecipato a parte dell’incontro, hanno ribadito il loro “interesse comune a mantenere libera e aperta la regione indo-pacifica”, in un velato confronto contro la Cina. Tentativi di cambiare l’attuale situazione regionale con la sua crescente influenza militare ed economica.

Il ministro degli Esteri giapponese Yoshimasa Hayashi ha sottolineato che l’ASEAN è la chiave per raggiungere la libertà e l’apertura della regione indo-pacifica, secondo il suo ministero.

I ministri degli esteri del G7 hanno avuto colloqui per la prima volta con i loro omologhi dei paesi dell’ASEAN, nonché con i loro omologhi di Australia, Corea del Sud e India, il secondo giorno della riunione del G7, apparentemente per coordinarsi con i 10 paesi dell’ASEAN e tre Paesi. Altri poteri regionali sulla politica cinese.

Tra gli stati membri dell’ASEAN, il Myanmar, governato militarmente, è stato escluso dal raduno poiché il paese è precipitato nel tumulto politico a seguito di un colpo di stato a febbraio.

READ  Si è tenuto a Milano il Kazakh-Italian Investment Business Forum

Da parte dell’ASEAN, Brunei e Filippine hanno partecipato di persona all’incontro, mentre quasi altri sette si sono uniti a causa dello scoppio del coronavirus Omicron.

L’ASEAN comprende Brunei, Cambogia, Indonesia, Laos, Malesia, Myanmar, Filippine, Singapore, Thailandia e Vietnam.

I ministri del G7 hanno anche chiesto “l’abbandono totale, verificabile e irreversibile” delle armi nucleari e dei missili balistici della Corea del Nord e che Pyongyang “risolva immediatamente il problema dei rapimenti”, secondo una delle dichiarazioni.

Durante due giorni di colloqui, i ministri degli esteri del G7 – Gran Bretagna, Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone e Stati Uniti, nonché l’Unione Europea – hanno espresso preoccupazione per l’accumulo militare russo vicino al confine con l’Ucraina.

Al di là delle osservazioni del presidente, i ministri del G7 hanno rilasciato una dichiarazione su Russia e Ucraina, affermando che Mosca avrebbe dovuto affrontare “serie conseguenze e costi enormi in risposta” se si fosse impegnata in un’ulteriore aggressione militare verso l’Ucraina e ha condannato l’accumulo militare e la retorica aggressiva della Russia.

Il G7 ha riaffermato il suo “fermo impegno” per la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina di fronte all’aggressione russa, elogiando la “posizione di moderazione” del Paese dell’Europa orientale.

Gli Stati Uniti ei loro alleati europei temono che il movimento delle forze e delle armi russe nella regione di confine possa essere un preludio a un’invasione.

Per quanto riguarda le attività nucleari dell’Iran, i ministri del G7 hanno accolto con favore la ripresa dei colloqui alla fine del mese scorso tra Teheran e Washington sul ritorno del paese mediorientale all’accordo nucleare multilaterale del 2015, in base al quale l’Iran ha concordato con sei grandi potenze di limitare il suo programma nucleare in cambio di sanzioni sollievo.

READ  Jennings Real Estate a Ottawa propone di costruire condomini di 139 unità vicino a Little Italy

Nel frattempo, hanno esortato l’Iran a “fermare la sua escalation nucleare”.

La crisi in Myanmar era anche all’ordine del giorno delle sessioni allargate del G7, con i ministri degli esteri che hanno espresso “profonda preoccupazione per i recenti sviluppi”, come la condanna del leader civile deposto Aung San Suu Kyi.

Per quanto riguarda la pandemia, il Gruppo dei Sette e l’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico hanno concordato di rafforzare la cooperazione per garantire la ripresa dalle ricadute economiche della diffusione del virus, secondo il ministero degli Esteri giapponese.

Il ministro degli Esteri giapponese Yoshimasa Hayashi è arrivato l’ultimo giorno della riunione dei ministri degli esteri e dello sviluppo del G7 a Liverpool domenica. | pool / tramite Reuters

In un momento di disinformazione e di molte informazioni, Il giornalismo di qualità è più importante che mai.
Iscrivendoti, puoi aiutarci a ottenere la storia giusta.

Iscriviti ora

Galleria fotografica (clicca per ingrandire)

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x