I ricercatori trovano prove del primo dinosauro con mal di gola e sintomi influenzali – Maple Ridge News

Il dinosauro aveva l’influenza. Davvero una brutta influenza.

Carrie Woodruff, una recente PhD dell’Università di Toronto, e un team di ricercatori hanno studiato un fossile che potrebbe fornire prove per il primo caso noto di malattia polmonare aviaria in un dinosauro. I ricercatori hanno chiamato il diploma Dolly in onore della cantante occidentale Dolly Parton.

“Quindi è così bello che puoi tenere quell’osso di 150 milioni di anni di Dolly e sai letteralmente quanto si sentiva male questo dinosauro quando era malato”, ha detto.

I resti fossili di un dinosauro bisessuale – grande, dal collo lungo, erbivoro – sono stati trovati per la prima volta nel Montana sud-occidentale, vicino al Parco Nazionale di Yellowstone, nel 1990.

Mentre il dinosauro aveva meno di 20 anni quando morì, il fossile risale al tardo Giurassico circa 150 milioni di anni fa.

“Quello che avevamo a Dolly era molto coerente con le infezioni respiratorie che si trovano negli uccelli”, ha detto Woodruff in un’intervista. “Era molto simile alla malattia respiratoria negli uccelli dall’inalazione di spore fungine”.

Ha detto che i ricercatori hanno trovato speroni ossei anormali “senza precedenti” di forma e consistenza insolite nel collo del dinosauro.

Ha detto che i bordi delle cavità che collegano i tessuti respiratori sono generalmente lisci, ma la crescita ossea in questo campione era anormale, grumosa e complessa.

“Immagina un pezzo di cavolfiore pietrificato.”

Ha sottolineato che l’infezione si è spostata dai polmoni alle ossa, il che conferma la gravità della malattia. Ha detto che una scansione TC delle protuberanze irregolari ha mostrato che erano fatte di osso anormale che probabilmente si è formato in risposta all’infezione.

READ  Salute interiore - Nelson Starr

Finora, ha detto, i ricercatori hanno trovato segni di trauma nei fossili di dinosauro come ossa rotte e in via di guarigione, ascessi dentali, artrite e cancro.

Woodruff ha detto che l’esemplare è speciale perché mostra ai ricercatori che i dinosauri potrebbero aver sofferto di malattie che ora si vedono negli uccelli.

Ha aggiunto che il disturbo respiratorio più comune che appare negli uccelli oggi è una malattia fungina e questo fossile aiuta i ricercatori a tracciare la storia evolutiva delle malattie respiratorie e offre loro una migliore comprensione delle infezioni a cui erano suscettibili i dinosauri.

Un certo numero di ceppi influenzali che infettano gli esseri umani provengono dagli uccelli, ha detto Woodruff. Presentano sintomi simili a quelli umani tra cui starnuti, tosse, mal di gola, febbre, diarrea, mal di testa, difficoltà respiratorie e perdita di peso.

Woodruff ha detto che i resti suggerivano che Dolly avesse sintomi simili all’influenza o alla polmonite. Ricerche precedenti mostrano che questi animali hanno vissuto fino alla metà degli anni ’30.

Ha detto che i resti indicano che questo animale era lungo 18 metri e pesava circa cinque tonnellate.

Il suo collo era “troppo lungo”, ha detto, estendendosi dalle narici ai polmoni o alle sacche d’aria, un forte mal di gola, aggiungendo che “avrebbe avuto bisogno di molte losanghe”.

Questi tipi di infezioni possono essere fatali per gli uccelli se non trattati, ha detto, quindi una potenziale infezione simile nel dinosauro potrebbe alla fine aver causato la morte dell’animale.

“Se potessi saltare in quella macchina del tempo e tornare indietro nel tempo in cui Dolly era viva con questa infezione, saresti ovviamente in grado di vedere che questo era un animale molto malato”.

READ  La Cina si prepara a lanciare il nucleo della sua prima stazione spaziale permanente

I diplodoside erano usati per allevare animali e dallo studio di queste creature ora, ha detto, i ricercatori sanno che quando qualcuno si ammala, l’individuo potrebbe essere andato da solo per cercare di guarire. A volte, ha detto Woodruff, l’animale malato è semplicemente in ritardo rispetto al resto della mandria e può finire come preda.

“Ma penso, in un modo o nell’altro, che alla fine abbia contribuito alla morte di questo animale”.

– Hina Alam, La stampa canadese

Scienza

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x