I rivoltosi del Campidoglio degli Stati Uniti “disposti a morire” chiedono asilo in Bielorussia | notizie di politica

Evan Neumann è fuggito dagli Stati Uniti con il pretesto di un viaggio d’affari e ha viaggiato attraverso l’Italia, la Svizzera, la Germania, la Polonia e l’Ucraina.

La televisione di stato del paese ha riferito lunedì che un americano accusato di reato per la sua partecipazione alla rivolta del 6 gennaio al Campidoglio degli Stati Uniti sta cercando asilo in Bielorussia, un riferimento alle crescenti tensioni tra l’irrequieto paese ex sovietico e gli Stati Uniti.

Evan Neumann, 48 anni, californiano, ha schernito e urlato parolacce alla polizia del Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio prima di mettersi una maschera antigas sul viso e minacciare un ufficiale, dicendo che la polizia avrebbe “aggirato” la folla, secondo i pubblici ministeri statunitensi.

Ma in un’intervista con il canale televisivo di stato bielorusso, Neumann ha respinto le accuse, che includono aggressione, ostruzione e altri crimini, sostenendo di essere perseguitato politicamente.

“Non credo di aver commesso alcun tipo di crimine”, ha detto Neumann, secondo un commento audio dalla Bielorussia 1 delle sue note sull’intervista. “Una delle accuse era molto offensiva; afferma che ho colpito un agente di polizia. Non ha alcuna base per questo”.

Centinaia di sostenitori dell’ex presidente Donald Trump hanno preso d’assalto il Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio nel tentativo di costringere il Congresso a ritardare le procedure di ratifica per la vittoria di Joe Biden alle elezioni presidenziali del 2020. L’incidente è diventato una controversa linea di demarcazione tra repubblicani e democratici nella politica americana .

Un comitato speciale della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti guidato dai democratici sta indagando sui presunti ruoli di Trump e dei suoi alleati repubblicani nel favorire la folla che ha usato spray chimici, taser elettrici e armi improvvisate. La polizia ha risposto con gas lacrimogeni e squadre antisommossa. Più di 650 persone sono state incriminate per le loro azioni il 6 gennaio, secondo l’FBI, che a marzo ha emesso un mandato di arresto per Nieman.

READ  Le azioni statunitensi salgono mentre Joe Biden nomina Powell per un secondo mandato per la Federal Reserve

Il canale 1 della Bielorussia ha promosso gli estratti della sua intervista con Neumann di domenica e ha annunciato che mercoledì avrebbe trasmesso la versione completa. Neumann ha parlato in inglese ma è stato doppiato in russo per la trasmissione, secondo quanto riportato dall’Associated Press.

L’FBI sostiene che Newman si trovava di fronte a una barriera della polizia con indosso un cappello rosso “Make America Great Again” mentre un gruppo di rivoltosi pro-Trump ha tentato di costringere gli ex ufficiali, secondo i documenti del tribunale esaminati da Al Jazeera.

“Sono disposto a morire, giusto?” L’accusa ha citato Neumann che ha detto alla polizia.

I sostenitori del presidente Donald Trump hanno sfondato le barricate della polizia e hanno superato il Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio. Più di 650 persone sono state arrestate e accusate dall’FBI. [File: Julio Cortez/AP Photo]

Il video della telecamera del corpo mostra la polizia di Washington DC Newman e altri che spingono una barricata di metallo in una fila di agenti che stavano cercando di respingere la folla prima di prendere a pugni due degli agenti e poi colpirli con la barricata.

Newman è stato identificato dagli investigatori dopo che qualcuno che ha detto essere un amico di famiglia ha chiamato l’FBI Information Line con il nome di Newman e la sua città natale di Mill Valley, in California. È stato accusato di una denuncia penale federale degli Stati Uniti che includeva immagini dettagliate della telecamera del corpo di Neumann che combatteva con la polizia e dati del telefono cellulare che mostravano che era all’interno del Campidoglio.

Neumann ha detto a Belarus 1 che la sua foto è stata aggiunta alla lista dei più ricercati dell’FBI, dopo di che ha lasciato il paese con il pretesto di un viaggio d’affari. Neumann, che possiede un produttore di borse, si è recato in Italia a marzo, poi attraverso la Svizzera, la Germania e la Polonia. Quando è arrivato in Ucraina, ha trascorso diversi mesi lì.

READ  Conti rimuove l'ostacolo di trattenere il potere, il più grande di fronte a te

Ha detto di aver deciso di attraversare illegalmente la vicina Bielorussia dopo aver notato la sorveglianza delle forze di sicurezza ucraine. “È spaventoso. È persecuzione politica”, ha detto Newman al canale televisivo.

La guardia di frontiera bielorusso-americana è stata arrestata quando ha cercato di entrare in Bielorussia e chiedere asilo a metà agosto. La Bielorussia non ha un trattato di estradizione con gli Stati Uniti.

L’ambasciata degli Stati Uniti in Bielorussia ha rifiutato la richiesta di commento di un AP. Un funzionario del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha affermato che il Dipartimento di Giustizia non commenterà “la presenza o l’assenza di mandati di arresto del governo straniero”.

1 Newman è stato descritto dai presentatori televisivi bielorussi come “un semplice americano, i cui negozi sono stati bruciati dai membri del movimento Black Lives Matter, che cercavano giustizia, facendo domande scomode, ma che ha perso quasi tutto ed è perseguitato dal governo degli Stati Uniti. “

In una breve introduzione all’intervista, il giornalista di Bielorussia 1 ha anche affermato che “qualcosa” ha fatto scappare Neumann dal paese delle libertà e delle opportunità immaginarie – un apparente disprezzo per gli Stati Uniti, che hanno imposto sanzioni multiple alla Bielorussia per i diritti umani. diritti. Violazioni dei diritti e repressione violenta del dissenso.

La Bielorussia è stata scossa da mesi di proteste dopo che i funzionari elettorali hanno concesso al presidente autoritario Alexander Lukashenko un sesto mandato alle elezioni presidenziali dell’agosto 2020 che l’opposizione e l’Occidente hanno denunciato come una farsa.

Il governo di Lukashenko ha lanciato una violenta repressione sui manifestanti, arrestando più di 35.000 persone e picchiando duramente migliaia di loro. La repressione ha suscitato una diffusa indignazione internazionale.

READ  I paesi UE-Mediterraneo chiedono un'azione globale sulla crisi climatica

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x