I ricercatori studiano come il clima ha influenzato le dimensioni del corpo durante l’evoluzione

TORONTO – Un gruppo di ricercatori ha scoperto la relazione tra clima e fluttuazioni delle dimensioni del corpo umano come ci siamo evoluti negli ultimi milioni di anni.

studiando, pubblicato su Nature Communications giovedì, rileva che le dimensioni umane sono cambiate drasticamente negli ultimi milioni di anni e che temperature più fredde significano dimensioni corporee più grandi. Ha anche scoperto che il volume del cervello è cambiato drasticamente, ma non in tandem con i cambiamenti delle dimensioni o della temperatura corporea.

Un team dell’Università di Cambridge e dell’Università di Tubinga ha esaminato 300 fossili di ominidi provenienti da tutto il mondo e i climi regionali degli ultimi milioni di anni. Hanno combinato questi dati per determinare il clima esatto in cui ogni fossile potrebbe vivere.

L’Homo sapiens, la nostra specie, esiste da circa 300.000 anni, ma la nostra specie esiste da molto più tempo, risalendo ai Neanderthal e ad altre specie estinte come l’Homo erectus.

L’aumento delle dimensioni è stato un segno distintivo dell’evoluzione. Secondo lo studio, l’Homo sapiens è il 50% più pesante dell’Homo sapiens e il nostro cervello è tre volte più grande del nostro.

“Il nostro studio suggerisce che il clima, e in particolare la temperatura, è stato il principale motore dei cambiamenti delle dimensioni corporee negli ultimi milioni di anni”, ha affermato il professor Andrea Manica, ricercatore del Dipartimento di zoologia dell’Università di Cambridge, che ha guidato lo studio. . In un comunicato stampa.

I climi più freddi spesso generano corpi più grandi; Si ritiene che le dimensioni maggiori agiscano da cuscinetto contro le basse temperature.

“Possiamo vedere dalle persone che vivono oggi che coloro che vivono in climi più caldi tendono ad essere più piccoli e quelli che vivono in climi più freddi tendono ad essere più grandi”, ha detto Maneka. “Ora sappiamo che le stesse influenze climatiche hanno operato negli ultimi milioni di anni”.

READ  Un satellite in legno

La relazione tra l’ambiente e le dimensioni del cervello non è così forte come la relazione tra le dimensioni e la temperatura, ma i ricercatori notano che volumi cerebrali più grandi erano associati ad aree con meno vegetazione, ma anche a climi più ecologicamente stabili. I ricercatori ritengono che questo possa essere il risultato della caccia tra questi gruppi, un compito complesso che può influenzare le dimensioni del cervello.

“Abbiamo scoperto che diversi fattori determinano le dimensioni del cervello e le dimensioni del corpo – non sono sotto le stesse pressioni evolutive. L’ambiente ha un impatto molto maggiore sulle dimensioni del nostro corpo rispetto alle dimensioni del nostro cervello”, ha affermato Manuel Weil dell’Università di Tubinga e primo autore dello studio, in un comunicato.

Questi ambienti trasportano anche più sostentamento e sostanze nutritive necessarie per aiutare lo sviluppo del cervello.

“C’è un effetto ambientale indiretto sul volume del cervello nelle aree più stabili e aperte: la quantità di nutrienti acquisiti dall’ambiente deve essere sufficiente per consentire il mantenimento e la crescita dei nostri cervelli grandi, in particolare che richiedono energia”.

I ricercatori hanno scoperto che fattori non ambientali come una vita sociale complessa, diete varie e tecnologie sofisticate hanno influenzato le dimensioni del cervello più del clima.

Le prove suggeriscono che il nostro cervello e il nostro corpo si stanno ancora evolvendo, secondo i ricercatori: si pensa che il nostro cervello stia diminuendo di dimensioni da quasi 12.000 anni e che la nostra continua dipendenza dalla tecnologia e dai computer per completare compiti complessi potrebbe ridursi ulteriormente. Ma gli esperti dicono che questa è ancora solo speculazione e nulla è coerente.

READ  La luna gigante rosa illumina il cielo notturno nel Regno Unito la prossima settimana | la luna

“È divertente speculare su cosa accadrà alle dimensioni del corpo e del cervello in futuro, ma dobbiamo stare attenti a non estrapolare troppo sulla base degli ultimi milioni di anni perché molti fattori possono cambiare”, ha detto Maneka.

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x